Arredamento – Pagina 8 di 11 – Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Arredamento

parete-attrezzata-soggiorno

Parete attrezzata in soggiorno

La scelta dei mobili per l’arredamento della casa è uno dei momenti più difficili. Devi fare i conti con le misure delle pareti, con i colori delle varie stanze, con gli spazi ridotti, con le esigenze dei singoli inquilini e spesso molti si devono accontentare in quanto non hanno un budget che gli permette di arredare su misura.

Le pareti attrezzate sono la soluzione migliore per chi ha problemi con arredamento della propria casa poiché   rispondono a tutte le esigenze, si adatta  ad un arredamento classico ma anche ad un arredamento moderno. Sono particolarmente indicate per chi non vuole rinunciare all’aspetto estetico ma desidera conciliare le proprie esigenze con gli spazi a disposizione. Di solito tali pareti sono compatte e con moduli indipendenti, è possibile studiare e sviluppare composizioni personalizzate.

parete-attrezzata-soggiorno

Le pareti attrezzate hanno molte qualità esteticamente hanno un grande impatto visivo, sono funzionali, aiutano a salvare lo spazio, inoltre si adeguano ad ogni stile e ad ogni ambiente della casa. . Lo spazio che circonda le pareti attrezzate può diventare ancora più di impatto se si gioca con l’illuminazione e inserendo una lampada di design, da tavolo o da terra oppure accessori dalle linee speciali come un moderno portariviste.

Questo tipo di arredamento è particolarmente indicato per dare stile ed eleganza inoltre è il giusto compromesso per chi desidera mobili di classe ma siano concretamente utili. Le pareti attrezzate possono avere architetture differenti e possono essere destinate a vari usi:

  • vani porta tv
  • libreria
  • cassetti
  • mensole
  • postazioni per pc

Si distinguono da altre tipologie di soluzioni perché vengono realizzati con materiali differenti: metallo, laccato, vetro, legno, particolarmente apprezzato è il wengè. Le pareti per soggiorno più attuali rappresentano spesso soluzioni immediate e al contempo raffinate, con vani di differenti dimensioni, alternati a contenitori con ante. Spesso hanno incorporato anche un moderno caminetto.

Le pareti attrezzate sono ideali per le case di Milano, dove il soggiorno si utilizza per ospitare famigliari ed amici. arredando in questo modo il tuo soggiorno l’ambiente sembrerà più grande visivamente ed inoltre avrai i ripiani in vetro o legno a tuo piacimento. Tu hai utilizzato la parete attrezzata per arredare il tuo soggiorno?

 

 

 

soppalco-in-legno

Soppalco in legno

Il soppalco è un ottima soluzione per chi ha bisogno di spazio. E’ l’ideale per chi vuole una casa moderna e giovanile, inoltre ti permette di recuperare parte del tuo appartamento non utilizzato ed aumentare i metri quadri calpestabili.  Scegliere di arredare la propria casa con il soppalco in legno significa donare un tocco caldo e rustico all’ambiente.

Se la tua casa è  piccola e i soffitti sono alti possiamo progettare lo sviluppo delle stanze procedendo in verticale.

Esistono due differenti tipologie di soppalco: quello ancorato a pavimento grazie a una serie di pilastri e quello ancorato alle pareti. Solitamente quest’ultima soluzione è la più consigliata perché lascia libero e fruibile l’intero spazio sottostante.

soppalco-in-legno

Il soppalco può essere realizzato con diversi tipi di materiali tra i più comuni il vetro, il metallo o legno.

Nel caso di soppalco in legno, si dovrà scegliere l’essenza da adoperare per la sua realizzazione. Tra quelle disponibili sul mercato, il pino nordico è una delle migliori per le caratteristiche di particolare resistenza e per il costo.

Il legno ha il vantaggio di avere un peso considerevolmente inferiore rispetto ad altri tipi di materiali, andando in tal modo a gravare di meno sulle strutture esistenti. Il montaggio e la posa in opera non necessitano di complicate opere murarie, dunque semplice è la realizzazione e i tempi sono ridotti.

Realizzare un soppalco comporta un aumento della superficie abitabile e la legge impone che venga regolarizzato, in quanto si hanno dei millesimi in più nel locale. Dunque è obbligatorio recarsi nel Comune della propria città per verificare cosa preveda il regolamento per la realizzazione di un soppalco.

Una della prime cosa da fare è chiarire l’uso del soppalco poiché se si desidera farne un uso abitativo è necessario seguire in maniera rigorosa le norme. Quando le altezze sono al di sotto dei parametri stabiliti il soppalco non è abitabile ma può essere utilizzato come ripostiglio, libreria o simili.

L’altezza minima della zona sottostante al soppalco deve essere superiore ai due metri, mentre la superficie del soppalco non deve in genere superare 1/3 totale della casa.

Il soppalco in legno è un alternativa economica per chi ha bisogno di spazio ma non vuol rinunciare all’estetica della casa.

cucina-in-muratura

Cucina in muratura

Solida, robusta e indistruttibile questa è la cucina in muratura. Questo tipo di cucina rappresenta una soluzione d’arredo che garantisce eleganza e allo stesso tempo riesce a creare atmosfere suggestive, essendo realizzata in muratura è realizzata principalmente su misura.

Utilizzata solitamente per arredare ambienti rustici, come tavernette e case di campagna. Da qualche tempo viene scelta anche per completare arredi moderni. Il suo punto di forza sono i materiali con i quali viene realizzata, materiali naturali come la pietra, il legno ed il marmo, per un effetto suggestivo ed accogliente.

cucina-in-muratura

La cucina in muratura dev’ essere realizzata su misura, in base ad un disegno ben preciso. Questo tipo di cucina ha la particolarità di avere i lati del mobile lateralmente realizzati con muretti di mattoni i quali vengono rivestiti con le piastrelle in ceramica oppure con il marmo.

La cucina in muratura è caratterizzata da una struttura in mattoni alleggeriti e con un piano di lavoro realizzato con le pignatte, in modo tale la struttura della cucina sia solida.
Nella maggior parte dei casi viene rivestita con piastrelle da 10×10 o 15×15 con decori, ma nulla ci vieta di rivestirla con piastrelle di dimensioni diverse oppure con il finto sasso.

Questo tipo di cucina viene completata con l‘inserimento di moduli contenitori, ad anta a telaio in massello, con aperture a cestoni estraibili, cassetti e cestello portabottiglie.

cucina-in-muratura-moderna

Quali sono gli elementi che si distinguono in una cucina in muratura?

  • La cappa realizzata con mattoni speciali
  • Le grandi dispense e la canna fumaria
  • I muretti che definiscono la struttura portante dell’intero ambiente.

I colori che vengono utilizzati di frequente in una cucina in muratura sono  tenui e naturali come ad esempio il verde salvia ed il marrone terra. Ricordati che ogni colore ha un stato d’animo, per sapere qual’è il colore ideale per gli ambienti interni leggi un colore per ogni parete. Un consiglio è scegliere piastrelle lucide, per favorire il senso di spazialità e leggerezza.

Realizzare una cucina in muratura richiede tanta esperienza e professionalità, per questo motivo la mano d’opera è costosa, inoltre deve essere progettata nel minimo dettaglio. Una volta realizzata però questa cucina è robusta e solida. Tu hai la cucina in muratura oppure hai la cucina con i mobili in legno classico.

illuminare-bagno-milano

4 errori nella ristrutturazione del bagno

Il bagno è  un ambiente che necessita di particolare attenzione. Sempre più clienti ci inviano richieste di preventivo per la ristrutturazione del bagno, infatti è l’ambiente in cui interveniamo di più rispetto al resto della casa.

Prima di elencarti i 4 errori più commessi nei lavori di ristrutturazione nel bagno è doveroso dire che quando si interviene per migliorare l’estetica e la funzionalità è obbligatori avere un progetto realizzato da un architetto professionista.

illuminare-bagno-milano

Immagine presa da “decorpad.com”

4 errori che si effettuano quando si ristruttura il bagno:

  1. Il primo errore ed il più comune riguarda le misure (per questo motivo io raccomandavo l’obbligo di un progetto).Spesso quando si acquista una casa i vecchi proprietari rimuovono i mobilie gli accessori, per questo motivo chi la acquista si trova di fronte ad un bagno spoglio e vuoto, ciò lo fa sembrare più grande rispetto a quello che è realmente. Un ambiente vuoto e non arredato può ingannare l’occhio dei non addetti ai lavori.Per assicurarti che un sanitario occupi il giusto spazio e renderti conto delle sue dimensioni effettive, traccia sul pavimento l’ingombro esatto con lo scotch di carta o con dei fogli di giornale.
  2. Un altro errore comune riguarda i colori delle piastrelle del pavimento e del rivestimento. Prima di scegliere le ceramiche del bagno bisogna tenere in considerazione le dimensioni della stanza e individuare i colori che aiutano ad ampliare e a stringere l’ambiente. Approfondisci la psicologia del colore nelle varie stanze della casa.
  3. Mischiare diversi stili di arredamento è un errore. La scelta dei sanitari moderni non si abbina con le piastrelle classiche, perciò è consigliato usare un singolo stile di arredamento.
  4. Ostruire il passaggio della luce; alcuni bagni non godono di buona luce naturale. In questo caso bisogna aumentare la luminosità con tende chiare e trasparenti, inoltre ti consiglio di inserire specchi che riflettono la luce negli angoli meno illuminati. Per avere un bagno più luminoso inoltre è consigliato inserire più di una luce in mezzo alla stanza.

Conclusioni:

A Milano e nelle grandi città Italiane i bagni sono piccoli e i proprietari spesso commettono questi 4 errori facendo apparire l’ambiente più cupo ed esteticamente non attraente. Ecco alcuni errori da non fare nell’arredamento e nella ristrutturazione del bagno. Se desideri rinnovare il tuo bagno inviaci una richiesta di preventivo, noi ti aiuteremo a migliorarlo nel migliore dei modi.

Tu hai fatto qualcuno di questi errori? Condividi con noi nei commenti la tua opinione, aiutami ad approfondire l’argomento.

ristrutturazione-cucina-piccola-600x869

Ristrutturazione cucina piccola

La cucina è il cuore della casa, l’odoro del caffè appena fatto, e sopratutto il profumo dei dolci appena preparati dalla nonna. Qui abbiamo raccontato le nostre storie ai nonni e genitori mentre li aiutavamo a buttare la pasta o a tagliare la crostata calda. Qui abbiamo esposto i piani per il futuro sorseggiando quel caffè caldo.

Le dimensioni non contano, in una cucina di piccole dimensioni come in una grande i progetti per il futuro e le storie del passato arricchiscono la nostra vita .

Quando si effettua la ristrutturazione di una cucina piccola l’obiettivo è ottimizzare al massimo lo spazio, curando il millimetro. Per questo motivo prima di agire bisogna avere un progetto realizzato su carta, personalmente da te o da un architetto o un interior designer professionista.

Questi inoltre possono realizzare anche uno o più render  foto-realistici, in questo modo potrai capire ancora meglio quale sarà il risultato finale e come verranno sfruttati gli spazzi. 

L’architetto vi presenterà le idee per realizzare la cucina ad angolo, moderna o mini. Soluzioni salva spazio, cucine piccole con isola e penisola. Insomma una cucina piccola non è sinonimo di limite.

Questo ambiente deve essere ben progettato, a partire dal “triangolo di lavoro”, con superfici e spazi ben organizzati.

cucina Piccola Ikea
cucina Piccola Ikea

Le tre zone di lavoro che costituiscono il “triangolo” sono:

Le tre zone di lavoro che costituiscono il “triangolo” sono:

  1. La zona lavaggio con lavello e lavastoviglie
  2. La zona cottura con forno microonde e piano cottura
  3. La zona conservazione con dispensa e frigorifero.

Un attento studio di queste tre zone otterrà un ambiente ampio e funzionale, senza però risultare dispersivo.

L’arredamento della cucina quindi deve essere scelta con cura, non solo nell’estetica e nel design, ma bisogna considerando anche gli spazi e le attività che devi compiere ogni giorno, dedicando, un’area a ciascuna di esse.

E’ consigliato posizionare il piano da lavoro accanto ai fornelli e al lavello, nel caso voglia la lavastoviglie è bene che sia sotto il lavello o nello spazio sottostante a fianco allo stesso, in modo da facilitare sia il pulizia dei piatti che usufruire dell’impianto idraulico del lavello, il carico e lo scarico dell’acqua sotto il lavello possono essere utilizzati anche per la lavastoviglie.

Quando si acquista la prima casa spesso si desidera cambiare completamente la disposizione degli ambienti, se si vuole spostare la cucina da dove si trova nello stato di fatto bisogna essere consapevoli ch che non è sempre possibile, leggi il nostro articolo “ristrutturazione spostare cucina” per capire se il progetto realizzato su carta è fattibile nella tua nuova casa. L’architetto solitamente capisce se le vostre richieste sono fattibili o meno.

Lo spazio in cucina non basta mai. Per questo motivo è importante cercare mobili salva spazio che ti permettono di risolvere in modo pratico e talvolta originale il problema legato alle dimensioni contenute o agli spazi irregolari e difficili di alcune abitazioni.

Per quanto riguarda il pavimento e la tinteggiatura delle pareti e consigliato utilizzare colori chiari, che oltre a rendere più luminoso l’ambiento lo fanno sembrare più grande, se vuoi approfondire questo argomento puoi leggere i  5 consigli per far sembrare la casa più grande, con questi semplici accorgimenti l’ambiente sembrerà più grande e luminoso

7 idee di cucina piccola

1) Cucina e sala da pranzo in un’unico spazio

L’isola in cucina, come quella qui sotto realizzata da noi, permette di unire le esigenze di una cucina di piccole dimensioni con quelle della sala da pranzo. Un modo per condensare in pochi metri quadrati le funzioni dei due ambienti in un’unica soluzione.

Cucina con isola a realizzata in zona porta venezia a Milano
Cucina con isola a realizzata in zona porta venezia a Milano

2) La cucina piccola a U

La cucina a ferro di cavallo diventa un ambiente avvolgente e funzionale, accessibile e compatta, con un ampio piani di lavoro e molte ante e cassetti a garantire il massimo dell’ordine possibile pur se in uno spazio limitato. Sfruttando a pieno ogni cm quadrato.

cucina moderna ad u Milano
Fonte “MondoDesign.it “

3) Design minimalista

Il design minimalista risulta molto efficace quando lo spazio a disposizione è limitato. Solo il necessario, Pochi elementi, massima funzionalità, sfruttamento pieno dei volumi a disposizione e una naturale eleganza in termini cromatici e forme squadrate.

4) piccola cucina nascosta

La cucina a scomparsa è progettata e realizzata con la massima compattezza e hanno la peculiarità di poter essere nascoste. Non a tutti piace avere la cucina a vista, ma allo stesso modo non è sempre fattibile avere una stanza separata che divida la zona pranzo dal soggiorno. L’alternativa è una cucina monoblocco compatta o che si compone attrezzata con lo stretto indispensabile proprio come una cucina tradizionale, che si possa barrare come fosse un armadio con delle ante pratiche. Questa è la soluzione perfetta per un monolocale

immagine presa da “www.arredamentoweb.it”

5) La scelta degli elettrodomestici

Una cucina serve per cucinare! Ed è bene non perdere mai di vista questa funzionalità.

Quindi è importante scegliere gli elettrodomestici indispensabili e non ultimo progettare sempre un piano di lavoro adeguato

Per quanto riguarda gli elettrodomestici, oggi le aziende li producono anche in scala ridotta, come forni, lavastoviglie, piani cottura, frigo ecc…

Andando a scegliere elettrodomestici di dimensioni ridotte naturalmente andremo a spendere di piu rispetto agli stessi elettrodomestici di misura standard. Spesso i fuori misura a parità di performance soffrono di un costo più alto rispetto agli elettrodomestici tradizionali.

Comprare i mobili per la cucine piccole presso marchi noti, permette di scegliere anche soluzioni complete di arredo ed elettrodomestici ed essere sicuri della possibilità di allocazione.

Scegliendo invece di far realizzare i mobili da un falegname di fiducia il costo sara maggiore ma la cucina verrà inserita perfettamente nel vano a vostra disposizione e pertanto risulterà più armonioso e bello esteticamente.

6) Mobili multifunzionali

In una cucina piccola l’acquisto di mobili multifunzionali e salva spazio è fondamentale per poterla sfruttare al meglio. Il tavolo fissato alla parete è apribile, puoi servirti di sedie pieghevoli che sono perfette per gli spazi ristretti.

Un’altra idea intelligente, potrebbe essere quella di acquistare delle cucine a monoblocchi, in cui ogni mobile è già sistemato a incastro nel giro di pochi metri. In questi casi, spesso si preferisce un tavolo a penisola, in questo modo si risparmiare ulteriore spazio, ma esistono soluzioni alternative, come quelle dei tavoli richiedibili. Da non escludere, inoltre, i tavoli con le rotelle, da spostare all’occorrenza in sala da pranzo per una cena con gli ospiti.

7) Piano ad induzione elettrica

Non parliamo solo di praticità (il piano è tutto liscio, quindi facilissimo da pulire), ma anche di sicurezza, grazie all’assenza di fiamme e di rischi dovuti a eventuali fughe di gas. La superficie di vetroceramica, inoltre, rimane fredda intorno alle pentole, riducendo al minimo la possibilità di scottarsi.

La cottura è più rapida e precisa, perché si possono impostare diversi livelli di temperatura: c’è anche la funzione booster per far bollire l’acqua in pochissimo tempo; il calore si diffonde in modo uniforme sulla pentola, senza le tipiche dispersioni che avvengono con i fornelli a gas.

Conclusioni:

La ristrutturazione e l’arredamento di una cucina piccola richiede un progetto che risponda alle tue esigenze e che sia pensato per farla sembrare più grande, inoltre deve essere anche comoda per chi cucina, in questo modo i pasti saranno preparati con più cura e perciò saranno più gustosi. La pensi come me?

adesivi-murali

Cosa sono gli adesivi murali

Gli adesivi murali sono perfetti per decorare le pareti, per dare un nuovo volto a casa tua. I decori  detti anche “stickers” sono facili da posare e se i tuoi gusti cambiano sono facili da rimuovere.  Gli adesivi murali sono un’ottima soluzione per personalizzare la stanza in modo pratico, veloce ed economico.

Vuoi la sagoma di un animale nella camera dei bambini? Oppure quella di un girasole nella zona living? Grazie allo stickers decor è possibile. Cresce sempre più la tendenza a decorare pareti e superfici domestiche con l’utilizzo di autoadesivi in vinile, venduti in confezioni pronti all’uso.

Oltre al vinile sono disponibili in resina, gomma e carta, quest’ultima è più fragile e difficile da staccare. Aderiscono ad ogni superficie senza difficoltà, anche alle porte interne, oppure alle ante degli armadi.

adesivi-murali

Non conoscendo i materiali e l’uso che le persone ne fanno ho posto 3 domande ad un esperta.

Quali sono gli stickers più venduti, per quali camere?

I prodotti che sto vendendo di più riguardano le frasi, gli aforismi e le citazioni.

Al contrario di quanto si pensa  vengono venduti più aforismi e citazioni di grandi personaggi della storia rispetto alle sagome di animali e cartoni animati.

Per quale motivo i clienti acquistano gli adesivi per porte?

Vengono acquistati per abbellire porte interne danneggiate, ma anche per dare colore ad un ambiente o profondità agli spazi della casa.

Le porte interne danneggiate e quelle che negli anni hanno perso la vivacità del colore vengono rivestite con gli stickers, perché sono più economici rispetto alla sostituzione della porta.

Per le stampe su tela viene richiesto di realizzare foto personali oppure paesaggi?

I soggetti richiesti sono perlopiù paesaggi, pur proponendo anche altre tipologie di soggetti (astratto, arte, amore, città, ecc.).

I decori adesivi sono ideali per personalizzare un ambiente con effetto e spendendo poco. Possono essere posizionati a piacere su una parete anche di notevoli dimensioni, oppure  sulla testiera di un letto.

Con pochi gesti si nasconde quello che non ti piace più; un idea nuova e originale, tu quale adesivo murale attaccheresti nella tua zona living?

Collezione-Artemide-Pirce1

Come scegliere illuminazione soggiorno

Nelle case odierne il soggiorno è il protagonista, occupa la maggior parte della superficie dell’appartamento, specialmente se include anche la zona pranzo.

Il soggiorno è generalmente utilizzato per intrattenere gli ospiti e intrattenersi con la famiglia, inoltre in questo ambiente si usa leggere, ascoltare la musica o guardare la TV, pertanto l’illuminazione di questo ambiente è molto condizionata dall’arredo e dalla sua funzione.

Per avere una corretta illuminazione del soggiorno è doveroso individuare le varie zone, come ad esempio la zona televisore, la zona lettura, la zona pranzo e la zona dedicata alla famiglia e agli ospiti.

illuminazione-soggiorno

Immagine presa da “www.idealuceonline.it

Le fonti di illuminazione devono essere di natura diversa a seconda dell’attività che vi si svolge e soprattutto è opportuno predisporre diversi interruttori, che ci permettono di accendere e spegnere le luci in una determinata zona del nostro salotto.

Nella zone lettura  è opportuno che la luce provenga dall’alto per facilitare la lettura. Nelle aree di relax invece sono preferibili apparecchi che proiettano fasci di luce  verso le pareti e il soffitto. In questo modo l’illuminazione è prevalentemente indiretta perciò crea una atmosfera rilassante.

Spesso l’illuminazione del salotto è data da faretti orientabili possono rivelarsi una soluzione versatile che ti permette di orientarli sulle pareti se vuoi rilassarti e orientarli verso il libro nel caso tu voglia leggere. Sul mercato ne esistono  “da incasso”, incassati nel controsoffitto realizzato in cartongesso oppure installati su binari scorrevoli potete trovarli in questo famoso negozio online di lampade.

Per Illuminare il soggiorno in modo estetico possiamo inserire luci rivolte verso i quadri per metterli in risalto, oppure per far risaltare le mensole con libri e soprammobili e anche gli angoli di verde.

Possiamo illuminare il soggiorno con un lampadario in stile, o di fattura più moderna, al centro del soffitto. Esso mantiene il suo fascino senza tempo, grazie alle lampadine a risparmio energetico non è più giustificabile tenerlo in “ombra”.

L’illuminazione è una parte fondamentale dell’arredamento del soggiorno. Con una buona illuminazione potrai rilassarti e svolgere meglio le tue attività in casa, ti sentirai a tuo agio, ti goderai casa tua al meglio.

stile-minimal

Stile minimal

Decidere come arredare la propria casa non è mai semplice. C’è chi preferisce uno stile classico, altri moderno, total white oppure minimal.

Per gli amanti dell’ordine, della sobrietà e dell’ eleganza lo stile più indicato e il minimal.  L’ arredo in stile minimal conferisce un look contemporaneo e sofisticato all’ambiente. Gli spazi minimalisti devono essere ridotti all’essenziale, le decorazioni e gli eccessi sono banditi. Particolare importanza viene data alla luce e agli spazi che diventano i protagonisti dell’ ambiente.

stile-minimal

L’ obbiettivo dello stile è di essere funzionale e pratico, poche superfici da pulire, poco disordine e nessun eccesso inutile.

Il minimal essendo uno stile che necessita di poco spazio e di poche spese nell’arredare è l’ ideale per coloro che scelgono di acquistare casa, durante il periodo di crisi economica, senza rinunciare al gusto di avere una dimora moderna e sofisticata  allo stesso tempo.

Lo stile minimal e caratterizzato da materiali originali e innovativi ( laccati, vetri, metalli) per i pavimenti si opta per resine, cemento e intonaco. Si prediligono le forme lineari e la scelta di colori prevalentemente sobri e neutri. Ad ogni ambiente il suo colore, leggi la guida sul colore.

Gli ambienti arredati in stile minimal sono tutti ambienti ampi e ariosi, questa è la caratteristica che contraddistingue questo stile dagli altri, ciò e dovuto anche al minimo ingombro degli spazi e all’assenza di decori.

Un aspetto fondamentale da tenere sempre presente quando si scegli lo stile di arredo della propria casa deve rispecchiare la personalità di chi lo sceglie e la abita. Perciò si consiglia di ricreare i propri spazi in base ai propri gusti cosi da evitare di avere una casa impersonale, come spesso vediamo degli  ambienti minimal.

Colori neutri, linee geometriche semplici, assenza di elementi decorativi. Sono questi i principi su cui si base l’arredamento di una camera di stile minimalista. Hai seguito questi consigli su come arredare la tua casa in stile minimal?