legno Archivi – Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Archivio dei tag legno

porta-scorrevole-esterno-muro-in-vetro

Perchè scegliere una porta scorrevole per gli interni?

La porta scorrevole è un elemento di design capace di migliorare l’estetica di una stanza. Le nostre abitazioni devono fornirci sensazioni di comfort, sicurezza e bellezza. Per questo, non puoi non aver mai pensato di installare una porta scorrevole nella tua casa, soprattutto se hai bisogno di risparmiare spazio.

È fondamentale prendere la decisione giusta nella scelta dei materiali e dei modelli giusti. Sul mercato ci sono migliaia di opzioni e diverse variabili. Con i miei consigli ti guiderò nella scelta della migliore soluzione per la tua casa.

Com’è fatta una porta scorrevole?

I tradizionali  modelli di porte scorrevoli hanno due sezioni di pannelli, uno fisso ed uno mobile. La porta scorrevole può essere realizzata con diversi materiali e montata su rulli ruotanti che scorrono lungo una pista fissa parallela alla parete.

Le porte in legno hanno un aspetto più carino, ma hanno un’aspettativa di vita molto breve. Il legno ha bisogno di continui trattamenti ma è un ottimo isolante. Le porte in metallo dureranno sicuramente più a lungo ma hanno un’elevata conduttività caldo-freddo.

Le porte scorrevoli per recuperare spazio

Possiamo definire questa tipologia di porte come “salvaspazio”. Le porte salvaspazio sono:

1. Funzionali: sono la soluzione perfetta per chi, di spazio, non ne possiede molto. Sono utili per recuperare spazio eliminando l’ingombro del battente sulla parete quando sono aperte.

2. Elementi di design: eleganti, minimali ed adattabili a qualunque tipo di contesto. Grazie alla loro mobilità creano continuità tra le stanze e rendono gli ambienti della casa più ariosi e luminosi in quanto posso essere installate delle vetrate che permettono alla luce di filtrare.

Tipologie di porte scorrevoli

Le porte scorrevoli sono usate per gli interni, ma anche per gli infissi esterni. Possono essere installate porte e persiane scorrevoli anche per accedere a balconi, terrazzi e giardini.

Distinguiamo due tipologie di porte scorrevoli:

1. a scomparsa o incassate all’interno di un muro. La porta scompare completamente all’interno della parete o del muro grazie alla presenza di un controtelaio che permette di accogliere per intero l’anta nascondendola all’interno di un rivestimento intonacato o di un pannello in cartongesso.

2. installate all’esterno del muro o della parete. La porta si apre lungo la parete, all’esterno appunto, scorrendo su una pista parallela al muro che può essere a vista o occultata.

Le porte scorrevoli a scomparsa

Una soluzione oggi ampiamente utilizzata grazie all’ottimo impatto estetico che queste porte generano in una casa. Sono spesso scelte anche nelle abitazioni dove non sussistono problemi di spazio per migliorare il design delle stanze.

Un esempio di impiego? Vengono spesso utilizzate per separare due locali, come soggiorno e cucina, dove una volta aperte creano l’effetto di un grande “open space”.

Le porte scorrevoli a parete

Le porte scorrevoli a parete risolvono i problema dell’ingombro del battente. Nonostante ciò occupano una porzione di parete una volta aperte, per cui sicuramente occupano una superficie maggiore rispetto alle porte a scorrevoli a scomparsa. Quando la porta non può essere incassata al muro non c’è un’altra soluzione!

Efficienza energetica, comfort e sicurezza

Dovresti cercare una porta con tripla protezione:

1. contro le intemperie: ad esempio, puoi acquistare porte in alluminio legno. Belle e resistenti ai fattori atmosferici.

2. con protezione antimicrobica che combatte la crescita di muffe e batteri.

3. con sistemi di isolamento termico: fatti consigliare dal tuo installatore di fiducia una porta che abbia i telai, i binari e le maniglie con l‘imbottitura in schiuma che funge da isolante termico della porta.

Prima di acquistare una porta scorrevole valuta l’affidabilità e le certificazioni del produttore. L’aspetto funzionale è molto importante soprattutto per il sistema di bloccaggio. Le porte non devono mai sollevarsi dai binari. Per questo scegli porte con sistema di fissaggio a 2 punti che garantiscono una migliore fluidità di scorrimento della porta ed un migliore sistema di bloccaggio.

Quando hai intenzione di acquistare prodotti per la tua casa, assicurati di scegliere un produttore certificato ed affidati sempre ad un installatore che ti fornisca tutte le informazioni di cui necessiti. È possibile acquistare le migliori porte del mondo ed avere problemi funzionali se non vengono installate correttamente!

Se vivi a Milano e vuoi installare delle porte a scomparsa o a parete puoi contattare Ristruttura Interni. Vendita ed installazione di porte scorrevoli con lavori di muratura, tutto compreso. Preventivo personalizzato.

finestre in legno bianche

Finestre in legno: perché sceglierle preferendole al PVC?

Secondo il Green Builders Digest, “le finestre in legno ben progettate e ben tenute possono durare per tutta la vita dell’edificio in cui sono installate”. Ti starai chiedendo perché? In questo articolo cercherò di sfatare il falso mito degli infissi in legno che secondo il pensiero comune durano di meno rispetto a materiali come il PVC o l’alluminio.

Partiamo da un concetto di base: nessun materiale è esente da manutenzione. Anche gli infissi, quindi, hanno bisogno di manutenzione a prescindere se il materiale di costruzione è il legno, il PVC o l’alluminio.

Quali sono le qualità delle finestre in legno e quanto durano?

Gli sviluppi nella progettazione e nella finitura delle finestre in legno ha determinato la creazione di prodotti che riducono al minimo la ritenzione idrica e la penetrazione dell’umidità.

Grazie alle pitture microporose il legno può respirare e questo determina una ridotta degradazione degli infissi nel tempo.

Hai presente le vesciche che si creano sul legno a causa dell’umidità? Bene, dimenticale, appartengono al passato. Le finestre rifinite che installiamo giornalmente devono essere ridipinte dopo almeno 10 anni. In seguito i cicli di verniciatura variano da 5 a 10 anni. Eseguendo queste piccole manutenzioni il legno può durare moltissimo! Quindi, se è vero che le finestre in legno necessitano di manutenzione, le moderne finestre ad alte prestazioni rendono la manutenzione eccezionalmente semplice.

A differenza del PVC o dell’alluminio, con il legno si può osare di più in termini di design. Ad esempio l’azienda produttrice di infissi in legno Pavanello, di cui siamo rivenditori e con la quale collaboriamo da anni, può rifinire finestre in legno con una tonalità di colore adatta a qualsiasi progetto.

Mentre il costo iniziale delle finestre in legno è sicuramente superiore a quello di altri materiali, il costo di manutenzione è quantomeno pari agli altri materiali con il grosso vantaggio che il legno ha un basso impatto ambientale. Per questo gli infissi in legno hanno un eccellente rapporto qualità-prezzo.

Un ulteriore vantaggio economico delle finestre in legno è la possibilità di ripararle e ripristinarle anche se non si è dei professionisti. Con i giusti prodotti potrai limitare i costi di manutenzione.

Infine, il legno è, naturalmente, un isolante naturale. Le finestre in legno, combinando ottimi materiali lignei con il sistema a doppio vetro isolante e con un buon sistema di tenuta stagna, non hanno difficoltà a soddisfare i più alti requisiti attuali di risparmio energetico.

 

Desideri installare nuove finestre in legno per la tua abitazione? Noi siamo a Milano. Contattaci!

1