• +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Sicurezza

Come trasformare la propria casa in una smart home

Come trasformare la propria casa in una Smart Home

La Smart home è una casa intelligente, la quale sfrutta un impianto integrato di tipo domotico al fine di migliorare il comfort, la sicurezza ed in consumi di coloro che vi abitano.

Ma cosa si intende per casa intelligente?

Smart Home sicurezza

Una casa intelligente è una struttura dotata di tecnologie domotiche, in grado di consentire agli abitanti della stessa di programmare, automatizzare e gestire in remoto i dispositivi elettrici presenti.

Grazie alle ultime innovazioni in campo tecnologico, le Smart Home  garantiscono sia un’assoluta praticità sia una maggiore sicurezza.

Il cuore della Smart Home è la sua unità centrale, la quale collega e gestisce un certo numero di dispositivi periferici. Essa può amministrare solo alcune funzioni domestiche, quali l’accensione delle luci o l’apertura delle porte, oppure estendersi alla piena integrazione degli impianti, coordinando, ad esempio, tutte le installazioni elettriche, termiche e idriche.
Per esercitare il pieno controllo della Smart Home, l’utente può accedere al sistema attraverso interfacce dedicate. Queste ultime possono includere telecomandi, touch screen a parete o tastiere evolute. Ma anche strumenti utili per la gestione da remoto come smartphone, tablet e computer. Per il controllo a distanza della Smart Home, vengono studiati software ed applicazioni ad hoc, sempre più intuitivi ed efficienti.

Il sistema centralizzato della Smart Home consente agli utenti di gestire diverse funzionalità interne alle mura domestiche, di attivare o disattivare i dispositivi presenti, di ottimizzare i carichi energetici e di creare scenari su misura, sulla base delle proprie preferenze ed abitudini.

Puoi gestire la tua casa attraverso programma unico o un dispositivo di controllo, il quale può essere un tablet, un telecomando o un pannello touch screen. Grazie a delle semplici APP, è possibile controllare da remoto sistemi come quello dell’illuminazione, l’impianto di riscaldamento e condizionamento, l’apertura o la chiusura delle finestre e vari elettrodomestici come lavatrice, lavastoviglie, la videosorveglianza e frigorifero.

La tua casa diventerà una Smart Home quando potrà contare su un impianto innovativo, i cui dispositivi intelligenti, i quali hanno preso il posto di quelli tradizionali, saranno in grado di elaborare informazioni e comunicare tra di loro.

Quali vantaggi offre una Smart Home?

Smart Home vantaggi

 I vantaggi offerti da una casa intelligente sono i seguenti:

  • Controllo costante della casa e la sua sicurezza. All’interno della  Smart Home è infatti possibile controllare ogni dispositivo con il semplice tocco di un tasto e di conseguenza avere il pieno controllo della propria abitazione, anche da remoto. E’ possibile programmare specifiche funzioni in orari prestabiliti o memorizzare scenari, ovvero una serie di comandi che si attivano simultaneamente, pensati per rispondere alle esigenze di una particolare condizione (ad esempio, lo scenario notturno può prevedere lo spegnimento di tutte le luci, la chiusura delle tapparelle e l’attivazione del sistema antintrusione). La chiusura ed il blocco automatico di serramenti, porte e finestre difendono i principali punti di accesso della casa portando la smart home ad un livello di sicurezza superiore.
  • Maggior praticità che ti permette di gestire il tuo tempo nel migliore dei modi.
  • Ottimizzazione dei costi grazie al risparmio energetico. La domotica permette un impiego intelligente dell’energia, che viene sfruttata solo dove e quando serve. In questo modo si ottimizzano i consumi, riducendo nettamente i costi di gestione.

Oggi, se desideri che il tuo impianto di riscaldamento sia sempre aggiornato sull’ andamento del meteo e soprattutto se non vuoi sovraccaricare il tuo impianto elettrico, al fine di mantenere la temperatura della tua casa sempre a livelli ottimali, attraverso semplici applicazioni, puoi fare in modo che la lavatrice e le lavastoviglie comunichino tra loro per decidere quale tra queste si deve attivare prima. Se, ad esempio, sta arrivando un forte temporale e sei fuori casa, puoi gestire a distanza tende e tapparelle della tua casa, senza il bisogno di essere fisicamente presente nella tua abitazione.

Inoltre, se possiedi un giardini o un terrazzo, puoi collegare l’impianto di irrigazione della tua casa ad un sito di previsioni meteorologiche in modo che si attivi solo quando è necessario.

Smart Home Samsung

La soluzione Samsung Smart Home è compatibile con Nest e si prende cura della tua casa per renderla ancora più confortevole.  Nest, sia in casa che fuori casa, può interagire con i dispositivi presenti in essa e spegnerli o avviare le operazioni di pulizia quando non ci sei. Per iniziare, basta collegare il tuo account Nest all’app Samsung Smart Home con pochi semplici passi. 

Quali sono i dispositivi che rendono una casa “intelligente”?

Affinchè una casa diventi appunto intelligente, la stessa deve avere:

  • sistemi smart per il controllo della temperatura, in grado di essere regolati a distanza;
  • sistemi di sicurezza intelligenti, i quali sboccano le porte tramite smartphone e ti tengono aggiornato, attraverso uno streaming video, su chi entra ed esce dalla tua proprietà;
  • sistemi di illuminazione intelligenti che ti consentono di accendere e spegnere le luci attraverso lo smartphone e di programmare la loro accensione in determinati momenti;
  • la smart TV ed i sensori intelligenti per le piante, che ti permettono di monitorare i bisogni delle piante e controllare da remoto gli irrigatori, in modo da poterli spegnere anche a distanza.

La Smart Home è la casa del futuro. Una casa sicura, automatizzata ed user-friendly. Grazie soprattutto all’utilizzo della tecnologia domotica, ti permette di trovare una soluzione a tutte le tue esigenze pratiche, senza rinunciare all’ estetica della tua casa.

Vuoi sapere come poter trasformare la tua casa in una Smart Home? Contattaci

la-casa-intelligente-milano

La casa intelligente a Milano

Qual è l’obiettivo della casa Intelligente?

Con “casa intelligente” si indica un ambiente abitativo adeguatamente progettato e tecnologicamente attrezzato e pertanto definita “intelligente”, in grado quindi di migliorare la qualità della vita, ma anche la sicurezza in casa, grazie a dei piccoli accorgimenti.

La casa intelligente è sempre più connessa e capace di interagire con tutti i dati immessi e controllabile da un semplice smartphone, questa viene chiamata anche casa domotica o smart home.

Con una casa “domotica” è possibile infatti controllare e azionare a distanza:

  • Accendere e spegnere le luci;
  • Programmazione dell’accensione degli elettrodomestici affinché funzionino in determinate ore del giorno;
  • Riscaldamento e la climatizzazione dei locali;
  • Apertura e chiusura programmata e/o istantanea di porte, finestre e tapparelle;
  • Gestione dell’impianto antifurto.

A cosa serve e dove si può realizzare la casa intelligente:

  • Nelle case comuni  per migliorare la vita di chi le abita e anche ridurre i consumi energetici;
  • In hotel, per migliorare e semplificare la gestione e per la sicurezza dei clienti;
  • Nelle case abitate da persone con disabilità, per semplificare molte funzioni altrimenti impensabili;

Sistemi di sicurezza domotici per una casa sicura e intelligente

È possibile realizzare in tutte le case soluzioni per la sicurezza ed il risparmio energetico, grazie a dispositivi connessi alla rete wifi è possibile controllare a distanza la propria casa senza eseguire grosse opere murarie.

Tra i sistemi domotici che permettono tutto questo c’è la soluzione Smart Home “My Home Up” di Bticino, un sistema affidabile, personalizzabile e flessibile. I dispositivi di comando in questo caso possono essere semplici pulsanti a muro, piuttosto che evoluti Touch Screen o l’app, che consentono di gestire con la massima praticità la casa localmente o a distanza dal tuo smartphone.

la-casa-domotica-milano

L’illuminazione Intelligente

Cosa si intende per illuminazione intelligente? Con una casa intelligente risparmiamo anche sulla bolletta della luce. Esistono dei sistemi integrati di gestione luci che permettono lo spegnimento automatico delle stesse una volta che la casa è vuota, ci danno anche la possibilità di personalizzare le accensioni dall’ufficio oppure dal tuo divano; ti sarà capitato di accorgerti che la luce del corridoio è accesa solo una volta che ti sei accomodato sul divano, con la casa domotica non ti dovrai alzare più dal divano per spegnerla.

 

Automazioni per serramenti, porte, cancelli e tapparelle

Attraverso sistemi di automazione dei serramenti è possibile assicurare l’apertura e la chiusura delle finestre e delle tapparelle solo quando serve davvero, ad esempio per proteggere la casa dall’irraggiamento del sole o dalla pioggia.

Casa Intelligente e ristrutturazione

Per rendere domotica un’abitazione, o un intero edificio, è necessario predisporre gli impianti in questa direzione. Mentre in un impianto tradizionale, dov’è assente l’integrazione, ogni funzione prevede un cablaggio separato e dedicato, in un impianto innovativo, alle apparecchiature tradizionali si sostituiscono dei dispositivi “intelligenti” in grado sia di elaborare informazioni che di comunicare tra loro.

Per questo motivo sarà necessario intervenire con opere murarie come realizzazione tracce e la chiusura delle stesse. è consigliabile fare questo intervento quando la casa è vuota, perché in questa fase ci saranno calcinacci e polvere nell’abitazione e per facilitare i lavori.

Conclusioni:

Quindi una casa intelligente o domotica non è altro che una casa in cui vengono collegati all’impianto elettrico dei dispositivi che ci permettono di programmare, monitorare e comandare da remoto diversi componenti della casa, dalle luci all’impianto d’allarme della casa.

In una città come Milano che ha un alto tasso di furti in casa, non è trascurabile, la casa domotica ti permette di essere costantemente connesso e avvisato ogni volta che c’è un intrusione o addirittura quando viene accesa una luce.

Come avere la giusta sicurezza in casa propria

La sicurezza in casa propria è stata sempre importante, nonché un obiettivo da perseguire. Non tanto per i furti, quanto per il rischio di subire maltrattamenti o gravi lesioni quando si è tranquillamente all’interno di essa rilassati o impegnati nelle proprie faccende domestiche.
La società non è mai stata perfetta, ma forse non è mai stata così imprevedibile. Tanto da consigliare ad ogni persona civile di cercare la sicurezza, specialmente nelle grandi città.

La sicurezza in casa si può migliorare, e tanti sono gli aspetti che puoi tenere in considerazione:
1 possibilità di installare un adeguato impianto di videosorveglianza;
2 possibilità di installare un impianto di allarme;
3 installazione di serramenti certificati e costruiti con tecnologie antieffrazione;
4 installazione di sistemi di domotica.

Tutti questi sistemi sono senza dubbio costosi, ma non in modo esagerato. Puoi affrontare la spesa senza eccessive preoccupazioni.

I moderni impianti di videosorveglianza hanno fatto notevoli passi avanti rispetto al passato. Le videocamere attuali sono più piccole e dispongono di una definizione sempre più nitida. Hanno la possibilità di distinguere persone ed oggetti anche di notte, cosa che fino a poco tempo fa non era possibile.
Inoltre puoi usufruire di sistemi di videoregistrazione molto più avanzati, in grado di funzionare ininterrottamente per molte ore consecutive.
Se non ti accontenti, sappi che ogni sistema di videosorveglianza può essere attualmente controllato da remoto, mediante l’utilizzo dell’iPhone e forse anche dei più recenti smartphone. In sostanza, in ogni momento della giornata puoi collegarti con casa tua e verificare la situazione.
Questo sistema è già una parte di quella che è la domotica, cioè la casa “robotizzata”. Essa supplisce per noi in alcuni interventi quali l’accensione degli impianti, la movimentazione dei sistemi oscuranti e il controllo della videosorveglianza.

Impianto di allarme

Anche l’impianto di allarme è importante per garantirti la sicurezza. Un buon impianto consente la verifica di ogni eventuale effrazione attraverso uno dei serramenti perimetrali del tuo appartamento o della tua casa.
Se sei certo che in molti prenderanno la sirena come un inutile disturbo sonoro, certamente per te che sei al sicuro in un’altra stanza è molto utile, al fine di non subire lesioni o minacce personali.
In ogni caso anche l’allarme può essere collegato all’eventuale impianto di domotica. Esso può intervenire con molti sistemi di vario genere, fra i quali chiudere le porte interne, chiamare contemporaneamente le forze dell’ordine e te che sei in vacanza al mare, avvertire il vicino di casa o altri conoscenti. Insomma, le possibilità sono davvero infinite e tutte molto valide.
Collegare un buon impianto di allarme alla videosorveglianza ed un impianto di domotica, ti permette veramente di vivere in un ambiente sicuro ed inviolabile.

 I serramenti

Infine ti parlo dei serramenti, altro punto nevralgico per impedire le intrusioni, in special modo nelle case che non hanno un impianto di domotica. In questo caso, lasciare all’esterno gli ospiti indesiderati è fondamentale.
Per rendere i serramenti più resistenti all’intrusione esiste la nuova ferramenta a nastro. Essa presenta dei nottolini conformati a fungo, in modo che quando la finestra è chiusa, non sia possibile esercitare su di essi l’azione dello strappo.
Il nottolino è un piccolo dispositivo in genere dalla sezione cilindrica da 10×10 mm, il cui compito è quello di agganciare un elemento chiamato incontro, che si può definire la femmina del sistema nottolino-incontro. La ferramenta con nottolini a fungo, sostituisce la sezione cilindrica con una a fungo, che aggancia l’incontro trattenendo l’anta sul telaio con una forza nettamente superiore.
Per quanto riguarda i vetri, non è semplicissimo spaccare un doppio stratificato con camera, che attualmente è il minimo che si possa montare, sia per il rumore che per difficoltà oggettive. A meno che la casa non sia completamente isolata e si possa agire per molto tempo indisturbati.
Per evitare invece il trucchetto della maniglia, che consiste nel forare il serramento per far passare un ferro che agisce sulla leva, basta montare maniglie con il pulsante, che si azionano solamente con il tasto premuto.

impianto elettrico a norma

Impianto elettrico a norma: come sentirsi sicuri nella propria abitazione?

L’impianto elettrico è una componente tecnica fondamentali in tutti gli ambienti domestici e ne determina anche il comfort. È molto complesso ed articolato, perché composto da una serie di elementi tecnici. Per questo devi avere un impianto elettrico a norma di legge.

Impianto elettrico a norma: la sicurezza domestica è una grande responsabilità

Piccola guida che permette di scegliere il miglior impianto elettrico e di tutelarsi da eventuali problemi.

  1. Fatti un’idea di come sarà strutturata la tua casa.

Se l’impianto elettrico è da realizzare completamente, cerca di avere un’idea dell’arredamento della tua casa, del numero e della posizione di tutti gli apparecchi, come elettrodomestici, computer, dispositivi tecnologici. Ciò sarà fondamentale per una corretta distribuzione dei punti presa.

La norma sugli impianti elettrici ad uso domestico prevede per ognuno dei tre livelli di impianto un numero minimo di punti presa, luce e circuiti, secondo gli ambienti della casa, al fine di garantirne la più completa funzionalità.

  1. Predisponi l’impianto elettrico a norma

Una volta installato, l’impianto elettrico è parte integrante della casa ed è difficile aggiungere nuove funzioni senza intervenire sulla sua struttura.

La giusta soluzione è un impianto domotico di base e predisporre con semplici tubi le funzioni che in futuro potranno servire, come, ad esempio la motorizzazione dei serramenti che richiede che un tubo arrivi al montante e quindi va previsto.

  1. Studia ed analizza la documentazione dell’impianto della nuova casa 

Prima di acquistare un’abitazione appena costruita, si consiglia di farsi mostrare la “Dichiarazione di conformità” dell’impianto, la quale deve indicare il livello implementato e soprattutto documentare quanto un impianto elettrico è a norma..

L’attestazione di conformità degli impianti domestici è indispensabile per ottenere il certificato di abitabilità ed agibilità della casa.

  1. Rivolgiti ad installatori certificati

Un addetto ai lavori qualificato si assume la responsabilità di installare un impianto elettrico a norma di legge, rilasciando al termine dei lavori la “Dichiarazione di conformità”.

Lo scopo principale è quello di evitare gli incidenti domestici dovuti ad un’installazione “fai-da-te” errata o ad eventuali malfunzionamenti, garantendo invece l’incolumità di chi vive in casa.

  1. Scegli solo materiale con marchio CE 

Attesta la conformità dei prodotti alle disposizioni di legge. La responsabilità di questa dichiarazione è del costruttore, indicato obbligatoriamente sulla confezione.

Come comportarsi invece se si ristruttura una casa o occorre fare una manutenzione?

  1. Verifica innanzitutto che il tuo impianto sia a norma

Se non si rispetta la normativa vigente si aumentano le probabilità di dispersione elettrica, di scosse pericolose, cortocircuiti ed

Per evitare inutili rischi è fondamentale rivolgersi ad un esperto per far verificare il centralino e valutare quali elementi inderogabili mancano, come salvavita, messa a terra, protezioni contro fenomeni di sovracorrente.

  1. L’impianto è stato realizzato da più di 15 anni? Allora è da rifare

Dopo la perizia dell’esperto, se nell’impianto si riscontrano difformità rispetto alla norma, è obbligatorio provvedere alla sua messa in regola, nel minor tempo possibile e rivolgendosi sempre a professionisti certificati.

Se  l’impianto risulta obsoleto e realizzato da più di 15 anni occorre realizzarne uno nuovo, sulla base delle indicazioni di legge.

  1. Impianto elettrico a norma: sicuro e funzionale

La norma Cei 64-8 va oltre gli aspetti che riguardano strettamente la sicurezza impiantistica. In quella recente,  sono introdotti anche i requisiti minimi prestazionali e funzionali. Per ricevere la “Dichiarazione di conformità”, l’impianto elettrico deve soddisfare quindi tutte le prescrizioni che questa norma impone.

  1. Fare un controllo ogni 5 anni

Bisogna far eseguire i controlli da un esperto almeno ogni 5 anni. Un accorgimento che si può mettere in atto da soli è quello di controllare periodicamente l’interruttore differenziale, premendo il tasto T. Se questo scatta e la corrente si interrompe significa che funziona; altrimenti occorre sostituirlo perché l’impianto non è protetto.

Inoltre è fondamentale fare molta attenzione all’acqua. A differenza degli altri ambienti della casa, definiti “ordinari” dal punto di vista della sicurezza, al bagno è invece riservata particolare attenzione, per la presenza dell’acqua.

Per questo motivo la normativa ha codificato l’ambiente in zone a rischio, in cui il pericolo aumenta tanto più ci si avvicina a vasca o doccia.
In cucina invece, basta attenersi ad alcune regole di buon senso. Esse sono ormai utilizzate per convenzione (pur non essendo un obbligo), come ad esempio prese a 60 cm dalla mezzeria del rubinetto dell’acqua e da quella del piano cottura.
Per la sicurezza dei bambini, infine, esistono placche dotate di dispositivo di chiusura.

allarme antifurto casa

Come deve essere un valido impianto di allarme antifurto?

L’installazione di un impianto allarme antifurto è il mezzo più efficace per aumentare la sicurezza della propria abitazione.

Un impianto antifurto consta generalmente di 4 componenti:

  • dispositivi di comando (chiavi, telecomando, tastiera.) che servono ad attivare (o disattivare) il sistema;
  • centralina, la parte più importante, la quale elabora le varie rilevazioni che vengono registrate e trasformate in dati e che, se necessario, attiva l’allarme
  • sensori, sono i dispositivi che inviano alla centralina tutto ciò che rilevano
  • dispositivi sonori (la sirena d’allarme).

Tipologie di impianto allarme antifurto per la casa

Esistono diverse tipologie di allarme per la casa, ognuna delle quali presenta differenti tipi di rilevatori e di funzioni. Una distinzione di base può essere fatta, innanzitutto, tra impianti allarme antifurto con fili (via cavo) ed impianti allarme antifurto senza fili (wireless).

Impianti allarme con fili o via cavo

Gli impianti allarme con fili o via cavo sono composti da una rete di cavi elettrici che collegano le varie componenti del sistema disposte nell’edificio.

Sono alimentati da un circuito elettrico a bassa tensione i cui fili, solo per alcuni modelli, possono essere inseriti nel già presente impianto elettrico. In questo caso, quindi, l’installazione non richiederebbe particolari lavori di adattamento.

Questa tipologia di allarme per la casa è molto sicura.  I fili che ne permettono il funzionamento sono incassati nel muro ed il tentativo di tagliarli farebbe scattare l’intero sistema di allarme mettendo in fuga i ladri!

Installare questo impianto d’allarme è ideale negli edifici in fase di costruzione o di ristrutturazione. Altrimenti richiederebbe costi maggiori per gli interventi di foratura e riparazione dei muri per consentire il passaggio dei fili.

Le componenti da installare in un impianto di allarme per la tua casa sono minimo 3 (centrale, rilevatori e sirena). Esse  vanno collegate tra loro in tutto l’edificio e, quindi, non sempre lo spazio per inserire i fili nelle canaline di un impianto elettrico già esistente è sufficiente. Per questo motivo, le tempistiche per l’installazione dell’allarme con fili sono notevolemente alte.

Impianto allarme senza fili o via radio (wireless)

Un impianto di allarme senza fili (wireless o via radio) è analogo a quello di un sistema via cavo. E’ composto anch’esso dalla centrale di allarme, la quale gestisce l’impianto antintrusione, i rivelatori disposti nelle varie zone dell’edificio che rilevano l’intrusione ed inviano il segnale alla centralina e dei dispositivi di allarme acustici (come le sirene) o i combinatori telefonici per segnalare l’allarme alle forze dell’ordine.

Questa tipologia di impianto non richiede cavi di alcun tipo, poiché le varie componenti dell’allarme comunicano tra loro grazie alle onde elettromagnetiche, via etere.

L’energia ai vari dispositivi è fornita da batterie a lunga durata, la cui carica è periodicamente segnalata e, se è in procinto di terminare, viene avvisato l’installatore che provvede alla sostituzione. Ciò permette, inoltre, all’impianto d’allarme di funzionare anche in caso di lunghi blackout, o di guasti alla linea elettrica, mantenendo ugualmente la casa al sicuro.

Le tempistiche per l’installazione di una videosorveglianza wireless sono molti brevi.

I costi di questo antifurto sono bassi, così come quelli dell’installazione, in quanto non ci sono costi di lavori di muratura per il passaggio dei cavi. Inoltre, questo impianto può essere aggiornato e perfezionato nel tempo ed, in caso di trasloco, può essere facilmente trasportato ed installato nella nuova casa.

Impianti allarme misti via cavo e via radio

Questa tipologia di impianto allarme è così definita perché una parte dell’impianto è installata con i cavi, mentre un’ altra parte senza. Generalmente la parte installata con i cavi comprende solo la centralina, la quale è alimentata con l’energia elettrica, mentre i sensori comunicano con le onde radio.

Gli impianti d’allarme misti di solito sono la conseguenza dell’ampliamento di un impianto con cavi già esistente, ai quali vengono aggiunti altre componenti senza fili.

Impianti allarme integrati con sistemi di protezione attiva e passiva

Questa tipologia di antifurti per la casa è considerata la più efficace. Gli impianti d’allarme integrati sono progettati per proteggere l’edificio abbinando misure di protezione attiva e passiva.

In questo caso, i sensori installati in particolari punti, come la serratura della porta, aumentano sensibilmente la protezione.

Sei di Milano? Vorresti installare un impianto antifurto per la tua casa? Contattaci!

 

 

 

I soppalchi industriali

I soppalchi industriali: a cosa servono?

I soppalchi industriali sono l’ideale se vogliamo ottimizzare al meglio lo spazio delle nostre aziende. Spesso, il materiale con cui vengono prodotti è il ferro, che in questo caso è utile sia per l’uso in ambienti interni che per esterni.

 

È possibile acquistarne in misure e dimensioni personalizzate, a seconda del risultato che vogliamo ottenere all’interno della nostra azienda: in genere, molte imprese permettono l’inserimento di finiture e particolari su richiesta del committente, al fine di rendere il prodotto finale quanto più personalizzato possibile. Il risultato che si andrà ad ottenere è un prodotto pratico ed efficiente, che permette di sfruttare anche lo spazio verticale di un ambiente, e non solo quello orizzontale.

I soppalchi industriali

In molti casi, questi tipi di soppalchi servono per fare delle suddivisioni per ufficio e magazzino, ma non solo.

Permettono di organizzare le zone di lavoro nel modo più efficiente possibile.

È importante, in ogni caso, che questi prodotti siano dotati di marcatura CE, che li rende conformi alle leggi vigenti.

 

Un altro elemento molto importante è l’antisismicità, che ne garantisce quindi l’affidabilità anche in caso di leggeri sismi. Possono esistere prodotti che hanno una differente portata: si va dal classico 250 km/mq fino ad arrivare a prodotti più resistenti, che addirittura hanno una portata di 1000 kg/mq.

I soppalchi industriali migliori sono quelli che, comunque, possono essere completamente smontabili: in questo modo si possono adattare a tutte le nostre esigenze, anche future.

 

I soppalchi, come abbiamo già detto, possono essere per interni o esterni. I primi sono spesso disponibili per essere progettati e installati in modo conforme alle richieste del committente. Gli altri sono senza dubbio più resistenti, in quanto devono resistere a tutti i tipi di condizioni climatiche.

Essendo in ferro, hanno bisogno di alcuni trattamenti di finitura superficiale, attraverso zincature a caldo o verniciature speciali, onde evitare che si arrugginiscano. In questo modo, avrete la possibilità di garantirvi l’acquisto di prodotti validi e durevoli nel tempo.

 

Per acquistare soppalchi industriali, è sempre meglio affidarsi ad aziende leader nel settore, che possano garantirvi qualità ed efficienza dei loro prodotti. È importante che tali articoli abbiano tutte le certificazioni del caso, per potervi garantire affidabilità e sicurezza del prodotto finale.

 

Spesso, tali aziende si occupano anche di fornire altri prodotti come scaffalature metalliche ed elementi di carpenteria metallica, al fine di farvi avere un quadro più completo di articoli che potrebbero fare al caso vostro.

allarme casa milano - domotica

Allarme casa Milano: migliorare la sicurezza della tua abitazione

In un periodo storico nel quale vige l’incertezza economica aumentano i reati di furto nelle abitazioni. Parliamo, in particolare, dei furti a Milano. Per minimizzare il rischio di furto sarebbe utile installare un allarme in casa. Grazie alla domotica e ad internet i sistemi di antifurto per le abitazioni diventano ogni giorno piú difficili da disattivare.

Allarme casa Milano: collegato ad internet e gestibile con un’app

I nuovi sistemi di antifurto per le abitazioni utilizzano la tecnologia wireless. Gestire il proprio allarme di casa senza fili ti consente di liberarti dai cavi, quindi da impianti antiestetici e che comportano dei lavori di impiantistica interna.

Allarme casa: collegato ad internet e gestibile con un'app

Grazie ad un’app installabile sul tuo smartphone potrai gestire il sistema di allarme da remoto. Sul tuo telefono riceverai notifiche in tempo reale. Puoi attivare e disattivare l’allarme con un semplice click.

Gli impianti antifurto moderni prevedono anche l’installazione al loro interno di schede sim.

 

Proteggi la tua abitazione da malintenzionati

I costi per installare un impianto di allarme, a fronte dell’investimento che hai realizzato per comprare o ristrutturare casa, sono relativamente bassi. Proteggere la tua abitazione deve essere una priorità assoluta perché è il luogo in cui vivono i tuoi affetti, la tua famiglia. Acquistare un antifurto ti consente di vivere più sereno e di dare sicurezza ai tuoi cari.

La questione sicurezza a Milano: dati Istat

Milano risulta seconda, tra le grandi città d’Italia, per numero di furti in abitazione. Vedi la tabella 1 relativa all’anno 2014 (ultima disponibile online sul sito dell’Istat).

La questione sicurezza a Milano: dati Istat

Tabella 1

 

Questo record, in negativo, ci da un segnale forte su quanto sia sicura la città meneghina. Il furto in abitazione presuppone che vi sia un rischio più elevato di crimini contro la persona. Trovarsi i ladri in casa non è proprio piacevole! I danni arrecati non sono solo immobiliari ma anche personali.

L’invasione di un luogo così intimo da sconosciuti con intenzioni criminali può causare danni pesanti a chi è dentro casa, in particolare ai bambini.

Nella periferia di Milano, vengono commessi la maggior parte dei furti.  Il problema dei furti in casa non è trascurabile anche nel centro del capoluogo lombardo.

Quali sono i 5 motivi principali per cui installare un allarme domestico?

Quali sono i 5 motivi principali per cui installare un allarme domestico?

Se hai dei dubbi su quali benefici possa apportare l’installazione di un impianto antifurto per la tua abitazione, leggi la nostra lista dei 5 motivi utili:

  1. Proteggere oggetti preziosi

Questa è una delle motivazioni principali che stimola una famiglia ad installare un allarme. Gioielli, soldi e tutti gli oggetti che hanno un valore in casa devono stare al sicuro. L’allarme in questo caso fa da deterrente mettendo in fuga i ladri evitando danni e furti interni all’ abitazione.

  1. Aiuta il quartiere a diventare più sicuro

Secondo te, i ladri tornano spesso nei quartieri dove hanno tentato un furto ma sono stati messi in fuga da un allarme? Credo proprio di no, perché percepiscono che l’area sia più sicura rispetto ad altre. Se installi un antifurto aiuti anche i tuoi vicini ed il tuo quartiere permettendo loro di vivere più sereni e tranquilli.

  1. Migliora la sicurezza della tua casa

Un sistema di antifurto può prevedere l’installazione di telecamere interne e di sensori, ad esempio per fughe di gas e monossido di carbonio, migliorando il controllo all’ interno della tua abitazione.

Puoi configurare l’allarme in modo tale che le autorità siano immediatamente informate di un’emergenza.

  1. Aumenta la qualità di vita

La sensazione di sicurezza derivante dalla presenza nella tua abitazione di un sistema di allarme ti aiuta a vivere una vita più produttiva, sana e rilassata. Sapere che i tuoi beni e i tuoi affetti siano al sicuro può aiutarti a concentrati meglio, ad esempio sul lavoro.

  1. Consente l’accesso da remoto alla tua casa

I sistemi di sicurezza moderni consentono di monitorare in remoto, da smartphone o pc, cosa stia accadendo in casa anche quando non ci sei. A seconda del tipo di allarme, è possibile monitorare ciò che avviene tramite le telecamere. Se il tuo sistema di allarme prevede anche il collegamento con dispositivi di domotica, potrai controllare il termostato, la serratura della porta, le luci e tutti gli altri dispositivi elettronici presenti in ​​casa.

Sei di Milano? Vorresti installare un sistema di allarme? Chiedici un preventivo senza impegno.

 

 

1