bambino Archivi – Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Archivio dei tag bambino

Arriva un bebè: quali lavori fare in casa

La nascita di un bambino è un evento che porta gioia e allegria…ma anche un gran daffare!

Ancora prima che il bebè faccia il suo ingresso in casa, iniziano i preparativi per accogliere al meglio il nuovo venuto: si allestisce la cameretta, si ricamano i corredini, si acquistano gli accessori che saranno indispensabili immediatamente dopo il rientro dall’ospedale, come il fasciatoio, la culla o la vaschetta per il bagnetto.

Quando si è in attesa di un figlio, dunque, la casa cambia volto. Ma come fare per non creare troppo disordine e realizzare un ambiente realmente kid-friendly? Ecco qualche consiglio utile.

L’importanza del tempo

Un primo accorgimento da adottare se si desidera ristrutturare casa per l’arrivo di un bebè consiste nel scegliere il momento giusto per farlo.

La primavera e l’estate sono le stagioni ideali per intraprendere lavori di ristrutturazione: grazie al bel tempo, si potranno tenere gli ambienti ben arieggiati se si pitturano le pareti; se si hanno altri figli si può contare sulle vacanze estive per poter concedere loro un po’ di svago altrove se la casa è completamente sottosopra o, al contrario, coinvolgerli attivamente affidandogli lavoretti adatti alla loro età.

Ambienti a misura di bambino…ma non troppo!

Dare un nuovo look alla propria casa in occasione dell’arrivo di un bambino significa anche progettare gli spazi a misura dei più piccoli.

Attenzione, però, a non eccedere. Non dimenticate che quello che fino a poco tempo fa era un grazioso pargoletto in fasce, in pochi mesi riuscirà a camminare sulle proprie gambe e ancora prima che riusciate a rendervene conto sarà cresciuto di altre due o tre spanne.

Anche se i mobili si possono cambiare a seconda della crescita del bambino, è bene non pensare tutti gli spazi in formato “mini”. Alcune persone, per esempio, installano delle piccole docce in bagno, che, seppure utili per i bambini in età prescolare, presto saranno solo elementi che occuperanno spazio inutilmente.

Anche per il lettino è meglio pensare al futuro: tolte culle e lettini per neonati, indispensabili per il loro comfort, nel momento in cui si sceglie il letto della cameretta è buona norma optare per una soluzione che, in quanto a misure, andrà bene anche più avanti.

Un’alternativa molto interessante consiste nei cosiddetti lettini montessoriani, la cui peculiarità è l’altezza da terra: essendo molto bassi, infatti, sono sicuri anche per i bambini più piccoli, pur essendo disponibili anche nelle misure standard dei letti singoli. Per aumentare ulteriormente la sicurezza è anche possibile installare delle sponde, che si possono poi rimuovere non appena il bambino sarà cresciuto.

Riguardo alla progettazione degli spazi secondo le regole della pedagogia montessoriana, vale la pena aprire una parentesi. In base a questa filosofia di pensiero, infatti, gli ambienti della casa devono essere sicuri per i più piccoli ma anche pensati per sviluppare al meglio le loro abilità e aiutarli nel proprio percorso verso l’autonomia.

Un oggetto molto utile in questo senso è, per esempio, lo scaffale portagiocattoli, suddiviso in diversi scomparti, dove il bambino può riporre i suoi giochi in base alla categoria. In questo modo, si aiuterà il bimbo a tenere in ordine i propri spazi, rendendo la cameretta (o, comunque, la stanza che si è scelto di adibire al gioco e allo svago) un ambiente pulito e accogliente.

La cameretta? Deve riflettere la loro personalità

Con le moderne tecniche ecografiche, oggi quasi tutti i futuri genitori, entro il quinto mese di vita del bimbo che aspettano, sanno il sesso del nascituro, a meno che, per scelta, non si desideri aspettare il momento della nascita per sapere se sarà un maschietto o una femminuccia.

Quale che sia il sesso del bambino, tuttavia, non bisogna dimenticare che la cameretta sarà un luogo molto importante per lui o per lei, dove trascorrerà la maggior parte del proprio tempo.

Di conseguenza, se si ristruttura la stanza dei bambini quando si è ancora in attesa, è bene non eccedere con decorazioni prettamente maschili o femminili: magari la vostra bimba non apprezzerà un ambiente rosa confetto o il vostro bambino non sarà interessato a macchinine e trattori.

E se quando è ancora in fasce non se ne renderà ancora ben conto, nel giro di due o tre anni esprimerà i suoi gusti e, magari, finisce che avete fatto un importante investimento per allestire una cameretta dove proprio vostro figlio non vuole stare.

Per iniziare, dunque, meglio optare per decorazioni “soft”, per esempio dipingendo le pareti con colori neutri ma magari arricchendole con qualche adesivo murale, che un domani può essere facilmente rimosso. Anche per il colore e le finiture dei mobili, se volete già creare la cameretta mentre vostro figlio è ancora neonato il consiglio è quello di non sbilanciarsi troppo: meglio scegliere un modello con colori “unisex”, come rovere o verde, che possono adattarsi tanto a un maschio quanto a una femmina.

Se invece il bambino è più grande, perché non coinvolgerlo direttamente nella scelta della cameretta? Definite un budget e considerate un ventaglio di modelli possibili, da scegliere insieme a vostro figlio: sicuramente opterà per la soluzione che meglio riflette la sua personalità.

A corto di idee? Perché non rivolgervi a un interior designer?

La sicurezza prima di tutto

Nel momento in cui si ristruttura casa per l’arrivo di un bebè, uno degli aspetti più importanti da considerare riguarda la sicurezza. In pochi mesi, infatti, vostro figlio gattonerà ovunque, si tirerà in piedi attaccandosi ai mobili e la sua giornata trascorrerà con un unico obiettivo: esplorare il più possibile l’ambiente che lo circonda.

Per questo motivo, è necessario prendere alcune misure di precauzione, tra cui:

  • Inserire gli appositi copri presa nelle prese della corrente;
  • Tenere lontani dalla portata del bambino detersivi, coltelli, forbici e oggetti di piccole dimensioni, che potrebbero facilmente essere ingeriti;
  • Installare cancellini se si hanno scale in casa.

Semplici accorgimenti, che tuttavia vi aiuteranno ad accogliere al meglio il nuovo arrivato e a vivere insieme a lui o a lei la vostra nuova casa.

1