stile classico Archivi – Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Archivio dei tag stile classico

Gli stili d’arredo per la tua casa

Arredare casa è un’avventura entusiasmante e divertente: attraverso mobili e altri oggetti, infatti, è possibile donare alla propria abitazione un carattere unico, facendo in modo che rispecchi il tuo gusto e che esprima la tua personalità.

In questa breve guida, prenderemo in considerazione i diversi stili d’arredo per la tua casa: dal classico al moderno, dall’industriale al shabby chic, ecco alcuni spunti interessanti per realizzare la casa dei tuoi sogni!

Gli stili d’arredo per la tua casa: classico o moderno?

Quando si parla di stili d’arredo, spesso si crede che le opzioni possibili siano sostanzialmente due: classico e moderno. In realtà esistono numerose altre sfumature tra questi due estremi; inoltre, non è detto che non si possa arredare casa facendo un mix tra oggetti di gusto classico e altri di fattura moderna.

Per completezza, comunque, prendiamo in esame entrambi questi stili così diffusi.

Lo stile classico si caratterizza per il richiamo alla tradizione: forme morbide, tessuti ricamati o comunque di foggia importante, colonne, legno massello e una generale opulenza sono i tratti distintivi di questo stile d’arredo, particolarmente gettonato per le dimore patrizie.

Lo stile moderno, al contrario, si distingue per le linee e i colori sobri, per puntare sull’essenziale e per prediligere la qualità alla quantità.

Come accennavamo, tuttavia, non è detto che stile classico e moderno costituiscano due scelte antitetiche; al contrario, sono molte le persone che amano giocare sui contrasti nel momento in cui arredano casa e, di conseguenza, è possibile, per esempio, trovare accanto a un divano in stile classico una lampada o un tavolo dal design moderno.

Gli stili d’arredo per la tua casa: lo stile industriale

Nato a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 del secolo scorso, lo stile industriale si è affermato come una delle scelte più apprezzate per l’arredamento domestico.

Il segreto del suo successo è presto rivelato: grazie ai suoi tratti grezzi ma al tempo stesso ricercati, si adatta perfettamente a qualsiasi contesto, dal moderno loft al locale all’avanguardia, fino alla casa di campagna.

Lo stile industriale è facilmente riconoscibile per l’attenzione rivolta alla materia: graffi, ruggine, legno grezzo sono elementi che, anziché sminuire l’ambiente, lo valorizzano, donandogli una personalità unica.

Gli stili d’arredo per la tua casa: lo stile shabby chic

Sai che, letteralmente, l’espressione inglese shabby chic si traduce come “trasandato elegante”? Curioso…eppure questo stile significa proprio questo!

La ragione è semplice: tra gli stili d’arredo per la tua casa, questo si distingue per caratteristiche ben precise, tra cui l’utilizzo di toni neutri (bianco, beige e grigio) e pastello e i mobili vintage, originali oppure restaurati in modo inedito e originale.

Gli stili d’arredo per la tua casa: lo stile boho chic

Consideriamo ora uno stile d’arredo diventato molto popolare soprattutto negli ultimi anni e cioè lo stile boho chic. Il termine “boho” è un’abbreviazione di bohémien e indica appunto tutto ciò che può richiamare questa filosofia.

Quando pensiamo a qualcosa di bohémien ci vengono in mente come prima cosa gli artisti e, in questo caso, i luoghi in cui vivevano: spazi pregni di creatività, nei quali chi vi abitava non aveva timore di sfidare le convenzioni.

Lo stile boho chic si propone proprio di ricreare l’atmosfera delle case bohémiennes, dando spazio ai colori dell’anima, che si rispecchiano in quelli dei diversi ambienti domestici. Ecco allora che la parola chiave per definire questo stile non può essere che “libertà”. Totale: nelle forme, nelle tonalità, negli accostamenti.

Linee avvolgenti, tessuti variopinti e finiture di diverso genere sono abbinati senza paura; un tavolino antico può essere accostato a un divano etnico, sul quale, a propria volta, si trova una coperta patchwork.

È la bohème, reinterpretata in chiave hippy. Un’esplosione di creatività che, qualunque sia il proprio punto di vista sull’arredamento domestico, metterà comunque di buonumore!

Gli stili d’arredo per la tua casa: lo stile etnico

Gli stili d’arredo per la tua casa non includono soltanto soluzioni “occidentali”. Chi ha avuto la fortuna di visitare altri Paesi sa bene quanto le altre culture possano influenzare la nostra personalità, sotto diversi punti di vista. Incluso l’arredamento.

C’è chi rimane profondamente colpito, per esempio, dall’arredamento tradizionale giapponese, in cui sobrietà e comfort sono protagonisti e dove non c’è spazio per il disordine, per l’abbondanza e per tutto ciò che è “troppo” (come, del resto, avviene in altre filosofie applicate all’arredamento, tra cui il Feng Shui).

Altri, invece, non possono fare a meno di riprodurre a casa propria l’atmosfera calda delle abitazioni africane, con i loro tessuti multicolore e le statue tradizionali intagliate nel legno.

Altri ancora, infine, sono affascinati dall’opulenza e dalla ricchezza degli arredi indiani, tanto da volerli assolutamente per arricchire la propria abitazione.

Tra gli stili d’arredo per la tua casa, lo stile etnico è senz’altro uno dei più eclettici, per il semplice motivo che è possibile creare diverse soluzioni. Non è detto anche che non si possa fare un mix con gli oggetti presi durante i propri viaggi intorno al mondo, reali o immaginari che siano.

Un Buddha o una statuetta africana possono trovarsi sul medesimo scaffale della libreria e quest’ultima, a propria volta, può essere di fattura nepalese: in questo senso lo stile etnico permette di sperimentare, costruendo l’arredamento che più rispecchia il tuo vissuto e il tuo carattere.

Gli stili d’arredo per la tua casa: lo stile vintage

Nostalgici dei gloriosi anni ’50 o dei ruggenti anni ’20? Niente paura: anche voi potete realizzare la vostra casa richiamandovi all’epoca storica che vi suggestiona di più.

Un salto al mercato delle pulci o una visita a un negozio specializzato e riuscirete senza problemi a procurarvi mobili e altri oggetti vintage con i quali dare un tocco rétro alla vostra abitazione.

Gli stili d’arredo per la tua casa: lo stile rustico

Un casale in campagna, un grazioso chalet montano o anche un appartamento in città: se sei amante dello stile rustico, che gioca sulle forme morbide e sui materiali naturali, puoi facilmente arredare casa con gusto e originalità, creando un’atmosfera calda e accogliente ideale per assicurare comfort e relax!

Bagno in stile classico, consigli sulla scelta degli arredamenti

Come arredare un bagno in stile classico

Non ami particolarmente le linee pulite tipiche del design contemporaneo?

Il bagno in stile classico dalla bellezza senza tempo è quello che si addice maggiormente ai tuoi gusti. Come arredarlo?

Consigli utili per arredare un bagno in stile classico

Oggi il bagno è visto come la stanza del comfort. Un luogo che ha resistito alla prova del tempo passando per diversi stili e design. Il termine “classico” non vuol dire vecchio ed immutabile.

Un bagno classico non è affatto un ambiente dal design superato. Anzi, è di estrema attualità e di forte tendenza perché non stanca mai ed è sempre elegante.

Niente linee essenziali e minimal ma piuttosto un ambiente raffinato nel quale i sanitari, la rubinetteria, i mobili e gli accessori sono gli elementi fortemente caratterizzanti. Un luogo in cui sanitari bianchissimi, specchi con preziose cornici e mobili in legno massello in stile retrò stupiscono ed incantano.

Ecco alcuni consigli per arredare al meglio un bagno in stile classico.

  • Colori e materiali. Riguardo la scelta dei colori del bagno in stile classico bisogna partire da una domanda: qual è il primo colore che ti viene in mente pensando ai bagni di una volta? Sicuramente il colore del legno, anche se non è il solo. Esistono infatti colori che, abbinandosi al legno, donano alla stanza un senso di intimità. Si tratta indubbiamente dei colori pastello e di colori chiari, i quali danno la sensazione di un bagno più grande. Essi sono:
  • Crema
  • Beige
  • Bianco antico
  • Verde pastello
  • Lavanda

Il marmo bianco è una scelta perfetta per rendere il bagno luminoso, ma anche il grès porcellanato effetto marmo bianco con le sue venature.

Il legno deve essere utilizzato per creare dettagli e dare personalità e senso di attenzione ai piccoli particolari.

Per dare risalto e stile al bagno, si può giocare anche sui contrasti creati fra il bianco e il nero, ad esempio dipingendo o rivestendo le pareti di bianco ed utilizzando i colori più scuri, tendenti quasi al nero, per i mobili da bagno o le mattonelle del pavimento.

  • Sanitari. Il bagno in stile classico non ammette molte variazioni sul tema. Il colore dei sanitari deve essere rigorosamente bianco.

Il wc in stile classico è in porcellana bianca, montato a terra e con cassetta dello scarico a vista. Niente wc dalle linee pulite e moderne, nè sospesi o a filo muro, né tantomeno colorati. Sono di tendenza quelli con la tubatura cromata a vista che scende dallo scarico posto in alto.

Anche il lavabo deve essere in porcellana bianca, preferibilmente con la colonna, sempre in porcellana bianca, liscia oppure lavorata. La colonna del lavabo può anche essere nascosta in un mobiletto da bagno in legno e dalle linee morbide ed arrotondate. Il lavabo deve essere d’appoggio e non sospeso, in stile Belle Epoque.

Sono molto di tendenza oggi i lavabi incassati in mobiletti di legno con le zampe, simili ai comò di una volta. In questo caso il mobile sul quale è incassato il lavabo deve essere sempre in stile retrò.

La vasca è il punto focale della stanza, l’elemento che richiama l’attenzione di chi entra nel bagno. Per questo è il sanitario forse più importante, quello che deve destare ammirazione e stupore. 

Nel bagno in stile classico la vasca freestanding con piedini in ottone lavorato è un vero must perché dà all’ambiente un’atmosfera lussuosa. Tutti i sanitari devono avere una forma tondeggiante e morbida.

  • Rubinetteria. Deve essere naturalmente in stile retrò ma allo stesso tempo deve dare l’idea del lusso. Quindi sono da preferire i materiali come l’argento, l’ottone ed il bronzo, materiali dalle linee arrotondate e morbide, che richiamano i piedi della vasca.

Puoi optare per i “miscelatori bicomando”, con le manopole separate una per l’acqua calda e una per l’acqua fredda, che fanno tanto “old style”, magari con i pomelli in ceramica e finiture anticate.

  • Accessori bagno. E’ una scelta importante perché, seppur piccoli, contribuiscono a creare l’atmosfera retrò e donano a tutta la stanza da bagno un senso di attenzione ai minimi particolari. Sono indicati specchi ovali con cornici in legno intarsiato, ma anche specchi rettangolari applicati al mobiletto bianco a forma di cassetta del pronto soccorso e con la cornice in acciaio cromato.

Ricorda che lo specchio deve avere la cornice della stessa finitura dei mobili e deve essere di grande dimensione.

  • Illuminazione, data da un bel lampadario classico in cristallo, come quelli tipici degli Anni ’60 e ’70. Per diffondere meglio la luce in alcuni punti dell’ambiente si possono utilizzare delle plafoniere in stile classico, in vetro satinato bianco o beige in modo da richiamare la cornice dello specchio, con finiture cromate per conferire all’oggetto una nota elegante. Per questo scopo vanno benissimo le plafoniere con il paralume in tessuto bianco e decorate con cristalli che richiamano il lampadario.

Tutti gli oggetti d’arredo devono avere forma arrotondata e morbida e devono essere realizzati in vetro, porcellana, legno ed ottone.

  • Mobili da bagno. Nel bagno in stile classico puoi optare per mobili in legno dalle tonalità piuttosto scure. Se desideri “alleggerire” l’atmosfera con un po’ di colore, puoi  optare per mobili in legno massello e verniciati nei colori pastello dell’ambiente circostante, oppure laccati di bianco.

Tutti i complementi d’arredo devono essere in legno. Comò, sgabelli e sedute con la tappezzeria che richiama i colori delle pareti.

In generale, i mobili in legno devono avere linee in stile retrò. A completare l’ambiente non possono mancare asciugamani in morbido cotone ricamato ed in lino, oltre che quadri alle pareti.

Vuoi dare un aspetto accogliente e di eleganza al tuo bagno? Lo stile classico è la soluzione migliore. Segui i nostri consigli.

Classico e moderno: un mix per donare stile e personalità alla tua casa

Uno dei grandi vantaggi della nostra epoca consiste nella possibilità di scegliere per la nostra casa lo stile che più ci rappresenta. Ma non solo. È anche possibile mischiare gli stili, donando così alla propria abitazione una personalità unica.

Una delle scelte più in voga, per esempio, consiste nel mixare due stili apparentemente antitetici, ossia classico e moderno. A dispetto di chi pensa che una modanatura finemente lavorata non si abbini per nulla a un leggero tavolo in vetro, l’accostamento tra classico e moderno può generare un risultato finale sorprendente.

Le caratteristiche dello stile moderno

Prima di offrire qualche esempio concreto di come si può arredare la propria casa mixando elementi classici con altri moderni, è bene considerare quelli che sono i capisaldi dell’uno e dell’altro stile.

In particolare, lo stile moderno si distingue per:

  • Il minimalismo. La parola d’ordine per una casa in stile moderno è: less is more, il che si traduce nell’invito a decorare la propria abitazione con pochi pezzi, ma di alta qualità. In una casa moderna si prediligono forme pure e linee rette, per un’eleganza sobria e mai chiassosa;
  • Una palette cromatica decisa ma mai audace. Non è raro trovare nelle case moderne tinte forti, come nero, ocra, grigio antracite o altri colori decisi; ciò non deve comunque essere scambiato per audacia ma piuttosto per l’esigenza di valorizzare, attraverso il colore, un mobilio particolarmente raffinato e dal design ricercato. In altri contesti, invece, si preferisce puntare sulle tinte chiare, dal total white alle tonalità pastello, sobrie e luminose;
  • Funzionalità. In ogni tipo di abitazione, a prescindere dallo stile con il quale si sceglie di arredarla, bisognerebbe pensare prima di tutto alla funzionalità, in modo da massimizzare il comfort abitativo. Nello stile moderno questa esigenza è ancora più sentita: ponendo l’accento sulla qualità piuttosto che sulla quantità, mobili e altri elementi d’arredo, oltre ad appagare l’estetica dei proprietari, devono poter essere funzionali al massimo, per una casa bella da vedere e comoda da abitare;
  • La luce. Si tratta di uno degli elementi più importanti, soprattutto nelle case moderne, progettate per sfruttare al meglio la luce naturale. Anche un’intelligente illuminazione, però, gioca un ruolo fondamentale: lampadari di design o pratici faretti a LED possono essere utilizzati non solo, semplicemente, per far luce, ma anche per enfatizzare particolari decorativi, come per esempio l’isola centrale in cucina oppure quadri e fotografie appesi alle pareti. Sempre con l’obiettivo di donare luminosità alla casa, lo stile moderno dà particolare valore alla trasparenza, con superfici in vetro che possono essere applicate in diversi ambienti, offrendo eleganza e leggerezza.

Le caratteristiche dello stile classico

Come per lo stile moderno, anche quello classico ha dei tratti distintivi, che possono riassumersi in:

  • Utilizzo di legno pregiato. Il legno è uno dei materiali naturali più versatili, da sempre utilizzato non solo a livello strutturale ma anche per le decorazioni interne. Nelle case classiche, non mancano mai mobili in legno massello, importanti e capaci di donare carattere e personalità a tutte le stanze della casa;
  • Rivestimenti, boiserie e modanature. Un’altra caratteristica dello stile classico è l’abbondanza, che si esprime anche nel diffuso ricorso a rivestimenti, raffinate boiserie e modanature. Elementi che rendono gli ambienti sfarzosi e prestigiosi, degni di una dimora patrizia;
  • Colori caldi. Se il diktat che caratterizza lo stile moderno è: less is more, l’espressione che più rispecchia lo stile classico è: more is more! In un contesto generoso in forme e decorazioni, i colori freddi non sono ammessi: via libera, invece, a tonalità calde, in grado di rendere l’atmosfera ancora più accogliente e invitante. Per le pareti, un’alternativa molto usata per le case classiche consiste nell’utilizzo della carta da parati, magari con delicati motivi floreali;
  • Tessili e complementi d’arredo importanti. In una casa in stile classico tappeti, tende, cuscini e, in generale, i tessili fanno la parte del leone. Seta, velluto o cotone pregiato, nella declinazione cromatica del classico rosso oppure con fantasie floreali impreziosiscono l’arredamento classico, arricchendo ulteriormente gli ambienti. In una casa in stile classico spesso si esprime anche una forte passione per l’arte, con quadri dalle cornici riccamente decorate che abbelliscono le pareti delle stanze.

Come fare un mix tra classico e moderno

Per mixare stile classico e moderno non esistono regole fisse: bisogna seguire il proprio gusto e l’ispirazione del momento. A patto, naturalmente, di trovare un equilibrio tra i due stili.

Per il soggiorno, per esempio, si potrebbe ricorrere allo stile classico per l’utilizzo della carta da parati, per il divano e per la libreria, accostando invece un tavolino da caffè semplice e sobrio, tipicamente moderno. Il tutto accompagnato da un’illuminazione dal design contemporaneo. Il risultato finale sarà un ambiente ricco e decorato, ma smorzato dagli elementi moderni.

Un’altra stanza dove è possibile giocare tra stile classico e moderno è lo studio, dove accanto a una scrivania in legno massiccio e a pareti impreziosite da cornici classiche, si possono accostare una poltrona in pelle e un tappeto in stile moderno, creando così un piacevole contrasto che regalerà carattere e personalità alla stanza.

Anche nelle camere da letto si possono mischiare elementi classici e moderni, come uno sfarzoso letto a baldacchino accostato invece a un armadio dalle linee semplici e sobrie o, ancora, una toletta classica e un letto invece dal design più semplice. Come nella zona living, inoltre, anche nelle camere da letto si può ricorrere alla boiserie come elemento decorativo.

Persino in bagno il mix tra classico e moderno può dar vita a effetti sorprendenti: un vecchio specchio dalla cornice importante può integrarsi perfettamente con un mobilio dalle linee semplici e pulite e da soprammobili di gusto tradizionale.

1