Alfons Pepaj, Autore presso Ristruttura Interni
  • +328 2883309
  • info@ristrutturainterni.com

Author Archive Alfons Pepaj

Living Now, la nuova serie per la Smart Home

Ristrutturazioni e rete internet

Il trasferimento è uno dei cambiamenti ai quali dedichiamo più sforzi. Infatti, oltre alla ricerca dell’immobile giusto, di solito bisogna procedere a tante faccende burocratiche. Ad esempio è fondamentale pensare alle ristrutturazioni necessarie ed anche alla connessione internet più adatta alle proprie esigenze, scegliendo con un confronto tariffe mobile fisso.

In particolare, queste due operazioni sono quelle che richiedono il maggior dispendio di energia:

  • ristrutturare: oltre ad optare per soluzioni funzionali (come, ad esempio, eventuali efficientamenti energetici) dobbiamo pensare anche a tutto l’aspetto estetico e quindi all’arredo degli interni.
  • collegamento internet: ormai viviamo in un mondo sempre più connesso, basti pensare a tutti i sistemi domotici che mettono in comunicazione il nostro device mobile con i nostri elettrodomestici collegati in rete. Per questo è bene pensare alla connessione più utile ai nostri scopi fin dalla ristrutturazione. 

Confronto tariffe mobile/fisso: come fare

Ad ogni modo, per fortuna, oggi esistono siti che si occupano di comparare facilmente e velocemente le tariffe mobile/fisso

attraverso un confronto simultaneo su di esse.

Infatti, scoprire quali sono le migliori offerte in circolazione ci permette di scegliere più rapidamente quella che fa al caso nostro e che ci permette di risparmiare.

Perché cambiare operatore con il confronto tariffe mobile/fisso

Cosa porta a cambiare operatore? Di solito si sceglie di passare ad un altro provider per tre motivi principali:

  • Aumentare le prestazioni della connessione internet
  • Risparmio in bolletta
  • Rinnovo delle prestazioni

Ad oggi la tecnologia che permette di avere una connessione internet fissa veloce e stabile è quella FTTH: Fiber To The Home che utilizza in tutto il tragitto la fibra ottica.

Tuttavia, attualmente non tutte le città d’Italia dispongono della tecnologia di fibra ultraveloce.

Ristrutturare: è più facile con l’interior designer

Quando si acquista una nuova casa è facile perdersi d’animo e, se non si è del mestiere, a volte è difficile immaginare il giusto arredo che sia il più possibile funzionale ed esteticamente gradevole.

In realtà c’è un modo per farlo con più spensieratezza e nel modo più corretto: affidarsi ad un professionista.

Infatti l’interior designer ci permette di:

  • sfruttare il potenziale dell’abitazione al massimo
  • essere sicuri di seguire tutte le regole riguardanti i lavori di ristrutturazione
  • partecipare alla costruzione di un progetto di ristrutturazione condiviso con un professionista. 

Ristrutturare con le regole della domotica

Le case di oggi sono sempre più “smart” e cioè interconnesse. Quindi, quando si pianifica una ristrutturazione, non si può prescindere da una buona connessione internet sia fissa che mobile.

 Infatti il futuro delle ristrutturazioni guarda sempre di più alle regole della domotica. Si tratta di una tecnologia innovativa che permette di automatizzare la maggior parte delle funzioni della casa tramite un sistema di gestione coordinato. In particolare tutti i dispositivi domestici sono in connessione fra loro e gestiti dall’utente tramite pc o smartphone.

 Come detto, non tutta Italia può ancora godere della fibra ottica con tecnologia  FTTH: Fiber To The Home.

Per scoprire se

 Scegli una soluzione tecnologica end-to-end per la tua ristrutturazione

Non assumeresti un architetto per fare metà del lavoro. O un muratore per fare i due terzi di un lavoro. Quindi, quando scegli uno specialista per una casa smart , assicurati che offra un servizio completo end-to-end.

La gestione di una soluzione tecnologica completa richiede un approccio pratico durante ogni fase del processo di ristrutturazione della casa smart .

Il tuo specialista dovrebbe avere la capacità di riconoscere e superare eventuali problemi associati alle complessità di una ristrutturazione di una casa smart . Ciò richiede esperienza e conoscenza esperta in ogni fase del processo.

Scegli una soluzione end-to-end e ti assicurerai che la ristrutturazione della tua casa intelligente offra la funzionalità desiderata e che il tuo sistema funzionerà perfettamente in tutte le aree nuove ed esistenti della tua casa.

Potenziali limiti della ristrutturazione della tua casa smart

I due momenti migliori per implementare le tecnologie di automazione domestica sono durante la costruzione della tua casa e durante i lavori di ristrutturazione. Questo perché la costruzione  di una casa smart  comporta l’installazione di cablaggi domestici smart e vari sottosistemi.

Se si incorporano sistemi tecnologici intelligenti dopo il completamento dei lavori di ristrutturazione, potrebbe essere necessario rimuovere intonaco e altri materiali associati alle strutture esistenti prima di poter installare i cablaggi. Questo è regolarmente più dispendioso in termini di tempo e denaro rispetto all’integrazione del cablaggio al momento della ristrutturazione.

Un altro potenziale limite deriva dalla ristrutturazione di case classificate come patrimonio. Quando si installa il cablaggio nelle strutture esistenti di case classificate come patrimonio, lo specialista della casa smart non deve alterare o danneggiare le aree protette, inclusa la facciata della casa.

Alcune idee da installare nella tua casa smart  durante la ristrutturazione

  • Riscaldamento e condizionamento della casa : Aria condizionata e riscaldamento sono le cose che pesano di più sui consumi energetici, e quindi sulla bolletta idrica. L’automazione di questi impedisce ripetute sviste. Non sta più a te adattarti ai tuoi sistemi. D’ora in poi, sta a loro adattarsi a te, tenendo conto delle tue abitudini, dell’ora del giorno, delle stagioni, ecc.
  • Consumo d’acqua: Con una casa smart , il flusso d’acqua, i sistemi di irrigazione esterni e il tuo scaldabagno sono configurati per massimizzare la loro efficienza nei momenti chiave e ridurre il loro impatto energetico in altri contesti.
  • Illuminazione Automatizzata secondo preconfigurazioni, controllata da sensori o variabile in base all’ora del giorno, l’illuminazione può essere gestita per rendere piacevole la fruizione dei vostri spazi riducendo il suo impatto energetico.
  • Tapparelle o tapparelle motorizzate Adattandosi all’ora del giorno, al tempo fuori o alla stagione, le tende o le persiane ti aiutano a mantenere la tua casa fresca o calda. In inverno, questi sono programmati per far entrare più luce e, come corollario, più calore. Al calar della notte, si chiudono automaticamente per mantenere il calore recuperato. Al contrario, le tue tende si adattano per ridurre il guadagno solare.

Perchè rivolgersi ad un interior designer?

Dopo l’acquisto di un bene immobile, è necessario ristrutturare i suoi spazi interni e arredare ogni ambiente in modo bello e funzionale. Ovviamente è possibile darsi al fai da te, così da risparmiare. È questo che molte persone credono. Sicuri che si tratti della scelta ideale? In realtà non lo è affatto. Andiamo a scoprire perché è preferibile rivolgersi ad un interior designer.

Ristrutturare gli spazi interni di casa: cosa può fare per te un interior designer

Quando guardi alle stanze della tua casa, vedi solo delle stanze appunto, degli spazi vuoti che devono essere riempiti. Un interior designer invece non vede mai solo delle mere stanze, ma delle potenzialità. Riesce a catturare persino le potenzialità nascoste in ogni ambiente, che ad occhio nudo nessuna persona poco esperta potrebbe mai vedere. Ha studiato tanto per affinare questa sua percezione dello spazio e inoltre conosce tutto ciò che riguarda le regole dei lavori di ristrutturazione, così da agire senza commettere errori e garantendo alla tua abitazione la sicurezza di cui ha bisogno. 

Un interior designer ovviamente non interviene mai senza prima progettare lo spazio. Il primo passo che compie è parlare con il cliente, con te, così da capire quali siano i tuoi desideri e le tue necessità. Effettua poi dei rendering in tre dimensioni che permettono di capire come sarà alla fine l’aspetto della casa. Non effettua mai un rendering soltanto, ma più rendering, così da offrirti delle scelte, così da aiutarti a capire quale sia la soluzione perfetta per i tuoi sogni. Ovviamente nella progettazione dello spazio prende in considerazione anche soluzioni radicali, con la possibilità quindi di spostare le stanze della casa, i muri, gli impianti.

Ristrutturare senza errori

Le persone poco esperte possono ritrovarsi a commettere errori di valutazione nella ristrutturazione dei loro spazi interni oppure possono non essere in grado di seguire quelle che sono le normative attualmente vigenti. Questo significa perdere tempo e dover effettuare nuovi lavori per riparare agli errori commessi. Non solo, questo significa anche rischiare di incorrere in sanzioni e creare un’abitazione che non risulta sicura la cento per cento. Con un interior designer tutto questo non può succedere.

Come abbiamo poco fa avuto modo di vedere, l’interior designer è una figura professionale che conosce infatti alla perfezione il mondo delle ristrutturazioni, le normative attualmente vigenti e tutto ciò che concerne la sicurezza. Inoltre sa quali siano le soluzioni che permettono di rendere una stanza visivamente più grande di quanto in realtà non sia, più vivibile, più funzionale. Proprio per questi motivi non commette errori di alcun genere.

Arredare casa: l’interior designer per scegliere i mobili migliori

I mobili di casa devono essere scelti in base al proprio gusto personale, allo spazio che si ha a disposizione, alle attività che devono essere portate avanti in casa. Proprio per questo motivo sembra trattarsi di una scelta che chiunque può fare in modo autonomo. Il problema è che è facile ritrovarsi a spendere soldi per dei mobili che in realtà non sono di alta qualità e che possono danneggiarsi nel giro di poco tempo. Che spreco di soldi e anche di tempo!

Un interior designer sa invece valutare con estrema attenzione la qualità dei mobili. È infatti una persona esperta, che ha studiato ogni materiale al meglio, che conosce i brand più importanti del settore e la loro onestà. Inoltre è un professionista a cui i brand inviano i loro cataloghi, aggiornato anche sulle novità più interessanti. Sa scegliere quindi i mobili di più alta qualità e più duraturi nel tempo, in base ovviamente al budget che tu hai a disposizione.

Velocità nell’esecuzione dei lavori e nell’arredamento della casa

È molto importante poi ricordare che ogni interior designer ha una sua rete di conoscenze e di contatti. Più lunga è la sua esperienza nel settore, più contatti è sicuramente riuscito a collezionare nel corso del tempo. Questo significa riuscire a contattare in modo diretto i fornitori di piastrelle, sanitari, pavimentazioni, rivestimenti, infissi e simili. Se contattati dall’interior designer, i fornitori consegnano i materiali molto più in fretta rispetto a quando vengono contattati dal cliente finale. I lavori di ristrutturazione possono quindi partire quanto prima.

Lo stesso vale anche per quanto riguarda l’arredamento, anche per gli arredi modulari per i quali è prima necessario fare un sopralluogo e prendere le misure, anche per gli arredi realizzati su misura. L’interior designer può contattare anche i fornitori di mobili in modo diretto, ricevere una risposta in tempi molto brevi, riuscire ad arredare casa quindi con tempistiche strette.

No allo stress grazie all’interior designer

Provare a ristrutturare e arredare casa in modo autonomo è molto stressante. È già stressante cercare mobili e materiali per la casa. È ancora più stressante mettersi in contatto con i fornitori, riuscire a gestire le consegne, aprire un cantiere dentro casa, gestire gli operai. Senza dimenticare poi che a seconda degli arredi scelti e delle modifiche agli spazi, è necessario anche prendere in considerazione l’eventuale spostamento di prese della corrente, tubature, radiatori.

Grazie alla figura professionale dell’interior designer tutto questo stress può essere eliminato alla radice. Sarà lui a farsi carico di ogni più piccolo dettaglio della gestione dei lavori e dei fornitori, un servizio chiavi in mano insomma.

Interior designer per risparmiare soldi

Come abbiamo inizialmente affermato, la maggior parte delle persone crede che facendo affidamento sul fai da te sia possibile risparmiare. In realtà nel corso di questo nostro articolo è diventato chiaro esattamente l’opposto. Affidandosi al fai da te si possono commettere degli errori che possono portare a spese ulteriori, se non anche a sanzioni. Con l’interior designer invece si ha la garanzia di spendere i soldi adeguati per una casa impeccabile e di non dover più aprire il proprio portafoglio per anni e anni.

Se vuoi sapere quali sono le tariffe da prendere in considerazione per i servizi di un interior designer, ti consigliamo di leggere la guida ai prezzi pubblicata su edilnet, un portale questo ricco di utili informazioni e consigli per tutti coloro che devono ristrutturare casa.

Come ristrutturare casa migliorando efficienza energetica?

Come ristrutturare la tua casa migliorando l’efficienza energetica?

Controparete-termica

Consigli di ristrutturazione per il risparmio energetico

Il risparmio energetico è diventato una vera preoccupazione per le famiglie italiane. Per questo motivo è importante ristrutturare la casa al fine di migliorare l’efficienza energetica.

Le motivazioni possono essere diverse: ridurre la bolletta dell’elettricità o minimizzare l’impatto sull’ambiente. Tuttavia, l’ecologia è al centro del dibattito e oggi lo Stato e le autorità locali stanno istituendo un aiuto finanziario per consentire a tutti gli Italiani di rinnovare con successo le loro case migliorando l’efficienza energetica.

Come ridurre in modo sostenibile la bolletta della luce?

La preoccupazione principale delle famiglie italiane è quella di risparmiare energia per ricevere una bolletta più bassa.

Alcune persone scelgono anche di risparmiare denaro per limitare il loro impatto sull’ambiente. Il consumo di energia rappresenta il 30% delle emissioni inquinanti di un Italiano e oggi lo Stato incoraggia le famiglie Italiane a ridurre le loro emissioni inquinanti grazie a numerosi lavori di ristrutturazione finanziati (parzialmente) dallo Stato e/o dalle autorità locali.

Perché è importante scegliere correttamente il fornitore di energia elettrica?

contatore-enel

Il risparmio energetico inizia non appena viene firmato il contratto energetico con un fornitore di energia elettrica. E’ necessario stipulare un contratto energetico adeguato alle esigenze della famiglia: superficie dell’abitazione, numero di abitanti, abitudini di consumo, stile di vita, ecc.

È possibile consultare facilmente un comparatore dei diversi fornitori di energia elettrica per confrontare le diverse offerte: prezzi, opzioni, ecc. Il prezzo per kWh è importante, ma assicuratevi di sottoscrivere un’offerta in cui il prezzo per kWh rimanga fisso per evitare di essere soggetti a variazioni del prezzo per kWh (aumenti e diminuzioni).

Opinioni e recensioni dei clienti

Eni, Iren, Coop luce e gas, Edison: un buon modo per scegliere il fornitore di energia elettrica?

I comparatori consentono ai consumatori di confrontare i prezzi delle offerte dei fornitori di energia elettrica, ma il prezzo di un contratto energetico non è l’unico criterio per scegliere il fornitore di energia elettrica giusto.

Le opinioni dei consumatori (disponibili sui forum e sui siti web ufficiali dei fornitori) sono un buon indicatore per avere un’idea migliore della qualità del “cliente” del fornitore di energia.

  • Le offerte sono oneste?
  • Il servizio clienti è facile da raggiungere?
  • Le controversie/problemi sono gestiti correttamente?
  • C’è un’adescamento telefonico abusivo?

Come ridurre le spese energetiche in casa?

I costi energetici possono essere drasticamente ridotti con poche azioni quotidiane e/o lavori di ristrutturazione per i quali è necessario un budget più o meno elevato.

Tuttavia una casa perfettamente isolata permette di risparmiare energia a lungo termine.

Ristrutturazione necessaria per ridurre la spesa energetica

Una casa mal isolata o non ben isolata è un vero e proprio abisso energetico ed economico, poiché gli occupanti devono surriscaldare e sfruttare l’energia per ottenere una temperatura piacevole nelle stanze principali.

Il tetto è il luogo principale dove il calore fuoriesce (30% di perdita di energia) con le pareti (25%) e le aperture, in particolare le finestre (13%).

La maggior parte dei lavori di isolamento si concentra su queste “aree a rischio” per ridurre il flusso d’aria e la perdita di calore. Il governo italiano incoraggia le famiglie ad effettuare ristrutturazioni energetiche per ridurre l’impatto sull’ambiente, in particolare. L’elenco completo dei bonus è disponibile sul sito web del Governo.

È necessario ricorrere a veri professionisti approvati per realizzare questi lavori di ristrutturazione ed evitare possibili delusioni e problemi in cantiere.

Quali attrezzature possono essere adottate per ridurre i costi energetici senza effettuare lavori di ristrutturazione?

Nonostante gli aiuti finanziari concessi dallo Stato e dalle autorità locali, i lavori di ristrutturazione possono essere fuori dalla portata di alcune famiglie italiane, ma è sempre possibile adottare alcune piccole attrezzature a prezzi accessibili per ridurre le perdite di energia senza spendere diverse migliaia di euro. Queste “soluzioni” sono adatte solo a breve termine.

  • Vernice isolante per mantenere caldo e/o fresco a seconda della stagione
  • Tende isolanti su finestre e porte per impedire il flusso d’aria
  • Bastoni per porte
  • Guarnizioni a tenuta stagna per limitare l’ingresso di aria esterna

Il risparmio energetico contiene diversi parametri che devono essere presi in considerazione per ottimizzare le spese e ridurre significativamente il suo impatto sull’ambiente.

I pannelli solari valgono la pena a prescindere  dalla presenza dell’Ecobonus? Certamente! I vantaggi sono i seguenti:

  • Produce elettricità autonoma e quindi riduci la bolletta energetica.
  • Ti prendi cura dell’ambiente perché contribuisci a ridurre l’effetto serra.
  • Vuoi ancora più indipendenza? Opta per una pompa di calore per fare un altro passo verso l’indipendenza energetica.
  • Anche senza un bonus, recuperi il tuo investimento dopo circa otto anni.

Inoltre non è necessario un permesso di costruzione per posizionare i pannelli solari. Avvertimento! Il posizionamento è vietato sui tetti di alcuni edifici (se si tratta di un edificio storico, ad esempio). Ti suggeriamo di contattare il tuo Comune per scoprire tutto sulla tua situazione specifica. Alcuni comuni, infatti, concedono un bonus. Quindi, informati!

Qual’è la durata del funzionamento dei pannelli solari per un efficace risparmio energetico?

La durata di un funzionamento efficace varia a seconda del produttore.

Le prestazioni dei pannelli solari possono essere garantite in media per 25-30 anni, ma è assolutamente possibile che i tuoi pannelli continuino a produrre elettricità più a lungo. I primi 25-30 anni dopo l’installazione solare sono considerati la “vita utile” del sistema, ma i pannelli possono ancora produrre elettricità per decenni a seguire. Basta pensare che  il primo pannello solare moderno al mondo  continua a produrre elettricità da 60 anni!

Hai intenzione di ristrutturare casa e di conseguenza migliorare l’efficienza energetica? Contattaci.

illuminazione-classica

Illuminazione design: lusso e raffinatezza si fondono nei lampadari classici

Sei in procinto di rinnovare casa e non sei particolarmente restrittivo sul budget? Ti sei stancato di guardare solo alla funzionalità per scegliere l’arredamento di casa e vuoi dare un tocco unico, di grande eleganza, alla tua casa? Sei un amante della bellezza e degli oggetti di lusso? Allora questo è il posto giusto per te. Qui non vedrai niente di scontato e banale perché gli oggetti di design di cui sto parlando parlano direttamente alla tua anima e non alla tua parte critica, o razionale, che dir si voglia. Per capire cosa succede al tuo cervello quando osserva, ad esempio, uno dei magnifici lampadari classici di Venini, riprendiamo, per sommi capi, gli studi semiotici di Jean Marie Floch. Il celebre semiologo Jean Marie Floch aveva applicato il quadrato semiotico di scuola greimasiana al campo della pubblicità individuando quattro possibili tipi di valorizzazione per gli oggetti di consumo: pratica, critica, utopica e ludica. Dimenticatevi delle prime due e concentratevi sulle ultime due. In questi casi, l’oggetto non è considerato né per il suo valore strumentale né secondo parametri economici ma soltanto per la sua unicità; diviene quindi materia significante del lusso e della raffinatezza, qualità che sono inutili ed essenziali allo stesso tempo.

 

Arredare casa con i migliori capolavori: i lampadari classici di Venini

Insomma, la tua parte critica viene messa in pausa, ma questo non è un male, per più di un motivo. Ce lo ricorda Nuccio Ordine, celebre docente di letteratura italiana e scrittore, che ha pubblicato un libro manifesto eccezionale, dal titolo eloquente: “L’inutilità dell’inutile”. Lo scrittore sostiene, fra le altre cose, che il culto dell’utilità metta in serio pericolo il sistema culturale, le scuole, la didattica e inevitabilmente anche l’arte e la creatività. Egli rimarca quindi l’importanza delle cose superflue, ma che rendono l’uomo più umano. Che cosa ha a che fare questo con il lusso e l’eleganza dei lampadari classici? Tutto. Pensa a ciò che ipoteticamente potresti acquistare. Per la tua sala da pranzo un lampadario fatto in serie, un’imitazione più o meno riuscita di un autentico lampadario classico, se così possiamo dire, potrebbe anche fare al tuo caso. Ma sei convinto che sarebbe davvero la stessa cosa? Io credo proprio di no.

 

I lampadari classici e la necessità della bellezza

Il valore dei lampadari classici, anche quello economico, deriva in primo luogo dalla loro bellezza e indiscussa qualità e ancor prima dalle moltissime ore di lavoro artigianale che stanno dietro ad ogni pezzo. I lampadari classici non sono per tutti, ma per i soli che sanno apprezzarne il loro immenso valore artistico. Sono per i più coraggiosi, quelli che non si accontentano, che hanno una visione avanguardista della vita, quelli che sanno riconoscere da lontano un lavoro ottimamente svolto e che stanno attenti ai dettagli. Insomma, quelli che sanno ancora dare un valore alla bellezza, motore necessario del progresso umano. I lampadari classici di Venini sono un esempio lampante di cosa significa produrre opere d’arte da ammirare e da vivere.

 

ristrutturazione-casa-low-cost

Ristrutturare casa low cost

Vuoi ristrutturare casa ma hai a disposizione solo un budget limitato? Non ti preoccupare, per tua fortuna esistono tanti modi per ristrutturare casa low cost spendendo il giusto.

Procedere in assoluta autonomia, sia nella fase di progettazione, sia nell’esecuzione dei lavori è il “segreto” per risparmiare?
La distinzione è infatti strettamente legata alle capacità e competenze individuali.

Spesso, infatti, ricorrere con fiducia a un professionista del settore e ad aziende per le quali sono disponibili feedback positivi può tradursi in una garanzia di rapidità e massima resa dell’investimento iniziale. 

Quanto ti costeranno i lavori di ristrutturazione che vorresti far eseguire, se il budget che hai a disposizione sarà sufficiente a coprire il totale della spesa. Purtroppo, quando si parla di ristrutturazioni, non è possibile definire a priori quanto costa ristrutturare il bagno, la cucina, l’impianto elettrico…ecc.

Le variabili di spesa possono veramente tante ad esempio metratura, materiali, tipologia di intervento richiesto, e altro.
Fornire dei parametri di costo fissi non è assolutamente possibile.

mattone pieno a vista nicchia mobile

Trovare i materiali  come (piastrelle per il bagno o la cucina, sanitari e rubinetterie) a dei prezzi veramente low cost potrebbe essere quella di cercare tra le offerte promozionali e le giacenze o stock di magazzino dei rivenditori.


I rivenditori di materiali per l’edilizia preferiscono liberare il magazzino svendendo i prodotti invenduti e di vecchie collezioni. 

Richiedere diversi preventivi a più imprese specializzate nel tipo di ristrutturazione che vorresti eseguire, questa idea a volte si rivela la scelta sbagliata, perché il computo di ogni impresa edile realizzerà il suo computo metrico.

Richiedere e confrontare preventivi non è solo un’operazione che può permetterti di avere dei parametri di prezzo, ma è un’ottima occasione per evitare di spendere denaro inutilmente.
Per avere un confronto dirette tra le imprese è importante che le idee non cambino nel tempo e che ad ogni impresa vengano esposte le stesse esigenze e le stesse condizioni.

La chiave per spendendo poco non è nel fai da te, ma nella scelta dell’impresa che abbia il miglior rapporto fra qualità e prezzo e che nel suo organico abbia professionisti che eseguono il loro lavoro in modo passionale e professionale non in modo meccanico.

Inoltre ricordati che le ristrutturazioni beneficiano dell‘Aliquota IVA agevolata al 10% per gli interventi di manutenzione (ordinaria o straordinaria) e di ristrutturazione edilizia di casa è prevista un’aliquota IVA agevolata al 10% sul costo dei servizi resi dall’impresa che cura la ristrutturazione. 

Questa aliquota si applica anche ai beni significativi utilizzati nel corso della ristrutturazione per una misura che non ecceda  il valore della prestazione sommata a quella dei beni di consumo impiegati per realizzarla.

cila-milano

Cila edilizia milano

Che cos’è la CILA?

La CILA permette di iniziare i lavori il giorno stesso della consegna al Comune. Nel passato invece, fino al 2010, la pratica necessaria per la ristrutturazione di un appartamento era la DIA (Denuncia Inizio Attività) che obbligava ad attendere 30 giorni prima di iniziare i lavori.

la CILA viene presentata, con l’ausilio di un tecnico abilitato (architetto, geometra o ingegnere), per opere di manutenzione straordinaria senza modifiche strutturali, cioè tipiche ristrutturazioni che prevedono la modifica della distribuzione interna delle stanze.

Comunicazione di inizio lavori asseverata, è disciplinata dall’art. 6 bis [nota 1] del Testo Unico Edilizia, norma introdotto dall’art. 3 del Decreto Legislativo n. 222/2016 [2]. La caratteristica peculiare (e, ovviamente, non unica) della categoria di interventi soggetti alla CILA è la natura residuale: la comunicazione è utilizzabile ogni qualvolta siamo dinanzi a un intervento non riconducibile alle ipotesi previste dall’art. 6 (attività edilizia libera), dall’articolo 10 (attività edilizia soggetta al rilascio preventivo del permesso di costruire) e dall’articolo 22 (attività edilizie sottoposte a segnalazione certificata di inizio attività – SCIA).

Quali sono i lavori che richiedono la presentazione della CILA?

  •  il restauro e risanamento conservativo leggero, ossia non riguardante parti strutturali dell’edificio 
  • gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche che comportino la realizzazione di ascensori esterni ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio 
  •  le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico (ad esclusione dell’attività di ricerca di idrocarburi) che siano eseguite in aree interne al centro edificato) 
  •  i movimenti di terra non strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e alle pratiche agro-silvo-pastorali 
  •  la realizzazione di serre mobili stagionali funzionali allo svolgimento dell’attività agricola che presentino strutture in muratura 
  •  la realizzazione di pertinenze minori che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, non qualifichino come interventi di nuova costruzione, ovvero che comportino la realizzazione di un volume inferiore al 20% del volume dell’edificio principale 

Quanto costa la CILA?

Il costo della CILA dipende dal Comune. A Roma il costo di una è di circa 250 euro per diritti di segreteria, a Milano la presentazione è gratuita. Il tecnico che dove confrontare e verificare lo stato attuale e realizzare il progetto della nuova abitazione ha un costo a partire da 1250€ a 10’000€.

Variazione catastale

Va presentata tramite procedura DOCFA la variazione catastale se gli interventi hanno comportato un cambio della distribuzione interna e modifica dei tramezzi interni. La variazione permette di aggiornare la planimetria catastale e, in caso di rogito, assicurare la conformità catastale. Bisogna procedere entro 30 giorni dall’ultimazione dei lavori con la variazione catastale. Come ultimazione dei lavori viene presa come data utile la fattura dell’impresa esecutrice del lavori edili.

CILA durante i lavori:

La legge prevede inoltre di autodenunciare i lavori iniziati senza presentare la CILA, questa vine presentata in ritardo al proprio comune pagando una sanzione di 333 euro.

Levigatura-Parquet

Quanto costa la levigatura del parquet?

Lo scopo della levigatura del parquet,  ha come obiettivo quello di riportare la pavimentazione ad uno stato originario, pregiudicato dall’usura e dal tempo. 


Dunque la levigatura deve essere effettuata solo saltuariamente, con una distanza di almeno 8/12 mesi tra l’ una e l’ altra. Per intervenire ordinariamente sul parquet è sufficiente impiegare prodotti, come ad esempio le cere.

Quanto costa la Levigatura del parquet?

Per procedere con la levigatura di un parquet è assolutamente consigliabile affidarsi a mani esperte e non provare con tentativi fai da te che potrebbero portare all‘inevitabile danneggiamento della superficie in legno.

Per lucidare il parquet serve l’attrezzature adeguate e tanta esperienza nel settore, queste sono dunque, le due caratteristiche da ricercare in un’azienda che opera nel settore. Inoltre, i costi, per niente elevati, variabili a seconda della ditta scelta, si aggirano tra i 20 e i 45 € al mq: questa rappresenta una spesa irrisoria se si considera l’ottimo risultato che raggiungerà il parquet, anche quello più rovinato, dopo il trattamento diventa nuovo e luccicante.

7 passi della Levigatura del parquet

  1. Fase preliminare consiste nel controllare accuratamente il pavimento che deve essere sottoposto a levigatura, al fine di valutare l’eventuale presenza di elementi non ben fissati o rotti, in questo caso si interviene sistemando le doghe o i listelli di parquet prima di procedere alla levigatura.
    Inoltre è indispensabile che la superficie sia sgombra di mobili o di qualsiasi altra tipologia di ostacolo, in caso contrario l’impresa aggiungerà al preventivo al prezzo della levigatura a mq anche lo spostamento dei mobili.
  2. La Sgrassatura la macchina levigatrice  tratta la superficie passando un abrasivo per fasce parallele,  i bordi e gli angolo vengono levigati tramite una levigatrice a rullo o a nastro.
    La prima lamatura si effettua con grana 35/50 per eliminare i vecchi trattamenti e migliorare la superficie del pavimento in parquet; una seconda passata viene eseguita in maniera incrociata rispetto alla prima.
  3. Durante la levigatura si utilizzano abrasivi differenti, di grana più fine (da 80 a 120). Questa è la fase più importante perché in questa fare viene effettuata due/tre volte al fine di avere una superficie perfettamente liscia.
  4. La stuccatura serve a chiudere i pori e le fessure fra i listelli del parquet,queste vengono chiuse con un legante misto a polvere di legno, passato con una semplice spazzola.
  5. la carteggiatura viene eseguita seguendo rigorosamente parallelamente le fibre del legno, in questo caso si utilizza un abrasivo fine al fine di ottenere una superficie ancora più liscia.
  6. La pulizia profonda della superficie in parquet, per mezzo di una levigatura con grana 220;
  7. la finitura del parquet è l’ultima fase, può avvenire per mezzo di vernici, di cera o di oli; i primi serviranno a garantire le caratteristiche di impermeabilità, la seconda di traspirazione, nonostante la manutenzione sarà richiesta più frequentemente, i terzi, oltre ad assicurare la traspirabilità del legno e a richiedere una manutenzione continua, ne valorizzeranno le tinte naturali.
    Abbiamo trattato l’argomento della finitura del parquet in questo articolo: “Finitura a olio, finitura a vernice per il parquet

Conclusioni:

Il parquet è un materiale eterno, solo con la manutenzione ordinaria tramite la cera da farsi una volta al mese e la levigatura parquet da realizzarsi ogni 8/10 anni questo materiale rimane quotidianamente nuovo e caldo, come solo il legno sa essere.


È consigliabile levigare il parquet quando la casa è libera da persone e cose, in questo modo il prezzo della levigatura sara piu basso rispetto allo stesso ambiente ammobiliato.

vasca-da-bagno

Vasca da bagno

La vasca da bagno oltre a essere funzionale è anche un vero complemento d’arredo, che all’interno dell’arredamento del bagno può realmente fare la differenza.

La scelta delle vasche da bagno disponibili sul mercato è vasta, queste vanno incontro alle esigenza di ognuno, sia per quanto concerne lo stile che il design. Ci sono vasche da bagno piccole e altre che possono essere posizionate ovunque nel bagno, queste ultime sono molto belle esteticamente e rendono il bagno diverso.

La vasca idromassaggio:

Uno dei principali benefici dell’idromassaggio è senza dubbio la capacità di sciogliere lo stress e le tensioni muscolari dal corpo. Le vasche da bagno ad idromassaggio vengono progettate appositamente per far sì che il posizionamento dei getti sia ottimizzato per rilassare il corpo.

La soluzione come la vasca idromassaggio con doccia assicura di avere tutti i comfort necessari all’interno del bagno. L’idromassaggio è un sogno per chiunque arredi un bagno e grazie alla nostra vasta gamma di prodotti diventa anche accessibili con dei prezzi alla portata di tutti.

La vasca da bagno Piccola:

In una citta come Milano dove i bagni sono spesso piccoli a causa delle ridotte dimensioni degli appartamenti, i disegnatori e fornitori di vasche da bagno hanno trovato una soluzione.  

Chi deve optare per vasche piccole non deve rinunciare ad avere un modello a libera installazione, da sistemare al centro del bagno (Freestanding), qualora il bagno avesse una forma tale da rendere libero dello spazio nel mezzo al locale, spazio che altrimenti andrebbe sprecato; intorno alla vasca, occorre in questi casi lasciare un passaggio di 60/80 cm

Le vasche piccole più comuni sono comunque quelle da installare a parete e rettangolari; si trovano nelle misure di 160, 140, 120 cm e anche meno, ma esistono anche modelli compatti di forma tondeggiante o asimmetrica.

Le vasche piccole sono spesso o più profonde o più alte di qualche centimetro, in modo da essere sufficientemente capienti. Anche le vasche piccole possono avere una seduta confortevole ed un accesso agevolato.

Vasca da Bagno angolare:

Queste sono disponibili in diversi stili, per andare a diventare dei veri e propri complementi d’arredo. Questo tipo di vasca da bagno è  disponibile anche in versione di vasca idromassaggio. 


La vasca angolare dunque è un ottimo compromesso per chi vuole occupare il minor spazio possibile, senza rinunciare alla funzionalità e al design.

Vasca da Bagno freestanding:

Per questo tipo di vasca da bagno dobbiamo considerare le dimensioni del vano. quando si ha a disposizione un’abitazione dove il bagno è grande, si puo optare per una vasca da bagno freestanding che è semplicemente un’opera d’arte: ecco come potremmo definire queste vasche in ghisa freestanding con piedini.

Le sue misure contenute la rendono perfetta anche per bagni dalle dimensioni modeste, o – perché no – per una camera da letto, in modo da avere tutto il piacere di un bel bagno nella privacy della tua stanza.

Vasche da bagno per anziani e disabili:

Grazie alla presenza di componenti aggiuntivi riesce a rispondere a determinate richieste. Nella vasta gamma di prodotti disponibili è possibile infatti trovare la vasca con sportello, molto vantaggiosa per entrare comodamente in vasca e fare un bagno in totale relax. 


Queste innovative soluzioni non sono eccessivamente costose, infatti sia la vasca per disabili che quella per anziani hanno dei prezzi contenuti rispetto alla comodità che se ne guadagna.

Vasche da bagno prezzi:

I prezzi delle vasche da bagno variano dalla qualità del materiale e dal il marchio. Materiali ricercati e linee raffinate, morbide ed avvolgenti, caratterizzano le vasche da bagno destinate a soddisfare qualsiasi esigenza sia estetica che di praticità e funzionalità hanno una forbice di prezzo molto ampia, partono da 890.00€ ai 10’000,00€.


Le vasche da bagno che vengono rivestite con le piastrelle invece hanno un costo piu contenuto, queste partono da 250,00€ fino d arrivare a 1’000,00€.

Conclusioni:

La doccia non potra mai sostituire la vasca da bagno, quest’ultima è stata utilizzata dall’inizio dei secoli. Negli ultimi tempi la doccia viene preferita alla vasca, ma per chi ha bambini piccoli e chi vuole rilassarsi oltre che lavarsi la vasca da bagno è l’ideale.

La vostra scelta cade sulla vasca da bagno o sula doccia.