Alfons Pepaj, Autore presso Ristruttura Interni – Pagina 9 di 20
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Author Archive Alfons Pepaj

costo-progetto-arredamento-milano

Costo progetto arredamento Milano

Quando si decide di avviare la ristrutturazione della propria casa è fondamentale avere le idee chiare su ciò che si desidera. L’arredamento della casa è un parte della ristrutturazione che non va sottovalutata infatti è doveroso dedicare del tempo nella scelta della tipologia di arredamento che più si addice a ogni singolo coinquilino della casa cosi che il risultato finale soddisfi le esigenze di tutti.

costo-progetto-arredamento-milano

Arredare la propria dimora significa conformare con vari elementi gli spazi interni al fine di renderli più funzionali e confortevoli. A tal proposito, è possibile creare un  progetto che semplifichi l’arredamento della tua casa. Creare un progetto di arredamento significa analizzare a 360° ogni spazio della casa con lo scopo di trovare l’ armonia tra le necessità che hai, gli spazi che hai a disposizione e lo stile che desideri donare alla tu casa senza mai sottovalutare il budget a disposizione.

Per creare un buon progetto di arredamento è fondamentale affidarsi nelle mani di un professionista esperto nel campo dell’ arredamento che sia in grado di consigliarti la tipologia di arredamento più adeguata alle tue esigenze. Pertanto non affidare mai i tuoi lavori a persone che improvvisano sull’arredamento della sua casa ma individua professionisti con esperienza è che abbino i titoli giusti per operare.

Affidare l’ arredamento della tua casa ad un professionista fa’ la differenza poiché non seleziona singoli elementi per poi creare un insieme, la maggior parte delle volte non omogeneo, come farebbe una persona inesperta ma studierebbe un insieme che comprenda elementi che creino armoniosità.

Individuare il costo per un progetto di arredamento a Milano non è un operazione semplice bisogna tenere in considerazione moltissimi elementi come la superfice e i vincoli intrinsechi dell’ abitazione, l’entità dei lavori che si intendono svolgere, in alcuni casi si progetta solo l’arredamento senza spostamento di tramezzi e di conseguenza senza ampliamento di volumi, in altri casi invece il progetto prevede anche diverse opere murarie. Per questi motivi stimare un costo per un progetto di ristrutturazione è molto difficile è necessario prima avere tutti gli elementi necessari per stimare poi un costo che si avvicini al prezzo finale.

Conclusioni:

Come abbiamo visto il prezzo di un progetto di arredamento a Milano può variare in base alle esigenze e all’entita dei lavori che si intendono svolgere, per questo motivo ti invitiamo a contattarci se sei intenzionato ad avere un progetto per la tua ristrutturazione.

Impianto gas certificato

Nella ristrutturazione completa della casa gli impianti giocano il ruolo principale, abbiamo già parlato dell’impianto elettrico e dell’impianto idrico in passato negli articoli che vi elenco:

  1. Impianto idrico con collettore o con derivazione
  2. Schema impianto idraulico bagno
  3. Impianto elettrico appartamento a norma
  4. Impianto elettrico cosa devi sapere?

Tra le tipologie di impianti c’è quello del gas, sicuramente da non sottovalutare, l’installazione degli apparecchi a gas, come piano cottura e scaldabagno o caldaia devono essere collegate da personale qualificato. Le tubazioni sotto traccia devono essere realizzate seguendo delle regole universali, come ad esempio far correre il tubo del gas a massimo 25cm dal muro perimetrale. Solo seguendo queste regole l’idraulico può rilasciare la certificazione.

impianto-gas-certificato

Impianto gas realizzato a Rho provincia di milano

L’idraulico una volta che realizza il nuovo impianto del gas che ricordiamolo inizia dal contatore e va fino al piano cottura ed allo scaldabagno oppure alla caldaia, rilascia una certificazione che attesta che l’impianto è stato fatto seguendo le leggi e che è stato realizzato a norma. Solo i professionisti iscritti alla camera di commercio ed all’Albo Provinciale Artigianale sono in grado di realizzare un impianto a gas sicuro e che segue le norme in vigore.

Il gas metano ha un ruolo importante nella vita quotidiana di molti, ci facilita nei piccoli gesti che compiamo giornalmente ma che senza richiederebbero molti sforzi, basta pensare che grazie ad esso possiamo facilmente cucinare, lavarci, riscaldarci ecc…

Il gas metano possiede però una caratteristica negativa: è infiammabile, pertanto è doveroso evitare ogni fuga di gas.  A ciò si aggiunge il fatto che i prodotti della combustione possono essere pericolosi in quanto un non corretto afflusso di aria ed una combustione incompleta possono generare sostanze tossiche per l’organismo. Avere un impianto gas a norma è indispensabile per salvaguardare noi stessi e chi ci circonda, pertanto la sicurezza degli impianti a gas devono essere realizzati e controllati da personale qualificate.

Inoltre la manutenzione, l’installazione, la trasformazione e l’ampliamento dell’ impianto gas devono essere effettuate consapevolmente per non correre inutili rischi.

Le tubazioni del gas possono essere installate sia in esterno che sotto traccia (interno alle strutture, muri, pavimenti). All’ ingresso di ogni abitazione è posto un contatore che calcola il volume di gas in transito. Questo contatore è di proprietà dell’ente che vi fornisce il gas per questo motivo voi non potete spostarlo senza chiedere un sopralluogo ed un preventivo al vostro fornitore di gas.

Conclusioni:

Il gas non si vede e non si sente, per questo motivo è molto importante che l’impianto risponda alle norme vigenti perché tra tutti gli impianti questo è quello più pericoloso. Un consiglio che mi sento di darvi: non risparmiate sull’impianto del gas, perché è fondamentale per la vostra salute.

impianto-idrico-derivazione

Impianto idrico con collettore o con derivazione

Quando si effettua una ristrutturazione a Milano si effettua spesso il rifacimento del bagno e della cucina con i rispettivi impianti idraulici, elettrici e quello del gas.  La realizzazione dell’impianto idraulico del bagno nella propria abitazione può essere realizzato secondo due modalità:

  1. Impianto idrico a collettore
  2. impianto idrico in deviszione

Analizziamo nel dettaglio i vantaggi e gli svantaggi dei 2 tipi di impianti,

Impianto idraulico con derivazione

impianto-idrico-derivazione

Questo tipo di impianto prevede l’istallazione di una tubazione principale che fornisce ogni utenza. La derivazione avviene mediante l’utilizzi di raccordi a “T” questo tipo di raccordo idraulico ha un ingresso e due uscite(perciò l’acqua della tubazione principale viene cosi divisa in 2 e più canali.

In questo caso la tubazione vine interrotta ad ogni utenza, naturalmente queste giunzioni vengono coperte dalle piastrelle, in un impianto idraulico con derivazione la maggior parte dei raccordi avviene sottotraccia nel pavimento.

Con l’impianto idraulico con derivazione non è possibile bloccare una sola utenza alla volta, si blocca l’intero impianto idraulico qualora fosse necessario intervenire su un utenza si devono bloccare tutte le utenze.

Vantaggi:

  • Esteticamente bello, assomiglia ad un rubinetto
  • facile da chiudere ed aprire l’acqua
  • poco ingombrante

Svantaggi:

  • Raccordi a “T” sottotraccia (non visibili ad occhio nudo) ricoperto dalle piastrelle
  • In caso di perdita sarà l’inquilino del piano di sotto a rendersene conto prima di voi.
  • In caso di perdita bisogna rompere il pavimento ed andare ad intervenire sul raccordo a “T”

Impianto idrico con collettore

impianto-idraulico-collettore

L’impianto idrico con collettore (utilizzato principalmente per la distribuzione dell’impianto di riscaldamento) Prevede l’istallazione di un collettore idraulico a parete. La sua cassette viene murata all’interno del muro nello stesso modo di come murata la cassetta del contatore della luce, da questa cassetta si comandano tutte le utenze sia per l’acqua calda che per l’acqua fredda.

Abbiamo visto che nell’impianto con derivazione sono fondamentali i raccordi a “T” che distribuiscono l’acqua alle utenze, in questo tipo di impianto idraulico invece le tubo principale fornisce all’interno della scatola le diverse utenze, solitamente 6 o 7 per un bagno ed una cucina.

Dal collettore parte un tubo dell’acqua fredda ed uno per l’acqua calda che fornisce una singola utenza, perciò non ci sono interruzioni sottotraccia come nel metodo precedente, avremo i tubi che andranno dal collettore all’utenza diretti. Con questo sistema i giunti sono all’interno della cassetta e all’utenza alla quale sono collegati, pertanto non abbiamo giunti sottotraccia.

Tenendo in considerazione che nell’impianto idraulico le giunzioni nell’arco degli anni possono deteriorarsi, con l’impianto idraulico a collettore non abbiamo bisogno di intervenire sottotraccia, in questo modo la manutenzione è più semplice e non richiede opere murarie.

Inoltre grazie al collettore  è possibile sezionare singolarmente ogni utenza qualora vi sia la necessità.

Vantaggi:

  • Nessun giunto sottotraccia
  • Possibilità di chiudere un utenza alla volta
  • Manutenzione più facile

Svantaggi:

  • Costa di più dell’impianto con derivazione
  • Esteticamente ingombrante

Conclusioni:

Abbiamo visto i vantaggi di entrambi i tipi di impianti idraulici, l’uso del collettore spesso non viene preferito perché esteticamente è grande e un po brutto esteticamente, per questo motivo viene spesso preferito l’impianto idraulico con derivazione. Tu quale preferisci?

Come scegliere il battiscopa, zoccolino

Quando si effettuano i lavori di ristrutturazione della propria a casa a Milano e nel resto del mondo, spesso si trascura la scelta dello battiscopa o zoccolino. Capita Spesso infatti che i miei clienti non si ricordano neppure il colore del battiscopa. Per questo motivo ho deciso di scrivere questo articolo su come scegliere il battiscopa o zoccolino.

Una volta scelto il parquet o le piastrelle per il pavimento, bisogna pensare anche allo zoccolino. Vediamo insieme quali sono le funzionalità le caratteristiche ed i vantaggi di un battiscopa rispetto ad un altro.

come-scegliere-battiscopa-zoccolino

Il battiscopa ha principalmente due funzionalità:

  1. La protezione della fascia più bassa della parete, questa fascia è quella maggiormente esposta a colpi accidentali da utensili utilizzati per la pulizia del pavimento (per questo motivo viene denominato battiscopa)
  2. Il secondo motivo per qui si posa lo zoccolino è perché il pavimento in parquet sopratutto ha bisogno di avere uno spazio tra parete e lastre di parquet, questo perché i movimenti e gli assestamenti del parquet possano avere luogo senza provocare danneggiamenti al pavimento stesso. Questo vale anche per quanto riguarda le piastrelle.

I battiscopa più diffusi sul mercato sono quelli in legno formati da un supporto in multistrato o mdf con il rivestimento in laminato oppure impiallacciatura,  lo zoccolino viene spesso abbinato al pavimento in parquet che in pavimento in piastrelle ( il trend degli ultimi tempi è piastrella finto legno per il pavimento).

La forma più comune per gli zoccolini è quella classica a spigolo arrotondato in alto, detto a becco di civetta. Il battiscopa a forma squadrata viene utilizzato per ambienti con uno stile contemporaneo.  Ultimamente vengono abbinati al parquet zoccolini in alluminio resistenti e dal design accattivante.

Quali sono le dimensioni dei battiscopa?

La grande distribuzione ha reso le misure dello zoccolino più o meno standard, queste dimensioni sono di 4- 6 – 8 cm in altezza per 1 cm di spessore, I listelli del battiscopa in legno sono venduti con una lunghezza minima di 240cm ed una massima di 300cm. Naturalmente esistono anche modelli più alti e più spessi, che possono raggiungere i 15 cm in altezza e superare i 2 cm in spessore, ma sono realizzati su richiesta, perché non sono tanto richiesti sul mercato.

Gli zoccolini in ceramica ed in marmo invece hanno la stessa altezza di quelli in legno ma la lunghezza varia da materiale a materiale, quelli in alluminio invece sono lunghi come quelli in legno.

Come viene posato il battiscopa?

La posa dello zoccolino in legno, che va effettuata una volta ultimati i lavori di posa del pavimento, (solitamente prima della seconda mano di pittura) avviene mediante incollaggio o chiodatura. Quando si posa il battiscopa bisogna fare particolare attenzione agli angoli e agli spigoli delle pareti che richiedono il taglio in diagonale degli elementi, per farli combaciare perfettamente.

Il battiscopa in ceramica ed in marmo viene posato tramite colla adesiva e poi stuccato tramite stucchi particolari.

Come scegliere il battiscopa?

I criteri per l’abbinamento alle pavimentazioni possono essere molteplici. Si può seguire il principio di armonizzare pavimento e zoccolino, scegliendo la stessa essenza di finitura, oppure optare per una soluzione in contrasto, quale ad esempio uno zoccolino in alluminio, oppure infine cercare una relazione fra zoccolino ed altri elementi d’arredo, quali i profili di porte.

Conclusioni:

Quando si sceglie il pavimento e gli elementi d’arredo bisogna pensare al battiscopa, perché non c’è nulla di più brutto che un battiscopa che non segue lo stile della casa.

come-arreda-bagno-lungo-e-stretto

Come arredare bagno lungo e stretto

Arredare un bagno lungo e stretto non è semplice, bisogna tenere in considerazione i mq disponibili, le esigenze dei singoli inquilini e il budget a disposizione.

La prima cosa da fare quando si decide di rinnovare l’arredamento del bagno è tenere a portata di mano una pianta cosi da semplificare notevolmente la disposizione degl’ elementi d’arredo e sfruttare al massimo lo spazio, in tal modo si eviteranno elementi ingombranti che ostacoleranno il passaggio da un’ area all’altra del bagno.

come-arreda-bagno-lungo-e-stretto

Nel caso in cui il tuo bagno sia largo e stretto da non superare all’incirca il metro e mezzo è consigliabile disporre l’arredo del bagno il un solo lato, preferibilmente nella parte in cui è posizionata la colonna di scarico, cosi da rendere agevole il passaggio e facilitare il montaggio dei mobili d’ arredo.

Se desiderate che il vostro bagno lungo e stretto risulti, oltre che funzionale, esteticamente bello e confortevole è consigliabile seguire delle piccole regole che vi permetteranno di porre in secondo piano i difetti del vostro bagno e di esaltarne i punti forti.

La scelta dei colori gioca un ruolo importante nel caso il bagno sia piccolo infatti i colori chiari tendono a rendere gli ambienti più luminosi e otticamente più grandi.  I colori scuri al contrario rimpiccioliscono la stanza e la rendono più scura. La scelta dei colori scuri è assolutamente da evitare nel caso abbiate un bagno cieco.

Per l’illuminazione di un bagno lungo e stretto è consigliabile inserire faretti o applique in quanto l’utilizzo di lampadari pendenti metterebbe in risalto la forma allungata della stanza.

Per la scelta dei sanitari, del lavabo, della doccia o box doccia le scelte possibili sono tante poiché molteplici sono le alternative che il mercato offre. Ti consiglio di puntare sulla scelta di sanitari piccoli, un esempio possibile e molto di moda al momento sono i sanitari sospesi poiché sono privi della colonna di scarico, in tal modo ingombrano meno lo spazio. Per quanto riguarda la doccia è consigliabile applicare quelle a filo pavimento oppure una doccia angolare, con anta ricurva e piatto semicircolare.

Tu come hai arredato il tuo bagno lungo e stretto? Leggo anche: Bagno lungo e stretto: consigli di relooking!

come-scegliere-colore-pareti-casa

Come scegliere colore per le pareti di casa

Come scegliere il colore giusto per le pareti della propria casa non e semplice, è importante avere le idee chiare.

Prima di dipingere le pareti è fondamentale individuare il giusto colore per le vernici ed è bene conoscere la destinazione e l’uso dell’ambiente perché non va persa di vista linfluenza dei colori sugli stati d’animo e sull’effetto visivo finale .

La giusta scelta del colore per la tinteggiatura della propria casa può fare la differenza per quel che riguarda l’ampiezza visiva degli spazi ed il loro uso pratico. Cambiare i colori utilizzati nelle varie camere consente infatti la creazione di effetti ottici che ridimensionano gli ambienti rendendoli più armonici e piacevoli.

come-scegliere-colore-pareti-casa

Un aspetto da non sottovalutare nella scelta del colore è il proprio gusto estetico e lo stile di arredamento di ogni stanza; infatti molti prediligono seguire le ultime tendenze dettate della moda ma ciò va spesso a discapito dell’ unicità e personalità della casa. Seguire la moda del momento significa anche sacrificare il gusto personale ed avere una casa impersonale che non ha legame emotivo con chi la abita.

Ponderare sulla scelta del colore dei tuoi ambienti è fondamentale, molti consigliano nel caso si abbia ambienti piccoli  di tinteggiate le pareti con colori chiari che ne amplificano gli spazi, mentre si può osare con pareti scure quando le stanze hanno grosse dimensioni e non si teme l’effetto rimpicciolimento.

Infatti chi desidera che gli ambienti in cui vive siano otticamente più ampi deve puntare sull’ uniformità cromatica e indirizzarsi sulla scelta di colori chiari e luminosi da utilizzare sia sulle pareti che sui soffitti, ciò dilaterà lo spazio grazie alla riflessione della luce.

Chi al contrario non ha problemi di spazio  ha a disposizione la tabella RAL per la scelta del colore della tinteggiatura delle pareti della camera; queste pareti possono essere anche nere, marroni, blu o verdi sulla scelta della tinteggiatura delle pareti infatti non ci sono paletti nella scelta di colori.

Nel caso si abbia problemi con l’altezza bassa del soffitto è consigliabile optare per una colorazione fredda o neutra leggermente più chiara di quella scelta per i muri. Al contrario, per abbassare un soffitto troppo alto, sarà sufficiente dipingerlo di un colore più scuro e caldo.

Per la giusta scelta della tinteggiatura della tua casa, chiedi consiglio ad un esperto. Contattaci.

parete-attrezzata-soggiorno

Parete attrezzata in soggiorno

La scelta dei mobili per l’arredamento della casa è uno dei momenti più difficili. Devi fare i conti con le misure delle pareti, con i colori delle varie stanze, con gli spazi ridotti, con le esigenze dei singoli inquilini e spesso molti si devono accontentare in quanto non hanno un budget che gli permette di arredare su misura.

Le pareti attrezzate sono la soluzione migliore per chi ha problemi con arredamento della propria casa poiché   rispondono a tutte le esigenze, si adatta  ad un arredamento classico ma anche ad un arredamento moderno. Sono particolarmente indicate per chi non vuole rinunciare all’aspetto estetico ma desidera conciliare le proprie esigenze con gli spazi a disposizione. Di solito tali pareti sono compatte e con moduli indipendenti, è possibile studiare e sviluppare composizioni personalizzate.

parete-attrezzata-soggiorno

Le pareti attrezzate hanno molte qualità esteticamente hanno un grande impatto visivo, sono funzionali, aiutano a salvare lo spazio, inoltre si adeguano ad ogni stile e ad ogni ambiente della casa. . Lo spazio che circonda le pareti attrezzate può diventare ancora più di impatto se si gioca con l’illuminazione e inserendo una lampada di design, da tavolo o da terra oppure accessori dalle linee speciali come un moderno portariviste.

Questo tipo di arredamento è particolarmente indicato per dare stile ed eleganza inoltre è il giusto compromesso per chi desidera mobili di classe ma siano concretamente utili. Le pareti attrezzate possono avere architetture differenti e possono essere destinate a vari usi:

  • vani porta tv
  • libreria
  • cassetti
  • mensole
  • postazioni per pc

Si distinguono da altre tipologie di soluzioni perché vengono realizzati con materiali differenti: metallo, laccato, vetro, legno, particolarmente apprezzato è il wengè. Le pareti per soggiorno più attuali rappresentano spesso soluzioni immediate e al contempo raffinate, con vani di differenti dimensioni, alternati a contenitori con ante. Spesso hanno incorporato anche un moderno caminetto.

Le pareti attrezzate sono ideali per le case di Milano, dove il soggiorno si utilizza per ospitare famigliari ed amici. arredando in questo modo il tuo soggiorno l’ambiente sembrerà più grande visivamente ed inoltre avrai i ripiani in vetro o legno a tuo piacimento. Tu hai utilizzato la parete attrezzata per arredare il tuo soggiorno?

 

 

 

serramenti-in-legno-milano

Serramenti in legno a milano

Le finestre sono elementi indispensabili per un’abitazione, in quanto anno il ruolo di separarci dall’esterno. Un buon infisso deve proteggerti dagli agenti atmosferici( freddo, caldo, vento…) e deve garantirti una totale sicurezza dai malintenzionati. I materiali più utilizzati per i serramenti sono il PVC o laminato, l’alluminio combinato al legno ed naturalmente il legno, i serramenti in legno a Milano sono preferiti agli altri materiali, perché il legno è un materiale naturale che veniva usato anche dai nostri antenati.

serramenti-in-legno-milano

Ognuno di loro ha caratteristiche positive e negative, il modo migliore per effettuare la scelta dei serramenti è soffermarti e analizzare attentamente le tue esigenze e la situazione specifica della tua casa. L’importante è che vengano posate in modo da coibentare (isolare) dall’esterno in maniera ottimale.

Quali sono le proprietà delle finestre in legno?

  • La bellezza estetica è una qualità intramontabile di questo materiale, il fascino che il legno dona è in grado di trasmettere calore nell’ambiente.
  • Isolante termico ed acustico questa è una caratteristica indiscussa dei serramenti in legno in quanto hanno la capacità di distaccare i rumori e gli effetti degli agenti climatici dell’esterno cosi da salvaguardare l’ interno dell’abitazione.
  • La resistenza è un pregio dei serramenti in legno infatti chi sceglie questo tipo di materiale sa che i suoi infissi avranno solidità, compattezza, e resistenza all’usura.
  • Eco sostenibile è la parola chiave delle finestre in legno in quanto è un materiale naturale che non danneggia l’ ambiente, inoltre è facilmente riciclabile.

Molteplici sono i pregi delle finestre in legno, naturalmente il legno essendo un’materiale naturale necessità di un adeguata manutenzione. Il tempo, gli agenti atmosferici e gli sbalzi termici determinano spaccature e lesioni che portano all’usura del legno, perciò per durare nel tempo ha bisogno di costanti attenzioni, infatti è possibile  preservare questo materiale attraverso cicli di verniciatura di alta qualità e specifiche per ogni tipo di legno.

Conclusioni:

I serramenti in legno sono belli da vedere e funzionali, è sconsigliato usare un infisso in legno nella doccia. Sostituendo i serramenti nel 2016 si usufruisce delle agevolazioni fiscali del 65% per il risparmio energetico. Insomma con i serramenti in legno a Milano si risparmia 2 volte, la prima è appunto la detrazione fiscale del 65% e la seconda e sulla bolletta, perché i vostri serramenti isoleranno casa tua dal freddo d’inverno e dal caldo in estate.