ecobonus Archivi – Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Archivio dei tag ecobonus

Energie rinnovabili: come risparmiare con i bonus

Energie rinnovabili: come risparmiare con i bonus

Energia climatica, sconti fiscali e tecnologie innovative a disposizione di tutti pongono l’approvvigionamento da fonti pulite al centro del dibattito energetico. Una soluzione vincente per risparmiare soldi, ridurre l’inquinamento e salvaguardare il Pianeta.

Energie rinnovabili: incentivi statali e nuove opportunità

Siamo in un ambito complesso: non è facile, infatti, stare al passo con gli aggiornamenti tecnologici che si susseguono nel settore delle “rinnovabili”, così come risulta difficile comprendere i meccanismi che regolano gli incentivi statali.

Non ci si orienta facilmente tra le varie opportunità e, soprattutto, non è semplice valutare che cosa sia meglio scegliere. Se, sulla carta, le tecnologie oggi disponibili sono potenzialmente adatte ad ogni situazione, nella pratica non è esattamente così. Per questo motivo, ogni decisione va presa a seguito di un parere tecnico, ad esempio, facendo realizzare un’analisi energetica personalizzata che tiene conto tanto del fabbisogno quanto del contesto in cui si interviene.

Uno degli ultimi passaggi per rendere operative le disposizioni introdotte nel mese di Marzo 2020 con il DL “Milleproroghe” e per anticipare, in via sperimentale, il recepimento della direttiva europea RED2, è il decreto emanato nel mese di Settembre 2020. Quest’ultimo impone di agevolare le comunità energetiche, ovvero le coalizioni di utenti che, tramite l’adesione ad un contratto, collaborano per produrre, consumare e gestire l’energia attraverso uno o più impianti energetici locali, con l’obiettivo di fornire energia pulita a prezzi accessibili ai propri membri.

Detrazioni fiscali 2021 per le fonti energetiche rinnovabili

Per gli interventi sulle abitazioni che riguardano le fonti energetiche rinnovabili, attualmente sono previsti i seguenti incentivi statali:

  • Bonus Casa, detrazione fiscale IRPEF, ripartita in 10 quote annuali di pari importo. E’ una misura strutturale rivolta ad interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente, realizzati in singole unità immobiliari, edifici o parti comuni condominiali ed esclusivamente nella destinazione d’uso di tipo “residenziale”.

Attualmente l’aliquota di detrazione è pari al 50% delle spese sostenute (importo massimo detraibile 96.000€ per ciascuna unità immobiliare.

Tra gli interventi agevolati: installazione di impianti fotovoltaici.

  • Ecobonus: detrazione fiscale IRPEF O IRES, ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Non essendo strutturale, si tratta di una misura che viene approvata dalla Legge di Bilancio.

Riguarda gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti realizzati su singole unità immobiliari, edifici o parti comuni condominiali.

L’aliquota e l’importo massimo detraibile variano a seconda della tipologia di interventi: 50 o 65%. Può raggiungere il 70, 75, 80 o 85% nel caso di interventi sulle parti comuni condominiali.

Tra gli interventi agevolabili: il solare termico e le pompe di calore.

  • Superbonus, comprende interventi sia di efficienza energetica sia antisismici. La detrazione, ripartita in 5 quote annuali, è del 110% delle spese sostenute entro il 30 Giugno 2022. Questa data è valida per le parti comuni perché i lavori devono essere conclusi entro il 30/06.

Gli interventi possono essere raggruppati in due macrocategorie: “trainanti”, i quali consentono l’accesso diretto alla misura del 110% e “trainati”, quelli che possono essere agevolati solo se realizzati congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti, salvo alcune eccezioni indicate al comma 2 dell’art. 119.

Tra gli interventi agevolati: il solare termico e le pompe di calore, l’installazione di impianti fotovoltaici

  • Conto termico 2.0, si tratta di un sistema incentivante finalizzato all’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili per impianti di piccole dimensioni.

L’ammontare dell’incentivo erogato al soggetto responsabile non può eccedere, in nessun caso, il 65% delle spese sostenute ammissibili e la misura non può essere riconosciuta agli interventi per la cui realizzazione siano concessi altri incentivi statali, fatti salvi i fondi di garanzia, i fondi di rotazione ed i contributi in conto interesse.

Alcuni interventi riguardano le fonti energetiche rinnovabili come solare termico, pompa di calore.

Quali sono le novità per il residenziale?

Ci sono essenzialmente due novità: il Superbonus 110% ed il Decreto per le comunità energetiche rinnovabili.

Con il primo si ha la possibilità di intervenire a livello di sistema-edificio, con cappotto termico, infissi a tenuta, aggiungendo fotovoltaico e pompe di calore innovative per coprire gran parte dei consumi energetici. In più, se si installa un adeguato sistema di accumulo e, perché no, una colonnina di ricarica  per veicoli elettrici, ci si rende energeticamente autosufficienti, contribuendo alla stabilità della rete.

Con la seconda novità, ovvero il tanto atteso Decreto di recepimento della Direttiva Europea 2018/2021, si rende possibile abbattere le barriere che, fino ad oggi, hanno impedito di ipotizzare e realizzare comunità energetiche.

Il nostro Paese dovrò recepire la Direttiva Europea entro Giugno 2021 ma intanto è possibile iniziare a sperimentare comunità energetiche per configurazioni fino a 200 kW, grazie all’approvazione di un emendamento contenuto nel “Milleproroghe”. In questo contesto, l’innovazione che si è messa in moto consentirà di valorizzare appieno l’energia autoprodotta da rinnovabili.

Non hai ancora aderito ad alcun Bonus 2021? CONTATTACI e ti supporteremo anche in ciò!

Guida alla scelta di finestre di qualità

Guida alla scelta di finestre di qualità

La scelta dei serramenti è molto importante per un’abitazione perché ne influenzano il comfort ed il risparmio energetico ma anche l’estetica.

Quali sono i fattori da tener presente per un buon acquisto?

Le finestre, all’apparenza, sembrano elementi architettonici molto semplici, formati da un’intelaiatura che racchiude una lastra di vetro. In realtà esistono tante tecnologie e soluzione che rendono diversi i vari modelli ed ovviamente ne determinano le prestazioni.

La struttura, cioè i profili delle finestre, è costituita da una parte fissa e da una mobile (l’anta), tenute insieme da un’apposita ferramenta. Vediamoli nel dettaglio.

  • Parte fissa, formata da un controtelaio (o falso telaio) che fa da elemento di connessione tra la muratura ed il serramento ed un telaio fisso, che sostiene l’intera struttura della finestra e fa da cornice. Nel caso di sostituzione di vecchi serramenti è spesso necessario montare un nuovo telaio sopra il preesistente che funge da controtelaio. Tra i due elementi viene lasciato un piccolo spazio che assorbe le tolleranze di fabbricazione e permette di eseguire i piccoli aggiustamenti necessari per assicurare la verticalità del serramento (cioè la sua messa a piombo).
  • Elementi mobili. Sono le ante, costituite da un telaio mobile e dal vetro, ancorate al telaio fisso con le cerniere, che svolgono anche la funzione di scaricare il peso delle ante e del vetro sulla struttura.
  • La ferramenta. Comprende tutti gli elementi metallici che permettono montaggio, movimento e manovra della finestra: punti di chiusura, aste di manovra, bloccaggi, maniglie, fermi e cerniere. La ferramenta inoltre è importante perché influisce anche sulla sicurezza antieffrazione.

Un serramento di qualità si riconosce anche dalla ferramenta che deve garantire sicurezza. Oltre ad una dotazione base indispensabile, a volte è possibile aggiungerne una antieffrazione. In particolare, si possono prevedere: elementi in acciaio temperato, ancorati su una base in acciaio all’interno del telaio; nottolino a fungo, dispositivo che vincola l’anta del telaio, incastrandola; perni di sicurezza del nodo centrale che bloccano le ante tra loro; serratura con chiave e sensori d’allarme.

Nel caso di abitazioni isolate o poste in zone ad alto rischio di furti, è possibile far montare vetri antieffrazione o antisfondamento. Realizzati con due o più lastre di vetro unite da pellicole in materiale plastico (Pvb), sono in grado di resistere a ripetuti urti inferti anche con oggetti metallici pesanti.

Nel complesso, la resistenza antieffrazione viene valutata in classi (EN 1627-1630), assegnate in seguito al superamento di prove presso enti riconosciuti, dalla RC1 (la più bassa) alla RC6, di massima sicurezza. La scelta dipende dal tipo di abitazione e dal livello di rischio. Le più adatte in ambito residenziale sono le RC2-RC4.

  • Vetro. Più propriamente detto vetrocamera in quanto formato da due o più lastre separate da distanziatori, si trova all’interno delle ante, bloccato tramite un profilo fermavetro. Diverse le tipologie: basso emissivo, selettivo, riflettente, fonoassorbente e blindato.

Finestre di qualità: gli elementi che possono fare la differenza

Funzione primaria dell’infisso è quella di essere una barriera contro gli agenti atmosferici: non deve lasciar passare acqua ed aria, deve isolare da caldo e freddo (in base alla stagione) e dai rumori.

I materiali con cui sono realizzati i profili delle finestre e la vetrocamera, che occupa la maggior parte della superficie, hanno un ruolo fondamentale, ma non bisogna trascurare altri elementi “nascosti”.

Lungo il perimetro esterno delle ante sono presenti delle guarnizioni, che consentono la chiusura ermetica del serramento. Devono essere elastiche per garantire la sua perfetta efficienza. Le tipologie migliori sono realizzate in EPDM, uno speciale materiale plastico dotato di memoria che, anche se manipolato, ritorna sempre alla forma originaria senza deformarsi.

Nei serramenti decisamente più performanti ne sono presenti almeno 3 o 4: due nell’anta, una nel telaio ed una al di sotto della vetrocamera.

Le canaline o distanziatori sono gli elementi che separano le lastre della vetrocamera, garantendone la tenuta ermetica agli agenti atmosferici e la resistenza meccanica. Quelle che offrono prestazioni maggiori da questo punto di vista sono dette warm edge (canaline calde) realizzate in materiale isolante.

Nel caso di grandi serramenti alzanti scorrevoli, la presenza di una soglia termica evita la formazione di ponti termici (tipici ad esempio dell’alluminio) ed il conseguente sviluppo di condensa: è una barriera che impedisce ad acqua ed aria di penetrare all’interno dell’ambiente.

Profili e lastre: principali elementi di un serramento di qualità

Per entrambi non è possibile indicare una gamma migliore di un’altra in assoluto perché nella scelta occorre considerare soprattutto la tipologia di abitazione, il tipo di coibentazione e la zona climatica di appartenenza.

Dal punto di vista del design, le linee sono sempre più snelle per lasciare più spazio alla superficie vetrata fino a raggiungere l’effetto “tutto vetro” ma senza pregiudicare le prestazioni del serramento.

I materiali più utilizzati per la realizzazione dei profili sono tre, in quanto dotati di caratteristiche isolanti intrinseche, qualità che possono essere ulteriormente migliorate grazie ad alcune tecnologie costruttive ed alla combinazione con altri materiali.

Il legno è un ottimo isolante termico ed acustico da sempre utilizzato per realizzare serramenti. Si tratta di un materiale naturale avente un’elevata capacità di arredare gli ambienti e che dona un piacevole senso di calore.

Viene utilizzato solitamente quello lamellare, composto da più strati incollati e pressati. Esso assicura elasticità ed indeformabilità anche con il passare del tempo, poiché non si dilata e non si curva.

Le essenze disponibili sono diverse: pino, abete, frassino, rovere e okoumè. Diverse anche le finiture: vernici trasparenti che ne evidenziano il colore naturale, laccatura a poro aperto che ne lascia intravedere le venature, laccatura coprente colorata.

E’ importante che la verniciatura sia ecologica all’acqua e ad alta protezione, soprattutto per il lato esterno. Il legno, essendo un materiale vivo, sole ed intemperie nel corso del tempo possono corrodere la vernice.

L’alluminio, leggero ma resistente agli agenti atmosferici, indeformabile e durevole, non richiede alcun tipo di manutenzione. E’ inoltre un materiale riciclabile.

Il difetto è quello di essere un materiale ad alta conducibilità termica. Per questo motivo è importante che l’infisso sia “a taglio termico”, ovvero abbia un sistema che interrompa conduzione e dispersione del calore. In questo modo si evitano fenomeni di condensa d’inverno e surriscaldamento d’estate.

Si tratta di un materiale avente un’ampia gamma estetica: può essere anodizzato, ossidato o verniciato in tutte le colorazioni della gamma Ral e può avere anche finiture effetto legno.

Il PVC è un ottimo isolante sia termico sia acustico. (conducibilità termica molto bassa).

Isola da gelo, acqua e vento. E’ resistente alle intemperie e non si rovina neanche con piogge acide e salsedine. Resiste ad abrasione, usura ed agenti chimici. Non necessita di particolare manutenzione: è sufficiente una pulizia con detergente neutro.

Diverse le finiture possibili: bianca, colorata o con pellicole ad effetto legno.

Tutte queste caratteristiche hanno contribuito al successo crescente dei serramenti con profilo in PVC insieme al prezzo competitivo ed alle innovazioni che negli anni ne hanno migliorato le prestazioni.

LEGGI ANCHE: Serramenti intelligenti, il sistema domotico Velux Active

Sostituzione dei serramenti: Ecobonus 50% e Superbonus 110%

Per la sostituzione dei serramenti, se migliora le prestazioni energetiche dell’edificio, è sempre possibile usufruire dell’Ecobonus, pari al 50% di quanto speso, da scontare in 10 anni sull’Irpef.

Il Decreto Rilancio, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 Maggio 2020, ha potenziato questa detrazione portandola al 110%, per le spese sostenute dal 1 Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021.

La sostituzione dei serramenti non permette di usufruire direttamente del Superbonus ma solo in abbinamento ad uno degli interventi trainanti, come il cambio della caldaia o la realizzazione del cappotto termico, con il conseguente miglioramento di due classi di efficienza energetica, da certificare obbligatoriamente tramite l’Attestato di prestazione energetica (APE) redatto da un tecnico.

Hai scelto il serramento che più di adatta al tuo stile? Approfitta delle detrazioni fiscali e richiedi un preventivo gratuito. Sarai ricontattato immediatamente!

1