Ristrutturazione – Pagina 2 di 18 – Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Ristrutturazione

Come rendere la casa pet friendly

Nel corso degli ultimi trent’anni, il concetto di animali da compagnia ha conosciuto una rapida evoluzione e oggi si tende a considerare cani, gatti ma anche conigli e criceti come veri e propri membri della famiglia.

Gli italiani, in particolare, sono tra più appassionati fan dei pets: secondo le stime, sono più di 32 milioni gli animali da compagnia presenti nelle case, da nord a sud della Penisola, cifra che colloca il nostro Paese tra i primi in Europa per numero di pets per abitante.

Una diffusione così capillare di animali da compagnia ha portato inevitabilmente a grossi cambiamenti nella vita quotidiana delle persone: cani, gatti, uccellini, conigli, criceti e furetti hanno bisogno di cure costanti, il che si traduce nella necessità di organizzare con la massima efficacia il ménage familiare.

Ma non solo. Gli amanti dei pets che hanno a cuore il benessere dei propri beniamini devono anche sistemare gli ambienti domestici in modo razionale, per garantire il comfort e la sicurezza degli animali.

Ecco allora qualche consiglio utile su come rendere la casa pet friendly.

Elettrodomestici ad hoc

La crescente presenza di animali da compagnia nelle case ha indotto molte aziende che producono elettrodomestici a progettare soluzioni ad hoc dedicate ai proprietari di pets.

Soprattutto per quanto riguarda cani e gatti, soggetti a periodiche mute di pelo, mantenere una corretta pulizia degli ambienti è indispensabile: rendere la casa pet friendly significa anche assicurare l’igiene necessaria, rimuovendo i peli caduti tramite prodotti specifici.

Ricordiamo infatti che, oltre ad aumentare polvere e sporco, i peli penetrano facilmente nelle fibre dei tessili, come cuscini, divani e tappeti e se non vengono aspirati possono non solo rovinare nel lungo periodo gli oggetti su cui si depositano (più i peli si accumulano, più è difficile toglierli) ma anche contribuire all’insorgenza di sintomi di allergia tra le persone.

Insomma: se volete bene ai vostri animali da compagnia, tenete gli ambienti puliti. Si tratta di un accorgimento utile non solo a garantire il benessere e la salute dei vostri familiari, ma anche quella dei vostri amici pelosi o piumati, che infatti hanno l’abitudine di mantenere in perfetto ordine nidi e tane.

Per facilitarvi il compito, in commercio potete trovare soluzioni pensate per ogni esigenza, che vi permetteranno di svolgere questa piccola incombenza in modo semplice e veloce.

Dove sistemare le cucce

Chi desidera imparare come rendere la casa pet friendly non può esimersi dallo scegliere con attenzione dove collocare la cuccia o, comunque, il ricovero per il proprio animale.

Per quanto riguarda i cani, l’ideale è sistemare un materassino o una brandina in un angolo, prestando attenzione a non scegliere un punto né troppo caldo (per esempio, accanto a un calorifero) né troppo freddo, come può essere vicino a una portafinestra.

I cani, infatti, amano rifugiarsi in un luogo intimo e raccolto, dove riposarsi dopo una bella passeggiata con i loro amici a due zampe. E non preoccupatevi di tenere troppo alto il riscaldamento: al contrario, anche i cagnolini di piccola taglia soffrono più le temperature elevate che il freddo e per scaldarsi non faranno altro che acciambellarsi su se stessi, prima di sprofondare in un bel sonno ristoratore.

I gatti, invece, d’inverno amano il tepore del riscaldamento domestico e non è raro trovare spesso il micio appollaiato a sonnecchiare proprio sopra il termosifone; per questo, il ricovero dei gatti, che può essere per esempio un comodo sacco nanna, può essere collocato anche nei pressi delle fonti di calore che, durante i mesi freddi dell’anno, assicureranno al vostro micio il clima ideale per riposare in tranquillità.

Molte persone hanno invece l’abitudine di far dormire il proprio pet su letti e divani: in questi casi, per non rovinare i mobili, è consigliabile stendervi sopra una vecchia coperta o un lenzuolo dismesso, che assicureranno comfort agli animali senza danneggiare i tessuti.

Come rendere una casa pet friendly: la sicurezza

Spesso si paragonano gli animali da compagnia ai bambini e, in effetti, sono molti i proprietari che trattano il loro pet alla stregua di un figlio. Non bisogna però dimenticare che, al contrario degli esseri umani, cani, gatti &Co. non crescono mai e, di conseguenza, l’ambiente dove vivono deve essere sempre sicuro per loro.

Per questo è opportuno adottare alcuni accorgimenti molto semplici ma al tempo stesso indispensabili per garantire la sicurezza di tutta la famiglia, tra cui:

  • Installare cancelletti sulle scale o dove vi sono spazi nei quali agli animali da compagnia non è consentito accedere. Se si prende un cane cucciolo, per esempio, non è ancora fisicamente in grado di scendere e salire i gradini con facilità da solo e inoltre prima dell’anno di età andare su e giù dalle scale potrebbe compromettere il corretto sviluppo delle articolazioni, con ripercussioni negative sulla sua qualità della vita negli anni a venire. Al tempo stesso, se in una determinata stanza della casa è meglio che i vostri amici non entrino (per esempio perché vi riponete detersivi oppure oggetti pericolosi per gli animali) è meglio aggiungere un cancelletto di sicurezza, perché potrebbe capitarvi di dimenticare la porta aperta;
  • Controllare i cavi elettrici: per cuccioli e gattini, ma anche per i piccoli roditori, sgranocchiare il filo del telefono o di lampade da terra e abat-jour può essere molto divertente. Purtroppo, però, è anche molto pericoloso: attenzione quindi, se lasciate gli animali liberi in casa mentre siete assenti, a mettere in sicurezza tutti i cavi elettrici, per esempio nascondendoli dietro ai mobili o coprendoli con altri oggetti, in modo da impedire ai vostri beniamini di raggiungerli;
  • Attenzione ai piccoli oggetti: molto spesso, i nostri amici a quattro zampe non distinguono sempre ciò che è commestibile da ciò che non lo è. Tra le best practices da attuare per rendere la casa pet friendly una delle più importanti consiste nell’aver cura di non lasciare in giro piccoli oggetti, dai calzini alle viti, ma anche matite da disegno e sacchetti di plastica, che potrebbero facilmente essere ingeriti dai vostri beniamini con conseguenze anche letali.

Rivestire il pavimento con la moquette: scelta originale o demodé?

Pensare alla moquette vi fa subito venire in mente un interno in stile anni ’80? Non è detto. Rivestire il pavimento con la moquette, infatti, è una scelta che, se ad alcuni può apparire del tutto fuori moda, per altri offre numerosi vantaggi.

Scopriamo allora insieme quali sono i pro e i contro della moquette in casa.

I vantaggi della moquette

  • La moquette dà un tocco di originalità in casa

Diciamo la verità: rivestire il pavimento con la moquette, nel XXI secolo, è una scelta coraggiosa. Tuttavia, la moquette può riservare grandi sorprese, soprattutto in termini di originalità dell’arredamento, aggiungendo carattere e personalità alla casa, sia che essa sia improntata su uno stile classico sia moderno e formale che, infine, casual.

In altri termini, la moquette, contrariamente a quanto si possa pensare, è un tipo di rivestimento estremamente versatile, in grado di integrarsi senza difficoltà tanto al mobilio più sobrio e rigoroso quanto a quello più barocco.

Quale che sia lo stile della vostra casa, optando per il rivestimento dei pavimenti con la moquette una cosa è certa: chi varcherà per la prima volta il vostro uscio non potrà rimanere indifferente alla sua morbida presenza.

  • La moquette accresce il comfort domestico

Piastrelle e pavimenti in legno rappresentano una soluzione comoda e pratica, senza contare le infinite combinazioni possibili che si possono ottenere dal punto di vista estetico.

Non bisogna però dimenticare che si tratta pur sempre di superfici dure e, chi trascorre molto tempo in casa e sbriga numerose faccende, sa bene come a fine giornata ci si senta i piedi stanchi e doloranti e, magari, si avverta un po’ di fastidio anche alle ginocchia e persino alla schiena.

Ciò accade perché ogni passo che si compie su una superficie dura ha un impatto, seppur lieve, sulle articolazioni.

Rivestire il pavimento con la moquette, al contrario, rappresenta un’opzione estremamente confortevole, perché la superficie morbida attutisce il contatto tra i piedi e il terreno, con una conseguente riduzione del fastidio articolare.

La moquette è comoda anche se ci si vuole sedere o sdraiare a terra, accrescendo così il vostro comfort domestico.

  • La moquette dà calore

Quante volte vi è capitato di risvegliarvi e provare quella sensazione di leggero fastidio appoggiando i piedi nudi sul pavimento freddo? Bene, con la moquette questo problema non sussiste, perché rappresenta un eccellente isolante termico.

Durante i mesi più freddi dell’anno, inoltre, contribuisce a ridurre la dispersione di calore, consentendovi anche di risparmiare sulle bollette.

  • La moquette attutisce i rumori

Le case in cui è presente la moquette sono generalmente più silenziose, perché questo tipo di rivestimento attutisce molto i rumori, incluso il calpestio.

La moquette può dunque essere una valida opzione nel caso in cui si abbiano bambini piccoli che magari giocano in casa, lasciando ai piccoli la libertà di divertirsi ma senza arrecare troppo disturbo ai vicini di casa.

  • La moquette è sicura

Soffice e morbida, la moquette è anche più sicura del pavimento in piastrelle o del parquet, perché se si cade accidentalmente il rischio di procurarsi ferite è minore.

  • La moquette è relativamente economica

Rivestire il pavimento con la moquette è una scelta anche relativamente a basso costo, nel senso che posarla non richiede una spesa eccessiva ma al tempo stesso bisogna considerare che la sua durabilità è inferiore rispetto a piastrelle e legno e che quindi va cambiata più spesso.

Gli svantaggi della moquette

La moquette offre molti vantaggi, però ha anche dei contro.  Vediamo allora i possibili motivi per cui scartare l’idea di rivestire il pavimento con la moquette.

  • Germi e allergeni

Tappeti e moquette sono confortevoli, aggiungono personalità all’arredamento e offrono un notevole impatto estetico, ma non bisogna dimenticare che nelle fibre del tessuto si nascondono diversi germi, che possono sì essere facilmente debellati con la pulizia al vapore ma non tarderanno a riformarsi di nuovo sulle superfici.

La moquette, inoltre, trattiene anche polvere e pollini, che possono accrescere i sintomi di allergia.

  • L’usura

Rispetto a parquet e piastrelle, la moquette è molto più soggetta a usura e va sostituita con maggiore frequenza.

A livello estetico, inoltre, può essere depenalizzante il fatto che le parti usurate si concentrino in alcuni punti della casa (ovvero nelle zone dove si passa più spesso, come per esempio il corridoio), creando così uno sgradevole effetto a macchia di leopardo.

Se si ha la moquette in casa, poi, non bisogna dimenticare di togliersi subito le scarpe perché i micro sassi che si annidano nelle scanalature delle suole fungono da vere e proprie lamette, tagliando le fibre del tessuto.

  • La manutenzione

Un’altra ragione per cui occorre ponderare con cura la scelta di rivestire il pavimento con la moquette è che questa richiede molto tempo e impegno per quanto riguarda la sua manutenzione: è infatti necessario non solo passare frequentemente l’aspirapolvere (anche due volte al giorno se si hanno animali domestici) ma anche intervenire tempestivamente nel caso la superficie si macchi con prodotti specifici.

Consigli utili per prendersi cura al meglio della moquette

Rivestire il pavimento con la moquette è dunque una scelta originale o nostalgica?

In qualunque modo la pensiate, la moquette rimane comunque un’opzione interessante per il rivestimento delle superfici, sotto diversi punti di vista.

Per prendersene cura al meglio, è buona norma adottare alcuni semplici accorgimenti, tra cui:

  • Tenerla pulita il più possibile, evitando anche di camminarci sopra con le scarpe;
  • Sistemare una passatoia o un ulteriore tappeto nelle zone più trafficate per scongiurare le “chiazze” di usura;
  • Intervenire subito se si macchia;
  • Se avete bambini piccoli che fanno merenda, sistemare sotto di loro un tappeto in plastica per salvaguardare la superficie.

Come utilizzare il cartongesso per decorare casa

Si trova ovunque: in casa, in ufficio, in un negozio. Il cartongesso fa da molto tempo parte della nostra vita quotidiana, eppure in pochi sanno effettivamente come è fatto, quanto è utile e come può essere utilizzato nell’arredamento domestico.

Prima di scendere nel dettaglio e scoprire come utilizzare il cartongesso per decorare casa, è necessario aprire una parentesi su cos’è questo materiale e a cosa serve.

Il cartongesso è un materiale da costruzione, impiegato soprattutto per la creazione di pareti e soffitti; nel corso del tempo, i professionisti del settore edilizio ne hanno sperimentato molti altri usi – che vedremo più avanti – come per esempio per la realizzazione di librerie, elementi architettonici e oggetti di design.

Perché il cartongesso è così popolare? La risposta è facile da indovinare: questo materiale, infatti, si installa in modo semplice e veloce, è resistente e, in caso di danneggiamento, può essere riparato senza troppi problemi.

Come accennavamo, il cartongesso si trova quasi ovunque, tanto in contesti residenziali quanto industriali e commerciali: qui, può essere utile per nascondere pilastri o travi d’acciaio, mentre nelle case viene comunemente utilizzato per creare controsoffitti o coprire la struttura dei caminetti (il cartongesso presenta anche un’eccellente resistenza al calore).

La storia del cartongesso

Curiosi di sapere come utilizzare il cartongesso per decorare casa? Ci arriveremo. Prima, però, vogliamo raccontarvi la storia di questo materiale, tanto versatile e diffuso, quanto, per alcuni aspetti, sconosciuto.

Era il 1916 quando la National Gypsum Company, un’impresa edile statunitense, creò il cartongesso, originariamente chiamato Sackett Board, da Sackett, una ditta sussidiaria della Gypsum incentrata sulla produzione di gesso. Inizialmente, il materiale era impiegato sotto forma di piastrelle ignifughe, ma nel giro di pochi anni cambiò forma e venne venduto in lastre di gesso e carta multistrato.

Ci vollero appena una decina d’anni per realizzare il cartongesso così come lo utilizziamo oggi, ossia lastre composte da gesso e carta pesante. Cosa interessante, mentre furono necessari pochi anni perché il cartongesso si evolvesse nel materiale che conosciamo ancora oggi, ne sono occorsi 25 per introdurlo definitivamente nel settore edilizio ed essere impiegato in modo diffuso e sostanziale.

Fu solo con il coinvolgimento degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale, infatti, che i costruttori capirono i vantaggi di un uso capillare del cartongesso: mentre la maggior parte della forza lavoro del Paese era concentrata sulla produzione bellica e tanti uomini erano impegnati sul fronte, l’utilizzo di materiali di costruzione veloci ed economici diventò un’assoluta necessità. Grazie al cartongesso, si poteva completare la costruzione di case e fabbriche in tempi record e con molta meno manodopera.

L’impiego del cartongesso, inoltre, veniva considerato “patriottico”, perché permetteva ai cittadini di dedicare più tempo e denaro per l’obiettivo bellico.

Con la fine della guerra, nel 1945, il cartongesso ha conosciuto un vero e proprio boom, diffondendosi in tutto il mondo; in Italia, la produzione e l’utilizzo del cartongesso sono stati implementati in particolare a partire dagli anni ’50 e ’60 del secolo scorso.

Come è fatto il cartongesso

Il cartongesso vanta molte proprietà che hanno contribuito al suo successo e alla sua diffusione capillare: è ignifugo, idrorepellente, facile da installare, economico, tanto per citare alcuni dei tanti vantaggi che questo materiale è in grado di assicurare. Ma come è fatto il cartongesso? E quanto deve essere spesso?

Per quanto riguarda lo spessore, è variabile in base al tipo di applicazione: una parete in cartongesso, per esempio, può essere spessa circa 8-10 mm, ma nei centri per il bricolage si trova cartongesso anche di 12,5-13 mm di spessore.

Rispetto, invece, alla sua composizione, si tratta, come abbiamo già accennato di lastre realizzate con un corpo centrale in gesso e poi inserite tra due fogli di cartone precedentemente trattati per garantire la massima resistenza e fungere da “armatura” esterna.

Come la parte in cartone, anche quella in gesso può essere trattata con additivi, in modo da garantire la resistenza al fuoco, all’acqua e all’umidità oppure agli urti.

Idee per decorare casa con il cartongesso

Versatile, economico e ricco di proprietà, il cartongesso è sempre più impiegato anche per l’interior design, assicurando un notevole effetto estetico. Ecco allora alcune idee su come utilizzare il cartongesso per decorare casa:

  • Controsoffitti: si tratta di una delle soluzioni più semplici e, al tempo stesso, più di impatto. I controsoffitti in cartongesso, infatti, consentono di modellare e dare movimento agli ambienti e, in più, offrono la possibilità di realizzare particolari effetti con l’illuminazione, per esempio installando faretti a LED, che permettono di valorizzare alcuni particolari dell’arredamento;
  • Pareti: un classico. Le pareti in cartongesso sono una delle soluzioni più diffuse per personalizzare la casa secondo il proprio gusto e le proprie esigenze. Uno dei contesti di applicazione ideali per le pareti in cartongesso sono gli open space, dove grazie a questo materiale si possono creare diversi micro-ambienti (una tranquilla area relax, per esempio, oppure un divisorio per la cucina), lasciando comunque gli spazi aperti e comunicanti;
  • Nicchie, mensole, testiere in camera da letto. Si tratta di espedienti molto utili per dare brio all’arredamento della zona notte senza fare grosse modifiche strutturali. In questo caso, il cartongesso permette di arricchire la decorazione delle stanze da letto e, nel contempo, creare spazi per riporre libri, soprammobili, fotografie e altri oggetti;
  • Librerie. Un’altra modalità di utilizzo del cartongesso per la decorazione della propria casa consiste nella realizzazione di librerie, da posizionare in soggiorno o in ingresso. Si tratta di una soluzione molto versatile, che conferisce leggerezza all’ambiente e consente un notevole risparmio rispetto all’acquisto di un mobile tradizionale;

Arriva un bebè: quali lavori fare in casa

La nascita di un bambino è un evento che porta gioia e allegria…ma anche un gran daffare!

Ancora prima che il bebè faccia il suo ingresso in casa, iniziano i preparativi per accogliere al meglio il nuovo venuto: si allestisce la cameretta, si ricamano i corredini, si acquistano gli accessori che saranno indispensabili immediatamente dopo il rientro dall’ospedale, come il fasciatoio, la culla o la vaschetta per il bagnetto.

Quando si è in attesa di un figlio, dunque, la casa cambia volto. Ma come fare per non creare troppo disordine e realizzare un ambiente realmente kid-friendly? Ecco qualche consiglio utile.

L’importanza del tempo

Un primo accorgimento da adottare se si desidera ristrutturare casa per l’arrivo di un bebè consiste nel scegliere il momento giusto per farlo.

La primavera e l’estate sono le stagioni ideali per intraprendere lavori di ristrutturazione: grazie al bel tempo, si potranno tenere gli ambienti ben arieggiati se si pitturano le pareti; se si hanno altri figli si può contare sulle vacanze estive per poter concedere loro un po’ di svago altrove se la casa è completamente sottosopra o, al contrario, coinvolgerli attivamente affidandogli lavoretti adatti alla loro età.

Ambienti a misura di bambino…ma non troppo!

Dare un nuovo look alla propria casa in occasione dell’arrivo di un bambino significa anche progettare gli spazi a misura dei più piccoli.

Attenzione, però, a non eccedere. Non dimenticate che quello che fino a poco tempo fa era un grazioso pargoletto in fasce, in pochi mesi riuscirà a camminare sulle proprie gambe e ancora prima che riusciate a rendervene conto sarà cresciuto di altre due o tre spanne.

Anche se i mobili si possono cambiare a seconda della crescita del bambino, è bene non pensare tutti gli spazi in formato “mini”. Alcune persone, per esempio, installano delle piccole docce in bagno, che, seppure utili per i bambini in età prescolare, presto saranno solo elementi che occuperanno spazio inutilmente.

Anche per il lettino è meglio pensare al futuro: tolte culle e lettini per neonati, indispensabili per il loro comfort, nel momento in cui si sceglie il letto della cameretta è buona norma optare per una soluzione che, in quanto a misure, andrà bene anche più avanti.

Un’alternativa molto interessante consiste nei cosiddetti lettini montessoriani, la cui peculiarità è l’altezza da terra: essendo molto bassi, infatti, sono sicuri anche per i bambini più piccoli, pur essendo disponibili anche nelle misure standard dei letti singoli. Per aumentare ulteriormente la sicurezza è anche possibile installare delle sponde, che si possono poi rimuovere non appena il bambino sarà cresciuto.

Riguardo alla progettazione degli spazi secondo le regole della pedagogia montessoriana, vale la pena aprire una parentesi. In base a questa filosofia di pensiero, infatti, gli ambienti della casa devono essere sicuri per i più piccoli ma anche pensati per sviluppare al meglio le loro abilità e aiutarli nel proprio percorso verso l’autonomia.

Un oggetto molto utile in questo senso è, per esempio, lo scaffale portagiocattoli, suddiviso in diversi scomparti, dove il bambino può riporre i suoi giochi in base alla categoria. In questo modo, si aiuterà il bimbo a tenere in ordine i propri spazi, rendendo la cameretta (o, comunque, la stanza che si è scelto di adibire al gioco e allo svago) un ambiente pulito e accogliente.

La cameretta? Deve riflettere la loro personalità

Con le moderne tecniche ecografiche, oggi quasi tutti i futuri genitori, entro il quinto mese di vita del bimbo che aspettano, sanno il sesso del nascituro, a meno che, per scelta, non si desideri aspettare il momento della nascita per sapere se sarà un maschietto o una femminuccia.

Quale che sia il sesso del bambino, tuttavia, non bisogna dimenticare che la cameretta sarà un luogo molto importante per lui o per lei, dove trascorrerà la maggior parte del proprio tempo.

Di conseguenza, se si ristruttura la stanza dei bambini quando si è ancora in attesa, è bene non eccedere con decorazioni prettamente maschili o femminili: magari la vostra bimba non apprezzerà un ambiente rosa confetto o il vostro bambino non sarà interessato a macchinine e trattori.

E se quando è ancora in fasce non se ne renderà ancora ben conto, nel giro di due o tre anni esprimerà i suoi gusti e, magari, finisce che avete fatto un importante investimento per allestire una cameretta dove proprio vostro figlio non vuole stare.

Per iniziare, dunque, meglio optare per decorazioni “soft”, per esempio dipingendo le pareti con colori neutri ma magari arricchendole con qualche adesivo murale, che un domani può essere facilmente rimosso. Anche per il colore e le finiture dei mobili, se volete già creare la cameretta mentre vostro figlio è ancora neonato il consiglio è quello di non sbilanciarsi troppo: meglio scegliere un modello con colori “unisex”, come rovere o verde, che possono adattarsi tanto a un maschio quanto a una femmina.

Se invece il bambino è più grande, perché non coinvolgerlo direttamente nella scelta della cameretta? Definite un budget e considerate un ventaglio di modelli possibili, da scegliere insieme a vostro figlio: sicuramente opterà per la soluzione che meglio riflette la sua personalità.

A corto di idee? Perché non rivolgervi a un interior designer?

La sicurezza prima di tutto

Nel momento in cui si ristruttura casa per l’arrivo di un bebè, uno degli aspetti più importanti da considerare riguarda la sicurezza. In pochi mesi, infatti, vostro figlio gattonerà ovunque, si tirerà in piedi attaccandosi ai mobili e la sua giornata trascorrerà con un unico obiettivo: esplorare il più possibile l’ambiente che lo circonda.

Per questo motivo, è necessario prendere alcune misure di precauzione, tra cui:

  • Inserire gli appositi copri presa nelle prese della corrente;
  • Tenere lontani dalla portata del bambino detersivi, coltelli, forbici e oggetti di piccole dimensioni, che potrebbero facilmente essere ingeriti;
  • Installare cancellini se si hanno scale in casa.

Semplici accorgimenti, che tuttavia vi aiuteranno ad accogliere al meglio il nuovo arrivato e a vivere insieme a lui o a lei la vostra nuova casa.

Classico e moderno: un mix per donare stile e personalità alla tua casa

Uno dei grandi vantaggi della nostra epoca consiste nella possibilità di scegliere per la nostra casa lo stile che più ci rappresenta. Ma non solo. È anche possibile mischiare gli stili, donando così alla propria abitazione una personalità unica.

Una delle scelte più in voga, per esempio, consiste nel mixare due stili apparentemente antitetici, ossia classico e moderno. A dispetto di chi pensa che una modanatura finemente lavorata non si abbini per nulla a un leggero tavolo in vetro, l’accostamento tra classico e moderno può generare un risultato finale sorprendente.

Le caratteristiche dello stile moderno

Prima di offrire qualche esempio concreto di come si può arredare la propria casa mixando elementi classici con altri moderni, è bene considerare quelli che sono i capisaldi dell’uno e dell’altro stile.

In particolare, lo stile moderno si distingue per:

  • Il minimalismo. La parola d’ordine per una casa in stile moderno è: less is more, il che si traduce nell’invito a decorare la propria abitazione con pochi pezzi, ma di alta qualità. In una casa moderna si prediligono forme pure e linee rette, per un’eleganza sobria e mai chiassosa;
  • Una palette cromatica decisa ma mai audace. Non è raro trovare nelle case moderne tinte forti, come nero, ocra, grigio antracite o altri colori decisi; ciò non deve comunque essere scambiato per audacia ma piuttosto per l’esigenza di valorizzare, attraverso il colore, un mobilio particolarmente raffinato e dal design ricercato. In altri contesti, invece, si preferisce puntare sulle tinte chiare, dal total white alle tonalità pastello, sobrie e luminose;
  • Funzionalità. In ogni tipo di abitazione, a prescindere dallo stile con il quale si sceglie di arredarla, bisognerebbe pensare prima di tutto alla funzionalità, in modo da massimizzare il comfort abitativo. Nello stile moderno questa esigenza è ancora più sentita: ponendo l’accento sulla qualità piuttosto che sulla quantità, mobili e altri elementi d’arredo, oltre ad appagare l’estetica dei proprietari, devono poter essere funzionali al massimo, per una casa bella da vedere e comoda da abitare;
  • La luce. Si tratta di uno degli elementi più importanti, soprattutto nelle case moderne, progettate per sfruttare al meglio la luce naturale. Anche un’intelligente illuminazione, però, gioca un ruolo fondamentale: lampadari di design o pratici faretti a LED possono essere utilizzati non solo, semplicemente, per far luce, ma anche per enfatizzare particolari decorativi, come per esempio l’isola centrale in cucina oppure quadri e fotografie appesi alle pareti. Sempre con l’obiettivo di donare luminosità alla casa, lo stile moderno dà particolare valore alla trasparenza, con superfici in vetro che possono essere applicate in diversi ambienti, offrendo eleganza e leggerezza.

Le caratteristiche dello stile classico

Come per lo stile moderno, anche quello classico ha dei tratti distintivi, che possono riassumersi in:

  • Utilizzo di legno pregiato. Il legno è uno dei materiali naturali più versatili, da sempre utilizzato non solo a livello strutturale ma anche per le decorazioni interne. Nelle case classiche, non mancano mai mobili in legno massello, importanti e capaci di donare carattere e personalità a tutte le stanze della casa;
  • Rivestimenti, boiserie e modanature. Un’altra caratteristica dello stile classico è l’abbondanza, che si esprime anche nel diffuso ricorso a rivestimenti, raffinate boiserie e modanature. Elementi che rendono gli ambienti sfarzosi e prestigiosi, degni di una dimora patrizia;
  • Colori caldi. Se il diktat che caratterizza lo stile moderno è: less is more, l’espressione che più rispecchia lo stile classico è: more is more! In un contesto generoso in forme e decorazioni, i colori freddi non sono ammessi: via libera, invece, a tonalità calde, in grado di rendere l’atmosfera ancora più accogliente e invitante. Per le pareti, un’alternativa molto usata per le case classiche consiste nell’utilizzo della carta da parati, magari con delicati motivi floreali;
  • Tessili e complementi d’arredo importanti. In una casa in stile classico tappeti, tende, cuscini e, in generale, i tessili fanno la parte del leone. Seta, velluto o cotone pregiato, nella declinazione cromatica del classico rosso oppure con fantasie floreali impreziosiscono l’arredamento classico, arricchendo ulteriormente gli ambienti. In una casa in stile classico spesso si esprime anche una forte passione per l’arte, con quadri dalle cornici riccamente decorate che abbelliscono le pareti delle stanze.

Come fare un mix tra classico e moderno

Per mixare stile classico e moderno non esistono regole fisse: bisogna seguire il proprio gusto e l’ispirazione del momento. A patto, naturalmente, di trovare un equilibrio tra i due stili.

Per il soggiorno, per esempio, si potrebbe ricorrere allo stile classico per l’utilizzo della carta da parati, per il divano e per la libreria, accostando invece un tavolino da caffè semplice e sobrio, tipicamente moderno. Il tutto accompagnato da un’illuminazione dal design contemporaneo. Il risultato finale sarà un ambiente ricco e decorato, ma smorzato dagli elementi moderni.

Un’altra stanza dove è possibile giocare tra stile classico e moderno è lo studio, dove accanto a una scrivania in legno massiccio e a pareti impreziosite da cornici classiche, si possono accostare una poltrona in pelle e un tappeto in stile moderno, creando così un piacevole contrasto che regalerà carattere e personalità alla stanza.

Anche nelle camere da letto si possono mischiare elementi classici e moderni, come uno sfarzoso letto a baldacchino accostato invece a un armadio dalle linee semplici e sobrie o, ancora, una toletta classica e un letto invece dal design più semplice. Come nella zona living, inoltre, anche nelle camere da letto si può ricorrere alla boiserie come elemento decorativo.

Persino in bagno il mix tra classico e moderno può dar vita a effetti sorprendenti: un vecchio specchio dalla cornice importante può integrarsi perfettamente con un mobilio dalle linee semplici e pulite e da soprammobili di gusto tradizionale.

Come ristrutturare casa in modo ecosostenibile

I cambiamenti climatici hanno trasformato molte aree del pianeta e i loro effetti si ripercuotono sulla nostra quotidianità: sempre più spesso abbiamo a che fare con estati troppo calde o siccitose, inverni miti o periodi alluvionali.

L’impatto dell’uomo sull’ambiente è molto forte e le attività antropiche sono ritenute dagli scienziati di tutto il mondo le principali responsabili del global warming.

Negli ultimi anni, tuttavia, il tema della sostenibilità ambientale è tornato alla ribalta e sono sempre di più le persone che scelgono di sposare uno stile di vita eco-friendly. Parallelamente, in tutti i campi dell’industria la tendenza è quella di virare con decisione verso una direzione più green, con interventi concreti che possano effettivamente avere un impatto ambientale minore.

Oggi, anche chi decide di ristrutturare casa può farlo in maniera ecosostenibile. Ecco alcuni consigli utili.

Viva il riciclo

Ogni giorno, produciamo tonnellate e tonnellate di rifiuti. Con la maggiore diffusione della raccolta differenziata, fortunatamente, una gran parte viene recuperata e restituita a nuova vita. Anche quando si ristruttura casa, è possibile puntare su materiali di riciclo.

Un esempio classico è il legno, che, opportunamente trattato e lavorato, può ritornare a essere un importante elemento sia dal punto di vista strutturale, per la realizzazione di travi o pannelli, che dell’arredamento: con il legno riciclato, infatti, possono essere realizzati mobili e complementi d’arredo che nulla hanno da invidiare a quelli costruiti con materiali nuovi di zecca.

Ri-costruire anziché demolire

Un altro consiglio utile per chi vuole scoprire come ristrutturare casa in modo eco-sostenibile consiste nel fare una dettagliata analisi di ciò che si può modificare, riparare o trasformare anziché buttare via.

Prima di avviare i lavori di ristrutturazione, dunque, è buona norma effettuare un check di cosa può essere recuperato: piastrelle, rivestimenti, lampadari o appliques ancora in buono stato, cornici e modanature. Si tratta di un accorgimento molto importante non solo per sprecare di meno – e, di conseguenza, essere più ecologici – ma anche per risparmiare denaro. In fondo, se tanti oggetti e materiali si possono ancora riutilizzare, perché buttarli via solo in vista di una ristrutturazione?

La generosità è green

Come ristrutturare casa in modo ecosostenibile e, nel contempo, offrire un aiuto concreto a chi ne ha più bisogno? Un’ottima idea per farlo consiste, per esempio, nella scelta di donare ciò che altrimenti verrebbe gettato via. In tutta Italia esistono moltissime realtà che si occupano delle persone più fragili e svantaggiate come la caritas e alle quali ci si può rivolgere per regalare mobili e suppellettili che non si utilizzeranno più una volta che la casa avrà cambiato look.

Scegliere gli elettrodomestici giusti

Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di efficienza energetica, indicando con questa espressione tutto ciò che permette di avere un ridotto impatto ambientale attraverso una diminuzione dei consumi. Una delle modalità più diffuse per essere efficienti dal punto di vista energetico, soprattutto nel momento in cui si sceglie di ristrutturare casa, consiste nell’optare per elettrodomestici di classe A+++, che nella scala dei consumi energetici condivisa da tutti i Paesi UE rappresenta quella più virtuosa.

Le classi energetiche, infatti, esprimono i consumi annuali in kW e ordinano i prodotti secondo una gerarchia che va dalla lettera A+++ (che indica, appunto, apparecchi con consumi minimi) alla lettera G, che denota invece i dispositivi più dispendiosi in termini di consumi energetici.

La suddivisione viene fatta anche per colori, passando dal verde scuro per i prodotti con la massima efficienza al rosso per quelli con un consumo più elevato. Se si vuole ristrutturare casa in modo ecosostenibile, quindi, occorre prestare attenzione all’etichetta energetica che, in base alle disposizioni di legge in materia, deve essere apposta sugli elettrodomestici in modo ben visibile, scegliendo gli apparecchi che presentano una classe energetica elevata, come appunto la A+++.

Vernici ecologiche, una  realtà tutta da scoprire

Quando si intraprendono dei lavori di ristrutturazione una delle voci più importanti consiste nei colori: basta dare una rapida occhiata alle diverse stanze della propria casa per rendersi immediatamente conto di quanti elementi siano verniciati: pareti, mobili, serramenti, caloriferi e tanto altro ancora. Occorre tuttavia ricordare che la vernice è pur sempre un composto chimico e, in quanto tale, un prodotto poco ecologico.

Oggi, però, stiamo assistendo a una vera e propria rivoluzione in quest’ambito, perché sono sempre più numerose le aziende produttrici di vernici che scelgono di implementare la ricerca e lo sviluppo di soluzioni eco-friendly. Ecco allora che, tanto per la laccatura dei mobili quanto per l’imbiancatura delle pareti, è facile trovare sul mercato prodotti con un ridotto impatto ambientale, che presentano una bassa percentuale di VOC (composti organici volanti) e di formaldeide. Le vernici ecologiche possono essere realizzate con materie prime di origine rinnovabile e, oltre a rappresentare un’opzione green per la propria casa, sono anche sicure dal punto di vista della salute.

Isolare per non consumare

Come ristrutturare casa in modo ecosostenibile? Tra le tante opzioni che abbiamo elencato non possiamo dimenticare anche un aspetto fondamentale, ossia quello dell’isolamento termico: è bene ricordare, infatti, che più una casa è protetta da spifferi, freddo e umidità, minori saranno i consumi e, di conseguenza, ridotto sarà l’impatto ambientale.

Per assicurare alla propria abitazione un ottimo isolamento termico esistono numerose possibilità, dall’applicazione di un cappotto alla scelta di infissi e serramenti di qualità, resistenti all’azione degli agenti atmosferici e in grado di proteggere adeguatamente gli ambienti domestici da caldo e freddo.

Le potenzialità della luce solare

Per ristrutturare casa in chiave green un’interessante soluzione consiste nell’installare pannelli solari, che garantiscono ottime performance e allo stesso tempo possono avere un impatto determinante sui consumi (e, dunque, anche sulle bollette dell’energia).

Psicologia dell’abitare, il rapporto tra mente e spazio

Psicologia dell’abitare, il rapporto tra mente e spazio

Una vera e propria scienza, non una semplice tendenza di passaggio: studiata ed approfondita già da decenni, la psicologia dell’abitare è una disciplina che sta emergendo soprattutto in questo periodo in cui stiamo vivendo la casa più di prima ed in modo diverso.

Psicologia dell’abitare per una casa su misura

In che modo la psicologia dell’abitare può essere considerata come quella parte specifica della psicologia ambientale dedicata al rapporto tra individuo ed abitazione?

La psicologia dell’abitare è una “meta disciplina” perché si basa sulle conoscenze che afferiscono anche ad altri ambiti, quali l’antropologia, le neuroscienze, la fisiologia, la sociologia e non solo.

Oggi quindi l’applicazione della psicologia dell’abitare, complice la crescente attenzione al benessere dell’individuo, sta diventando sempre più richiesta. Stanno evolvendo, a riguardo, strumenti che permettono al committente di immaginare la propria casa, visualizzandola.

Tra i sistemi più tecnologici vi è l’uso della realtà virtuale: un progettista può farvi ricorso per far vedere e “vivere” al cliente come diventerà la sua casa, offrendogli la possibilità di capire meglio, rispetto alla sola visione di planimetrie e rendering, se le scelte compiute sono in linea con le aspettative o se è il caso di apportare sostanziali modifiche. Oppure prevedere per il committente vere e proprie sedute con il progettista e con un professionista che si occupi di psicologia per riuscire ad individuare i desideri con esattezza.

I tre punti chiave della psicologia dell’abitare

La psicologia dell’ambiente studia il rapporto tra mente e spazio, focalizzandosi su quello abitativo. E’ la scienza che si occupa di studiare gli effetti che tutti gli spazi che ci circondano hanno sulla nostra psiche e sui nostri comportamenti.

Se poniamo attenzione alle sensazioni che proviamo ed ai comportamenti che assumiamo, possiamo comprendere gli effetti che l’ambiente ha su di noi.

Si può iniziare a pensare alla propria casa in questi termini: quali sensazioni provo negli spazi? Mi rappresentano? Cosa dicono di me? E’ importante che ci facciano star bene e ci rappresentino. Non a caso è previsto, ad esempio, “l’angolo per il proprio io”, una piccola zona in cui raccogliere ed esporre alcuni ricordi significativi: post-it, ritagli di giornale, lettere, diari, ricordi di viaggi. E’ un luogo domestico che ci aiuta ad assorbire energie, a contemplare la strada che abbiamo percorso e le capacità acquisite. Non da meno, ci aiuta a ricordare, immaginare, fantasticare e ritrovare noi stessi.

In una casa non dovrebbero mancare legno, acqua, piante: l’esposizione ad elementi naturali è associata, infatti, ad alti livelli di benessere psicologico, con riduzione di stress, ansia ed affaticamento mentale. C’è una ragione anche evoluzionistica in questo: in passato erano gli ambienti ricchi di vegetazione ed acqua a favorire la sopravvivenza, fornendo cibo e riparo.

L’ambiente naturale è quello che consente alla nostra mente di rigenerarsi perché non richiede alcuno sforzo diretto cognitivo, proprio perché parte della nostra evoluzione.

Qual è l’obiettivo principale della psicologia dell’abitare?

Sicuramente è mettere al centro la relazione tra l’individuo e la sua abitazione, al fine di assicurare un’esperienza piena di benessere psico-fisico.

La psicologia dell’abitare usa tecniche per lo studio di queste relazioni che vanno da quelle più classiche di tipo qualitativo come le osservazioni, alla ricostruzione di situazioni sperimentali, all’analisi di casi di studio. Si tratta di tutte quelle tecniche che sono familiari alla ricerca in generale e che consentano, in prima battuta, di dimostrare i benefici concreti per l’individuo. Dall’altro lato la psicologia dell’abitare, grazie al dialogo con le altre discipline, può diventare la premessa per un momento particolarmente prezioso nel lavoro sugli ambienti: lo sviluppo progettuale.

Il lavoro di squadra con architetti e designer parte dal contributo peculiare che lo psicologo può dare in questa fase:ovvero la raccolta della domanda del cliente e la sua analisi. Essa deve essere in linea non solo con esigenze di tipo funzionale ma anche e soprattutto con aspetti più profondi connessi alla propria personalità, alla propria idea di “sentirsi a casa”, per facilitare e semplificare le scelte ed ottenere il miglior risultato possibile a favore del proprio benessere.

Grazie alla realtà virtuale immersiva le persone entrano nella loro casa così come sarà nella realtà, completa di ogni elemento. Hanno la possibilità di vive gli spazi in tutta la loro dimensione, percepire superfici, colori, prospettive, vivere anticipatamente in dimensione virtuale ciò che successivamente vivranno realmente.

Hai intenzione di ristrutturare una casa su misura? Chiedi un preventivo gratuito. I nostri esperti ti supporteranno in tutte le fasi richieste.

L’importanza della realizzazione di una scala per il collegamento di spazi residenziali

L’importanza della realizzazione di una scala per il collegamento di spazi residenziali

La presenza di scale all’interno di un’abitazione non riguarda solo villette o abitazioni unifamiliari su più livelli. Può capitare, infatti, anche a chi abita in condominio di doverne costruire una in seguito all’acquisizione di un’unità immobiliare collocata al piano superiore o alla costruzione di un soppalco (grazie alla notevole altezza dei soffitti) o ancora al recupero ai fini abitativi di un sottotetto.

Se negli immobili di nuova costruzione la scelta è facile, non lo è in quelli esistenti che possono richiedere soluzioni su misura che si adattino a quella specifica abitazione.

Molte idee di progetto riguardano la costruzione di scale per accedere a mansarde e soppalchi, sempre che la realizzazione di questi ultimi sia consentita in base a quanto stabilito dai Regolamenti edilizi del Comune o dalle Leggi Regionali in cui è situato l’immobile.

Le principali tipologie di scale in produzione

La prima importante distinzione è tra modelli prefabbricati, pronti per la posa, e quelli su misura, realizzati sul posto. Entrambi consentono personalizzazioni, non solo per le dimensioni ma anche per quanto riguarda materiali, finiture e design. Sono inoltre strutture adattabili ad ogni tipo di situazione architettonica.

Le scale realizzate su misura o artigianali sono progettate e realizzate in base allo spazio a disposizione, seguendo il disegno di un progettista e costruite direttamente in opera. Generalmente sono in muratura, ad alzata (lo spazio in altezza tra due gradini) chiusa. Possono essere realizzate anche in legno o in metallo e con alzata aperta.

Se il vantaggio è la massima personalizzazione, tuttavia, i costi ed i lavori necessari per la costruzione di questo tipo di scale sono superiori rispetto a quelli dei modelli prefabbricati. Questi ultimi sono invece realizzati con elementi modulari, cioè struttura, gradini, balaustra e corrimano, già pronti per la posa. Possono essere montati, rimontati e riadattati in caso di trasloco. Esistono sia in versione autoportante sia con gradini a sbalzo, da fissare a parete.

Il primo aspetto da considerare prima di fare un acquisto simile è il dislivello da collegare, cioè la distanza tra il piano di partenza e quello di arrivo (se è basso, per esempio, basterà una sola rampa rettilinea).

Altre valutazioni prima dell’acquisto sono:

  • lo spazio a disposizione per inserire un vano scala e la superficie (cioè l’area) che la struttura dovrà occupare a terra;
  • il suo peso e quello che dovrà sostenere;
  • la sua posizione all’interno dell’ambiente in cui verrà inserita: al centro della stanza, nell’angolo, addossata alla parete.
  • la scelta dei materiali, finiture ed elementi accessori (come le luci)

Le principali classi di modelli di scala: dalla rampa, alla chiocciola, all’elicoidale

In base allo sviluppo nello spazio della scala, prefabbricata o realizzata su misura, ed alla conformazione della struttura, si possono distinguere tre principali classi di modelli. Le differenze riguardano il numero e la tipologia delle rampe, il tipo di alzata, nonché la presenza o meno di pianerottoli intermedi.

Oltre allo spazio a disposizione ed all’altezza, anche il tipo di utilizzo è un fattore che rientra nella scelta. Se limitato e lo spazio è scarso, si può optare per un modello a chiocciola. Più comoda ma anche più ingombrante, quella elicoidale. Per un uso frequente, per esempio in una casa su due piani con le camere da letto al piano superiore o per accedere ad un soppalco, una scala a rampa rettilinea, con gradini larghi (almeno 80 cm) è indubbiamente più facile da percorrere. Bene anche i modelli a L.

In ogni modo, anche quando lo spazio è poco, i gradini devono essere comodi da percorrere, sicuri e rispettare le normative.

La scala a rampa o a giorno si caratterizza per un’ossatura portante, sopra la quale sono fissati i singoli gradini, che nel caso delle scale prefabbricate è generalmente a vista (e definita “a giorno”).

La struttura può trovarsi in posizione centrale rispetto ai gradini o essere composta da due travi laterali (i “cosciali”) che li contengono. Vi sono poi la ringhiera ed il corrimano.

Sono quattro le tipologie principali di scala a rampa:

  • il modello rettilineo, formato da una sola rampa, richiede una parete lunga (circa 375 cm per 15 gradini con pedata di 25 cm);
  • il modello a L, il quale ha due rampe che formano un angolo di 90° e che sono separate da un pianerottolo o da gradini a ventaglio, sagomati.
  • I modelli ad U e a C, rispettivamente con 2/3 rampe che ruotano tramite due giri a 90° (contigui nel primo caso, non contigui nel secondo).

La scala a chiocciola si sviluppa su se stessa in verticale, attorno ad un palo centrale a cui sono collegati i gradini a spicchio, più stretti verso il centro. Elementi indispensabili, per motivi di sicurezza, sono poi la ringhiera e la balaustra che chiude il vano scala all’arrivo al piano.

Questo modello di scale è ideale in tutti i casi in cui lo spazio è ridotto, per esempio per collegare un soppalco al livello sottostante. E’ però più difficile da percorrere rispetto ad un modello a rampa.

Esistono due modelli di scala a chiocciola:

  • Il modello a pianta tonda, il quale ha ingombro ridotto e gradini di forma arrotondata.
  • Il modello a pianta quadrata, avente i gradini squadrati.

Entrambi i modelli per essere facilmente percorribili, il diametro non dev’essere inferiore ai 100 cm nel primo modello ed a 110 cm nel secondo modello.

All’interno del palo centrale dei modelli a chiocciola, i gradini angolari detti anche “a piè d’oca” o “ a ventaglio”, sono alternati a speciali distanziatori, aventi una funzione anche di sostegno.

La scala elicoidale è simile al modello a chiocciola, con cui ha in comune la pianta tonda ma è priva di palo centrale. I gradini sono fissati al centro della struttura, avente una conformazione ad elica, da cui prende il nome. Per la precisione, le eliche sono due: una interna ed una esterna.

Dal punto di vista estetico, si tratta di scale di grande impatto, spesso molto scenografiche.

Rispetto ai modelli a chiocciola, questo tipo di scala, a parità di diametro (che per la normative dev’essere di almeno 120 cm), ha gradini più ampi. Di conseguenza, è più comoda da percorrere.

I requisiti di sicurezza, strutturali e di rispetto dell’ergonomia

Oltre a garantire l’incolumità delle persone, ogni scala dev’essere sempre comoda da percorrere, anche quando lo spazio è poco. Per questo motivo, bisogna rispettare determinate proporzioni tra gli elementi che la compongono.

Misure e proporzioni di una scala sono stabilite dalla Legge 13/1989 e dal DM 236/1989. Bisogna poi considerare i Regolamenti Edilizi Comunali, che possono essere più restrittivi. Oltre che per una perfetta ergonomia, è importante rivolgersi a professionisti qualificati anche per considerare le proporzioni tra l’alzata (distanza perpendicolare tra le superfici di due gradini consecutivi) e la pedata (profondità del gradino).

Una scala è comoda quando le dimensioni della pedata sommate a due volte quelle dell’alzata forniscono un valore compreso tra 62 e 65. Ogni rampa dovrebbe prevedere non più di 15 gradini.

Per inserire una nuova scala nell’abitazione, occorre rivolgersi ad un tecnico strutturista, in grado di valutare se occorra rinforzare il solaio o meno e la zona in cui demolirlo: per questo bisogna tener conto della presenza di impianti (come il riscaldamento a pavimento) e di elementi strutturali.

Se si intende ricavare un soppalco, il tecnico dovrà valutare dove (e se possibile) praticare il foro per inserire le rampe.

L’installazione di una nuova scala o il suo rifacimento è un intervento di manutenzione straordinaria. Se richiede una modifica strutturale o demolizione di parte del solaio, il professionista deve presentare una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività). Se la sostituzione non comporta modifiche strutturali, i lavori sono più semplici ed è sufficiente presentare la CILA (Comunicazione di inizio lavori asseverata).

Bonus fiscale del 50% ed agevolazioni: cosa prevedono?

Fino al 31 Dicembre 2020, la costruzione di scale interne e di soppalchi, il rifacimento di rampe ed il recupero del sottotetto, possono beneficiare della detrazione fiscale del 50% sulle spese ottenute, per un importo massimo di 96mila euro.

Ne possono usufruire tutti i contribuenti assoggettati all’Irpef, residenti o meno nel territorio dello Stato. Tra questi, non solo il proprietario dell’immobile, ma anche il locatario o chi ne ha il godimento o l’usufrutto.

Bisogna essere in possesso, se richieste, delle autorizzazioni in relazione alla tipologia di lavori. Tutti i pagamenti inoltre devono essere effettuati con bonifico bancario o postale parlante, che indichi la causale del versamento, il codice fiscale di chi fa il pagamento e la partita Iva del beneficiario. La detrazione ripartita in 10 anni con rate di eguale importo, verrà applicata sulla dichiarazione dei redditi.